Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Elezioni a Partinico, la vittoria schiacciante di De Luca
«Numeri straordinari, la gente sa cosa aspettarsi da me»

Diventa neo sindaco ottenendo quasi il doppio delle preferenze, rispetto a Pietro Rao. E già anticipa di voler ripartire dal dialogo con le scuole. Ma non sono mancate le polemiche del candidato sconfitto, che parla di «patti scellerati e accordi commerciali»

«Non mi aspettavo un risultato del genere, non riuscivo a immaginare questi numeri, sono straordinari». Così il neo eletto sindaco di Partinico Maurizio De Luca, che già da stanotte, in preda ai festeggiamenti e all’entusiasmo dei suoi sostenitori, ha preso simbolicamente possesso della città. Si aspettava una vittoria più discreta, con uno stacco di mille voti all’incirca, invece i dati di ieri sera raccontano di un quasi doppiaggio nei confronti dello sfidante Pietro Rao. L’unico rammarico è per l’astensionismo, il secondo vincitore di questo ballottaggio insieme a De Luca. «Lavorerò anche in questo senso», afferma. E l’intenzione è di farlo partendo da quel mondo che, in quanto docente, conosce e sente come proprio, quello della scuola: «Il rapporto con la scuola non sarà un rapporto convenzionale, la scuola farà parte del mio mandato in maniera attiva. Istituirò subito un tavolo tecnico che ogni due mesi tornerà a incontrarsi per parlare di programmazione. Tutte le scuole programmano le proprie attività sulla base del Ptof, il piano dell’offerta formativa triennale, che tiene conto delle esigenze del territorio. Parleremo tutti insieme quindi di progettazione e programmazione per un futuro che comincia a crescere da un punto di vista sociale e civile. Credo che questa sia la vera conquista per una comunità».

Ma tra le priorità, oltre a quella di incontrare la scuola, ci sono anche le emergenze: «Sono una priorità dell’immediato, a cui devo dare una risposta. Quindi mi concentrerò subito sulle emergenze cittadine - anticipa - Mi sono già sentito ieri sera col presidente Musumeci, che mi ha fatto sentire la sua vicinanza istituzionale ma anche umana. Il risultato raggiunto è enorme, va oltre la coalizione che mi ha sostenuto, devo dare assolutamente una risposta a tutta la mia città». Lo farà, dice, prestando attenzione alle necessità di tutti: «Sono uno che ascolta moltissimo, si impara molto dalle esigenze degli altri. Io voglio coinvolgere tutti nel ragionamento comune, ho questa necessità. Non dobbiamo però fare del mandato solo la risoluzione delle emergenze, bisogna pensare anche al futuro e realizzare qualcosa, mi piacerebbe già farlo domani, ma so che ci vorrà del tempo per segnare questo cambiamento, ma dico con onestà che lo vedo e sono sicuro che avverrà».

E sull’apparentamento politico con Maria Grazia Motisi e il duro commento di Rao su questa unione delle ultime settimane, risponde senza scomporsi: «La politica non si è mai parlata in questa maniera, è un fatto che mi commuove quasi - dice - Io non penso di essere migliore degli altri a condizione che gli altri non pensino di essere migliori di me, quindi o qua si discute tutti e si ragiona sulle idee o ce ne andiamo tutti a casa. Rinnovo questa premessa, quindi. Qua si lavora insieme. Io sono io e non rinuncio a me. La gente sa cosa aspettarsi da me, come dagli altri, non ha premiato l’urlo, ha premiato un'altra cosa e in maniera netta. Tra i miei elettori ci sono stati moltissimi giovani, è nei loro occhi che ho visto la potenzialità del cambiamento, della risposta ed è da questo che devo partire».

Gioia anche nelle parole di quella che sarà la nuova vice di De Luca: «Siamo contentissimi perché questo risultato ha dimostrato che Partinico ha risposto alla richiesta di cambiamento, alla necessità di vivere liberamente il voto - commenta all’indomani del ballottaggio Maria Grazia Motisi - Il neo sindaco rispetta un progetto che ci poterà a un cambiamento della nostra Partinico». Poi, in merito al sostegno a De Luca in vista del ballottaggio, ha detto: «Inizialmente ci siamo proposti come liste civiche, ma veniamo tutti da un’area modera di centrodestra. Siccome negli ultimi anni abbiamo percepito dai partiti una sorta distacco, sentivano la necessità di ripartire dal territorio. Ma la storia comune è quella di centrodestra e ritrovarci non è stato difficile, direi quasi consequenziale. Anche da un punto di vista programmatico i nostri programmi si possono quasi sovrapporre. Divisi in una prima fase, la necessità di cambiare Partinico ci ha visto converge su un unico obiettivo».

E a proposito del programma, promette di rimettere in sicurezza i conti dell’amministrazione e risolvere la questione rifiuti del paese «abbandonato da anni all’incuria». Riguardo al calo di partecipazione al voto, rispetto a cinque anni fa, ritiene sia da ascrivere a «una disaffezione della gente alla politica. In questi anni una pessima amministrazione ha creato un distacco con i cittadini – conclude - Ora dobbiamo lavorare per recuperare e restituire fiducia a partinicesi». Nel frattempo, un risentito Pietro Rao, reduce dalla sconfitta di ieri al ballottaggio, non le manda a dire. E neppure a lei. «Accetto il responso delle urne, ma devo dire che ha vinto il patto scellerato fra Rifondazione Comunista e il Movimento 5 Stelle, e che la città ha premiato alla fine l’accordo commerciale fra il centrodestra e Maria Grazia Motisi». Rivela di essere rimasto amareggiato dai dati ufficiali e dalla percentuale raggiunta. Si aspettava molto di più e un epilogo decisamente diverso.

«Abbiamo vinto ugualmente, in ogni caso. Perché abbiamo fatto una scelta di valori e non di poltrone - dice ancora -. Rispettiamo il ruolo assunto adesso, faremo un’opposizione costruttiva e non cederemo né a ricatti né a compromessi, non siamo in vendita». E sul nuovo primo cittadino, De Luca, non nasconde le sue riserve: «Qualche dubbio ce l’ho, ma vediamo come va. Si dice che i primi cento giorni diano la misura di quello che può dare un nuovo sindaco, hanno dalla loro parte tutto, il governo regionale e nazionale, ci facciano vedere di cosa sono capaci, quello che conta è che le città ne abbia qualche beneficio». Sul fronte consiglio comunale, invece, sono 24 in tutto gli eletti. I primi 14 usufruiscono del premio di maggioranza, che si allarga a 17 grazie all'apparentamento politico con uno dei candidati che non è arrivato al ballottaggio, e che quindi porta in dote tre consiglieri ed occuperà la poltrona di vice sindaco, Maria Grazia Motisi (ex consigliera uscente della passata amministrazione). Sette, invece, i consiglieri d’opposizione. Queste le ripartizioni nel dettaglio.

A ottenere una poltrona sono in cinque dalla lista #Diventerà Bellissima: Erasmo Briganò (439 voti), Gaspare Sollena (226 voti), Francesco Lo Iacono, detto Gianfranco (186) , Toti Comito (179) ed Eleonora Rappa (168 voti). Cinque anche i candidati provenienti dalla lista Rete Civica per De Luca sindaco: Silvana Italiano (295 voti), Totò D’Angelo (246 voti), Alessio Di Trapani (241 voti), Simona Ganguzza (211 voti) e Giuseppe Barbici (192 voti). Quattro da Idea Sicilia-Popolari autonomisti, sono: Giuliano Vito (249 voti), Mauro Lo Baido (240 voti), Nuccio Onofrio (239 voti) e Katia Di Liberto (215 voti). Un totale di 4.058 preferenze, cioè più del 27 per cento. «L'elezione di De Luca rappresenta il meritato riconoscimento alle sue qualità e al programma che ha presentato agli elettori e contemporaneamente premia l'impegno di Diventerà Bellissima che lo ha indicato come candidato e della coalizione di centrodestra che lo ha sostenuto. A Partinico, come altrove in Sicilia, la nostra classe dirigente provinciale e locale ha contribuito in maniera determinante, dimostrando che la buona politica conta per fortuna ancora molti proseliti», dichiara Alessandro Aricò, capogruppo all’Ars di Diventerà Bellissima. E poi un seggio a Lorenzo Di Trapani (280 voti) dalla lista L’alternativa, uno a Salvatore Rappa (289 voti) dalla lista È ora di cambiare e uno a Giovanni De Simone (285 voti) dalla lista Progetto comune, le tre liste cioè che sostenevano Motisi nella corsa alla poltrona di primo cittadino. Angela Landa, anche lei della lista È ora di cambiare, farà parte della giunta anche se ancora non si conosce la delega.

All’opposizione, primo fra tutti, Pietro Rao, il candidato perdente al ballottaggio di ieri (ha ottenuto il 34,97 per cento di preferenze, rispetto allo sfidante del centrodestra che lo ha quasi doppiato). Dalle due liste che lo hanno sostenuto in queste amministrative, tre sono i seggi totali: due provenienti da Legati a Rao sindaco-Salviamo Partinico, che vanno a Vanessa Costantino, detta Virga (628 voti) e a Giorgio Rao (287 voti); dalla lista Alleanza dei siciliani invece esce fuori il nome di Gioacchino Albiolo (417 voti), per un totale quindi di 3.301 preferenze, cioè il 22 per cento. Dalla lista Partinico protagonista e democratica (che sosteneva come candidato a sindaco l’ex consigliere uscente Filippo Aiello) un seggio a Giovanni Provenzano, detto Livio (330 voti). Dalla lista Partinico Città d’Europa (che sosteneva il candidato Mauro Nicolosi) un seggio a Emiliano Puleo (410 voti) e infine il Movimento 5 Stelle (che sosteneva Gaetano Costanzo) con la neo consigliera Giusi Di Capo (217 voti).

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews