Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Camporeale, incendi dolosi e furti di ferro, sette fermi
«Seminavano il terrore, ruolo cruciale delle donne» 

Nel corso delle indagini i carabinieri hanno documentato la presenza di un'associazione criminale, con precisi ruoli tra i componenti, tutti imparentati tra loro, dedita a danneggiamenti per acquisire una posizione di monopolio tra i concorrenti

Redazione

«Un gruppo criminale che in maniera sempre più rodata e affiatata si era stabilizzata sul territorio compiendo in maniera sistematica reati predatori. I danneggiamenti a mezzo incendio, quattro quelli documentati, venivano compiuti al fine principale, ma non esclusivo, di intimidire la concorrenza nel settore della raccolta e vendita di materiali ferroso. Settore al quale erano interessati almeno due degli indagati». A rivelarlo è il comandante della compagnia dei carabinieri di Partinico, Marco Pisano, in merito all’operazione che ha dato esecuzione a un provvedimento di fermo di indiziato di delitto emesso dalla procura di Palermo, nei confronti di sette persone indagate per il reato di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di numerosi furti di rame, ferro e in abitazioni a Camporeale.

Nel corso dell’attività investigative, è stata documentata l’esistenza e l’operatività in quel territorio di una strutturata associazione criminale, con precise ripartizioni di ruoli e competenze tra i componenti, tutti imparentati tra loro, dedita alla sistematica commissione di danneggiamenti a mezzo incendio nei confronti dei rivenditori di rame e ferro con il chiaro intento di intimidirli e scoraggiarne l’attività lavorativa, al fine di acquisire una posizione di monopolio in quel particolare segmento di mercato. Tanto che in alcune intercettazioni gli investigatori hanno trascritto le richieste di aiuto di alcuni imprenditori oggetto di attentati e minacce. La banda aveva occupato abusivamente alcuni alloggi del complesso residenziale di piazza Delle Mimose dove aveva la base operativa. I destinatari della misura in carcere sono Maurizio Mulè, 26 anni, di Partinico, Barbara Lombardo, 33 anni, di Salemi, Salvatore Lazzara, 30 anni, di Alcamo, Vincenza Ferdico, 24 anni, di Palermo, Francesco Mulè, 28 anni, di Partinico, Calogero Mulè, 30 anni, di Partinico, Vincenzo Mulè, 25 anni, di Alcamo.

Tutti componenti sono imparentati tra loro, il legame familiare è, infatti, «il substrato» su cui si sarebbe fondata l’associazione criminale: «Due dei principali indagati sono tra di loro cugini - ha spiegato Pisano - più altri due fratelli di uno degli indagati che erano attivi nella commissione di questi reati». Dalle indagini, inoltre, è emerso che anche le donne fermate, le compagne di due dei componenti principali della gang, svolgevano un ruolo determinante «fiancheggiando l’attività dei rispettivi compagni e degli altri indagati, fornendo supporto logistico e occupandosi, ad esempio, del recupero della refurtiva e anche dei soggetti impegnati nella commissione dei furti». 

A capo dell'organizzazione ci sarebbe Maurizio Mulè, già destinatario della misure di pubblica sicurezza della sorveglianza che non gli consentiva di uscire nelle ore notturne, il quale sceglieva gli obiettivi e dava supporto logistico. Da alcune intercettazioni è poi emerso un loro particolare interesse nel cercare di carpire i movimenti dei militari durante i servizi di pattuglia. 

Nonostante l’escalation di criminalità registrata negli ultimi mesi nel territorio dove agiva la banda, scarsa collaborazione alle indagini è stata fornita dai residenti. Nel corso nell’attività investigativa sono stati documentati numerosi episodi di furti, pochissimi effettivamente denunciati da parte dei cittadini. «Purtroppo la popolazione aveva maturato una progressiva sfiducia nei confronti della possibilità da parte delle istituzioni di aggredire e risolvere questo problema - ha ammesso Pisano - Sfiducia combinata anche al timore, a seguito di una serie di episodi di danneggiamenti subiti da diversi cittadini ritenuti colpevoli di aver visto la commissione di alcuni reati, o perlomeno di essere sospettati di averli visti». 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews