Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Blutec, spiragli su ammortizzatori ma «rilancio al palo»
Giunta: «Cercare nuove manifestazioni di interesse»

Sulle misure di sostegno al reddito il governo avrebbe garantito le coperture per la proroga nel 2019 in virtù del fatto che Termini rientra in un'area di crisi complessa, ma «la cosa importante resta la reindustrializzazione affinché si possa tornare a produrre»

Stefania Brusca

L'atteso incontro al Mise di ieri pomeriggio sulla vertenza Blutec ha lasciato in sospeso ancora molte questioni sul tavolo. L'ultimo incontro risale al 18 luglio scorso, ma in quel frangente non erano arrivate risposte concrete né sul nuovo contratto di programma, né sugli ammortizzatori sociali in scadenza il 31 dicembre prossimo, né sull'avvio del nuovo contratto di sviluppo. Questa volta sembra che qualche passo in avanti per garantire le misure a sostegno del reddito sia stato fatto, mentre sul fronte della reindustrializzazione «il progetto è fermo al palo», dice Roberto Mastrosimone, segretario generale della Fiom Sicilia. Anche questa volta si registra l'assenza del ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio. All'incontro hanno preso parte il vice capo di gabinetto, il responsabile dell'area vertenze e alcuni parlamentari. 

Sugli ammortizzatori sociali il governo avrebbe garantito le coperture per la proroga nel 2019 in virtù del fatto che Termini Imerese rientra in un'area di crisi complessa «ma ancora sono da definire - aggiunge Mastrosimone -. C'è un impegno, ma va risolto il problema il prima possibile. Al di là dei buoni propositi poi i provvedimenti vanno sottoscritti. Siccome le misure a sostegno del reddito sono importanti, sia per 700 operai ex Fiat Blutec sia per i 300 dell'indotto, abbiamo spinto perché l'anno prossimo ci sia la copertura per tutti». Dall'esecutivo pare che siano arrivate aperture anche in tal senso.

«Purtroppo dal punto di vista produttivo siamo ancora in una fase preparatoria per l’avvio dei nuovi progetti necessari a riassorbire tutti i settecento lavoratori coinvolti. L’unica buona notizia viene dal governo, che si è impegnato a prorogare gli ammortizzatori sociali», affermano Gianluca Ficco, segretario nazionale Uilm responsabile del settore auto, e Vincenzo Comella, segretario della Uilm di Palermo. «Abbiamo richiesto al governo di rendere finalmente possibile - concludono - l’aggancio alla pensione per i circa 150 lavoratori a cui teoricamente la normativa sui lavori usuranti dà questo diritto, negato però nella pratica da ostacoli operativi e paradossi burocratici. Allo stesso modo abbiamo rinnovato la rivendicazione di protezione per i lavoratori dell’indotto, attraverso sia il riconoscimento degli ammortizzatori sociali sia la ricerca di nuove attività da insediare nell’area industriale».

Resta quindi sul tavolo la questione dell'accordo tra l'azienda e Invitalia. I rapporti, riferiscono i sindacati, per quanto a detta dell’azienda siano in via di definizione, ancora non si sono perfezionati in modo ufficiale. «Ergo - afferma il sindaco di Termini Imerese Francesco Giunta - non sono state ancora definite le rate del piano di rientro (per i 20 milioni di euro di finanziamento concessi ndr) ed il nuovo piano non può ripartire fino a quando non si chiude il vecchio». Per cercare di risolvere la questione «ho chiesto al governo di ricercare nuove manifestazioni di interesse al fine di affiancare Blutec e/o sostituirla - afferma ancora il primo cittadino - visto che l'azienda ad oggi non sembra in grado di sostenere, contestualmente, il piano di rientro con Invitalia e il nuovo accordo di programma che prevede investimenti per lo sviluppo». 

Sul versante reindustrializzazione all'orizzonte si vede al momento l'accordo con Fca per la produzione del Doblò elettrico: «Ci sono al momento una serie di annunci da parte di Blutec  - aggiunge Mastrosimone - sulla realizzazione di questi mezzi ma da solo il Doblò non può riuscire a dare risposte ai lavoratori nel breve periodo. Su questo ci siamo battuti e sembra che si aprano degli spiragli al fatto che ci possano essere ulteriori soggetti che possano contribuire alla reindustrializzazione dell'area per dare risposte concrete rispetto a una vertenza che va avanti dal 2009».

Fino a questo momento quindi ancora restano i nodi da sciogliere ma ormai siamo agli sgoccioli: «Di qua alle prossime settimane si deve definire tutto, ci devono essere delle risposte. La cosa importante, oltre agli ammortizzatori sociali, resta lo sviluppo industriale e dare un impulso affinché i lavoratori possano tornare a produrre, l'impegno che da sempre hanno preso tutti i governi che si sono succeduti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×