Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Elezioni a Partinico, la lettera aperta dei sindacati
«Tutti i candidati sono uguali: più sono meglio è»

Diverse le questioni poste sul tavolo da parte di Cgil, Cisl e Uil agli otto in corsa per la poltrona di primo cittadino. «Non l’abbiamo fatto per avere risposte - spiega il sindacalista Pino Gagliano -, ma esporre da subito le questioni che per noi sono fondamentali»

Silvia Buffa

Foto di: silvia buffa

Foto di: silvia buffa

Dal risanamento del bilancio comunale all’aumento dell’occupazione, fino a una delle questioni più stringenti del nostro tempo, nel mondo così come anche a Partinico, quello dell’accoglienza e dell’integrazione. Sono diverse le questioni messe nero su bianco da parte dei sindacati Cgil, Cisl e Uil e girate agli otto candidati per la poltrona di primo cittadino. Una lettera aperta nata dal confronto tra cittadini e sindacalisti, realizzata però «non per avere risposte dagli aspiranti sindaci - precisa subito Pino Gagliano della Cgil -, ma nella nostra autonomia per esporre le questioni che secondo noi sono importanti. Ci rendiamo conto degli impegni che ognuno di loro deve fronteggiare a campagna elettorale in corso».

Uno degli otto, però, si è fatto avanti: è il candidato del centrodestra Maurizio De Luca, l’architetto tra i fondatori del movimento cittadino Partinico Città d’Europa, un movimento trasversale col quale però all’ultimo minuto ha deciso di non partecipare a queste amministrative, stupendo tutti con una candidatura sostenuta da quattro liste appunto di centrodestra. «Ci ha chiesto lui un incontro, spontaneamente e giorni prima dell’invio della nostra lettera, e noi abbiamo accettato - racconta Gagliano -. Ma è chiaro che non pretendiamo che lo facciano tutti, designato il sindaco con le votazioni di giorno 10, riproporremo le nostre questioni al vincitore». Intanto, sottolinea il vantaggio di avere ben otto aspiranti in corsa per queste elezioni: «Più candidati ci sono, maggiore è la possibilità di scelta per noi cittadini, lo reputo un fatto molto positivo. Per noi loro sono tutti uguali, tutti sullo stesso piano e finora ci siamo rivolti a tutti allo stesso modo e con le stesse richieste».

C’è un punto, intanto, che accomuna i programmi di tutti i candidati, quello del risanamento del bilancio. Argomento caldo a Partinico e che secondo i sindacati non può non accompagnarsi a quello di equità sociale: «Negli ultimi anni la tassazione locale è molto aumentata - spiega ancora Gagliano -. Per fare un esempio, l’addizionale Irpef qui è stata portata al massimo, allo 0,90 per cento. Crediamo che debba esserci un minimo di progressività, non si può pagare tutti alla stessa maniera, una questione che noi abbiamo posto all’attenzione di tutti i candidati».

Un paese, quello di Partinico, che con i suoi quasi 32mila abitanti per il sindacalista assomiglia più a una città, dove circa ottomila di questi risultano senza occupazione, altro tema caldissimo di queste amministrative. «Il tasso di occupazione qui è bassissimo. Speriamo che ci sia un minimo di confronto, a elezioni concluse, con le organizzazioni sindacali rispetto a questo argomento». Ma non solo. Nella lista firmata da Gagliano e dai colleghi Pietro Galati e Pietro Caleca si parla anche di molto altro. Di un impegno concreto per una definitiva valorizzazione del centro storico e del recupero delle case abbandonate, per esempio. Ma anche interventi a sostegno dell’agricoltura e del settore agroalimentare, e di interventi mirati sulle politiche sociali, con un’attenzione particolare su asili nido, residenze assistite, minori, disabili e anziani.

Al futuro sindaco si chiede anche di rilanciare le politiche di accoglienza e integrazione favorendo la nascita di percorsi che vedano protagoniste le istituzioni scolastiche e l’associazionismo locale. «A Partinico ci sono diversi centri di accoglienza, alcune dedicate ai minorenni e al loro percorso nel mondo della scuola - spiega Gagliano -. Io sono convinto che il movimento di popolo nel mondo non l'ha mai fermato nessuno storicamente, si tratta di avere con queste persone un rapporto di integrazione, con iniziative di carattere culturale e promozionale, perché ci dobbiamo convivere con queste persone, anche perché se avranno dei figli un giorno, saranno italiani, al di là di quello che dice la legge, quindi a maggior ragione, saranno cittadini di Partinico. Quindi penso che sia importante porre la questione e farlo in questi termini, e poi ribadisco che abbiamo quasi 32mila abitanti e la questione di una convivenza si pone».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews