Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Lega chiede ritiro patrocinio Rai al Sabir Festival
«Censura preventiva. Continueremo a mobilitarci»

La manifestazione, che quest'anno sceglie Palermo per celebrare la sua quarta edizione, punta a promuovere il tema della libertà di circolazione di persone, idee, culture e diritti. Ma per i deputati del Carroccio Pregreffi e Belotti, che chiedono alla rete pubblica di non trasmettere, si tratta di un evento non imparziale e contro il governo

Silvia Buffa

«Censura preventiva». Sono questi i termini da usare, secondo gli organizzatori del Sabir-Festival diffuso delle culture mediterranee, che dopo Lampedusa, Pozzallo e Siracusa, celebra la sua quarta edizione a Palermo, dall’11 al 14 ottobre. È una censura quella cui farebbero appello i parlamentari della Lega Simona Pergreffi, della commissione di vigilanza della Rai, e Daniele Belotti addirittura in un’interrogazione presentata, appunto, in commissione Rai. Un’interrogazione con la quale chiedono che la rete del servizio pubblico ritiri il patrocinio concesso al Festival, che si svolgerà quest’anno ai Cantieri culturali alla Zisa. Un’edizione presentata non a casa a Roma il 3 ottobre, giorno in cui si celebra il ricordo delle 368 vittime di Lampedusa del 2013 e dedicata a Tesfalidet, che «nella vita nulla ha trovato», come recita una poesia del giovane eritreo morto di stenti subito dopo lo sbarco a Pozzallo.

Se non una censura, quantomeno una provocazione. Specie in considerazione del fatto che il tema scelto per questa quarta edizione è quello della libertà di circolazione delle persone, delle idee, delle culture e dei diritti. Tema veicolato attraverso incontri, spettacoli, mostre, laboratori, concerti e teatro e che affronta argomenti oggi più che mai stringenti e al centro del dibattito socio-politico. Non la pensano così, però, i due deputati del Carroccio, che lanciano l’allarme, convinti che il Sabir Festival «non sia imparziale», che agisca potenzialmente contro il governo gialloverde e che dunque vada fermato. La televisione pubblica, a loro avviso, non può certo trasmettere e quindi rendersi complice di simili «movimenti politici regressivi». La risposta degli organizzatori della manifestazione, intanto, cioè l’Arci Palermo e Maghweb, non si è fatta attendere e non si è piegata ai toni fuori luogo ai quali, negli ultimi tempi, dibattiti simili ci hanno abituati.

La risposta, infatti, è stata un pianoforte al centro di piazza Resuttano - dove si trova la sede del circolo Stato Brado - e l’esecuzione, a cura del maestro Gianluca Badon, di alcuni brani rivisitati dell’album The Wall. Una scelta non casuale, per un avvio di festival che trova simbolicamente la sua massima espressione nel live a cielo aperto denominato per l’occasione Oltre il muro. «Siamo andati ieri a presenziare al concerto. Questa è stata la nostra risposta alla Lega», commenta Tommaso Gullo di Arci Palermo. «Mi sembra chiaro cosa vogliano fare - continua -, vogliono raccogliere subito i frutti della scalata alla Rai imponendo la linea. D’altronde hanno un loro uomo alla presidenza», alludendo a Marcello Foa, da poco ai vertici della rete di servizio pubblico.

Malgrado, insomma, gli intenti siano poco mascherati, gli organizzatori non intendono arretrare di un passo. Il loro spirito rispetto alla manifestazione non è cambiato affatto, anzi. «Continueremo a criticare e anche a mobilitarci se necessario per contrastare qualsiasi decisione o provvedimento che vada contro il rispetto dei diritti umani e la dignità delle persone, italiane o straniere che siano - scrivono a mezzo social -. Il Festival Sabir sarà, come nelle altre edizioni, un partecipato momento di confronto e dialogo tra esponenti istituzionali e della società civile dell’Europa e del Mediterraneo». Il Festival è promosso dall'Arci insieme ad Acli, Caritas Italiana e Cgil con la collaborazione di Asgi, A Buon Diritto, Associazione Carta di Roma e i patrocini di Rai, Anci e Comune di Palermo.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews