Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

La carica degli 80mila fedeli per la visita del Papa
L'arcivescovo: «Verrà a dire ai mafiosi convertitevi»

Il capoluogo siciliano si appresta ad essere invaso dai una moltitudine di fedeli in occasione della visita del Pontefice sabato prossimo. Un appuntamento nel segno dell'accoglienza, come simboleggiato dal crocifisso realizzato con i resti delle barche dei migranti e da una Madonna nera al Politeama

Antonio Mercurio

«Don Pino Puglisi fu ucciso da mano mafiosa e la Chiesa, facendone un beato martire, si è espressa nei confronti della mafia che è intrinsecamente anti evangelica». Non usa mezzi termini l'arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice durante la conferenza per la visita del Papa Francesco sabato prossimo a Palermo, in occasione del venticinquesimo anniversario del martirio del beato padre Giuseppe Puglisi per mano mafiosa. Lorefice attacca duramente Cosa nostra, e avverte: «Il Papa verrà a dire ai mafiosi convertitevi». Per loro, infatti, c'è una «scomunica di fatto» perché ogni mafioso sarà di essere escluso perché non cammina sulle orme del Vangelo. «Un cristiano non uccide, non fa diventare idolo il denaro e il profitto - ha sottolineato ancora - Non si tratta di propinare una scomunica, perché anche ai mafiosi arriverà l'annunzio evangelico. Convertirsi significa cambiamento dello stile di vita, il Papa sta indicando una strada alla nostra Chiesa e alle chiese di Sicilia». 

Ma l'incontro di oggi è stata soprattutto l'occasione per illustrare i dettagli legati alla visita del Pontefice che vedrà il capoluogo siciliano letteralmente preso d'assalto da circa 80mila fedeli provenienti da tutta la Sicilia e da altre regioni d’Italia. I numeri sono impressionanti: 500 pullman, 40 vescovi, 700 sacerdoti, diaconi e religiosi, 200 seminaristi, 4500 giovani presenti a piazza Politeama, 250 cantori, 350 giornalisti e cine foto operatori accreditati, e 14 chilometri di transenne dislocate nel percorso papale. Secondo il programma, il Santo Padre arriverà in elicottero a Palermo da Piazza Armerina alle 10.45, nell’area del porto del capoluogo dove sarà accolto dall’arcivescovo, dal presidente della Regione siciliana Nello Musumeci, dal prefetto Antonella De Miro, e dal sindaco Leoluca Orlando. Da lì partirà il corteo, e il Santo Padre in papamobile attraverserà via Franceso Crispi, la Cala e il Foro Italico dove alle 11.15 sarà celebrata la messa dai vescovi di Sicilia e al termine ci sarà il saluto del vescovo. 

Quindi, in auto privata, il Papa si trasferirà alle 13.30 alla Missione Speranza e Carità di Biagio Conte dove pranzerà con 150 ospiti e rappresentanti dei detenuti del carcere Ucciardone, di Pagliarelli e del Malaspina, e una delegazione della Casa dei giovani per il recupero dei tossicodipendenti. Al tavolo con il Santo Padre siederà solo un gruppetto ristretto di persone: l’arcivescovo, Biagio Conte e una decina di ospiti. Terminato il pranzo il Papa, intorno alle 15, in forma privata, visiterà la parrocchia San Gaetano nel quartiere Brancaccio e la casa del beato Pino Puglisi dove salirà al primo piano e farà visita alla sua abitazione. Un momento di valenza spirituale di raccoglimento in questo luoghi. Successivamente, alle 15.30, è previsto l’incontro in Cattedrale con il clero, i religiosi e i seminaristi mentre alle 17, infine, il Santo Padre saluterà i giovani in Piazza Politeama. La zona del Foro Italico sarà divisa in tre grandi aree e ciascuna potrà accogliere circa 20mila persone. Nelle prime due si potrà accedere solo con il pass e ci sarà uno spazio dedicato ai diversamente abili, mentre nella terza l’ingresso sarà libero. 

«La visita del Santo Padre si connota come visita pastorale, ma sappiamo che il Papa ha una grande sensibilità e viene anche a visitare un territorio - ha esordito Lorefice - Da questo punto di vista penso che non solo la comunità cristiana ma realmente la città e direi l’Isola intera parteciperà di questa visita. E non posso non mettere in evidenza il fatto che il Papa ha scelto un giorno così peculiare. Direi che va sottolineato oltremodo perché ha scelto di venire nel venticinquesimo dell’assassinio del beato Pino Puglisi che è diventato un martirio, e la cosa è diversa. Ed è chiaro che viene come pellegrino a visitare i luoghi del martirio. Il Santo Padre sa infatti che a Palermo la città è fecondata da martiri della giustizia e della fede. Il Papa di questo ha piena consapevolezza e quindi viene a confermare la nostra Sicilia in questo percorso che ci deve vedere sempre coinvolti, il percorso per una convivenza umana che è quello della giustizia e della pace. Da Biagio Conte il Papa si porterà dentro di sé una chiesa che accoglie tutti, chi approda a Palermo qualunque sia la sua cittadinanza». 

Il tema dell'accoglienza è simboleggiato anche dal crocifisso realizzato con i resti delle barche dei migranti e una Madonna nera che sarà collocato sul palco a piazza Politeama, dove il Pontefice nel pomeriggio incontrerà i giovani. Un’opera dell’artista Elia Li Gioi grande quattro metri e sessanta per due metri e mezzo e del peso di quattro quintali. Al termine dell’incontro sarà donata alla Missione Speranza e Carità del missionario laico Biagio Conte. L’immagine di una Madonna nera, invece, è stata scelta per la copertina del libretto per la messa che sarà distribuito (circa 50mila copie) al Foro Italico in occasione della celebrazione eucaristica. Si tratta di un quadro che vinse un concorso indetto dal cardinale Pappalardo nel 1976 e che richiama i temi del martirio e del dolore causato dal martirio. «Una donna africana che tiene in braccio con tenerezza unica il suo bambino» ha spiegato Lorefice. 

«Il 15 settembre 2018 papa Francesco sarà a Palermo per fare memoria del martirio di 25 anni fa di Pino Puglisi - ha aggiunto il sindaco Orlando - Un’occasione per fare memoria di un uomo libero e responsabile, testimone straordinario di normalità. Una straordinaria normalità espressa dalla sua pacatezza ma anche dalla forza e dal suo impegno per una Palermo e una Brancaccio diversa e migliore. E se oggi Brancaccio è cambiata, ed è cambiata, si deve a Puglisi che noi ci auguriamo possa essere il patrono della città metropolitana di Palermo, unico patrono della città metropolitana accanto ai patroni delle singole città dell’area metropolitana».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×