Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Termini, il sindaco Giunta torna ad attaccare Di Maio
La Cgil: «Lo attendiamo al prossimo tavolo su Blutec»

I sindacati e il primo cittadino attendono la convocazione del prossimo incontro al Mise. E temono un possibile disimpegno del governo, soprattutto dei 5stelle che in città vantano un buon numero di voti. Giunta: «L'aspetto che più preoccupa è la prossima scadenza degli ammortizzatori sociali»

Andrea Turco

Se da una parte il vicepremier Luigi Di Maio festeggia l'accordo sull'Ilva tra sindacati e ArcelorMittal, dall'altra sono tante le vertenze industriali ancora aperte per il ministro dello Sviluppo economico. Tra le più spinose c'è la riconversione infinita di Termini Imerese che, dopo l'abbandono di Fiat del 2011, ancora attende di definire la propria sorte. L'ultimo dei tanti incontri al ministero dello Sviluppo economico si è tenuto il 18 luglio: avrebbe dovuto svolgersi all'interno dello stabilimento Blutec ma poi è stato spostato a Roma, all'ultimo momento e non senza polemiche. Da quel momento sono passati quasi due mesi, e dal governo Lega-5stelle non si è levato neanche un cenno nei confronti del territorio del palermitano. Un'assenza di intervento che preoccupa, soprattutto perché nell'ultimo verbale si rimandava a una nuova «verifica della situazione» proprio per settembre.

«In un batter di ciglio ci ritroviamo nel mese di settembre - dice il sindaco di Termini, Francesco Giunta - senza che all'orizzonte si intraveda uno spiraglio in questa lunghissima e dolorosa vertenza. L'aspetto che ancor più mi preoccupa è il volgere a termine del 2018 e conseguentemente degli ammortizzatori sociali. Sin dall'insediamento del governo, mi sarei aspettato maggiore attenzione per una vertenza tutta siciliana, regione che tanta fiducia ha riposto nel M5s visti gli ottimi risultati ottenuti. Purtroppo il riscontro è stato pari a zero. Se il ministro Di Maio e il nutrito raggruppamento politico dei rappresentanti locali del M5s desiderano concretamente darci una mano, che battano un colpo».

Già a luglio il primo cittadino aveva polemizzato con il capo politico pentastellato per la scelta improvvisa del cambio di programma (e di sede), col risultato che né le rappresentanze sindacali territoriali né lo stesso Giunta avevano partecipato all'incontro romano, preferendo piuttosto partecipare al presidio indetto dai lavoratori termitani. All'appuntamento del 18 luglio, Blutec ha garantito che nel dicembre 2018 verrà prodotto il doblò elettrico (l'unica commessa che finora Fca ha garantito), promettendo che «con le altre attività impiegherà tutti i 649 dipendenti». 

Anche se resta da capire quali saranno queste attività, visto che il piano industriale è ancora da definire. «Il doblò non risolve i problemi dei 700 lavoratori del diretto e dei 300 dell'indotto - attacca Roberto Mastrosimone, segretario regionale della Fiom Cgil - Certamente è necessario definire un piano industriale serio e adeguato per collocare tutti i dipendenti. Voglio ricordare che a fine anno scadrà la cassa integrazione per i 700 lavoratori di Blutec, e in più c'è l'indotto. Una delle priorità deve essere, quindi, il rinnovo degli ammortizzatori sociali per tutto il 2019, mentre si deve meglio definire il rapporto tra Blutec e Fca. Al momento - aggiunge - noi sindacati non abbiamo ricevuto nessuna convocazione al Mise, ed è indispensabile che arrivi la settimana prossima, perché ci vogliono poi altri 10-15 giorni per definire l'incontro. Ci auguriamo che al prossimo tavolo, questa volta, il ministro Di Maio possa esserci, visto che sia a Termini che in Sicilia i 5stelle hanno preso molti voti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×