Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Sciopero 8 marzo, in piazza contro la violenza di genere
«All'università si dividono ancora i corsi in base al sesso»

Da piazza Verdi è partito alle 18 il corteo che - come in tante città d'Italia - ha visto sulle strade donne e uomini insieme. «È importante assumersi la responsabilità del proprio essere uomini, è il modo migliore per raccontare e costruire una differenza contro i modelli imperanti oggi»

Alessia Rotolo

Anche Palermo aderisce allo sciopero globale dell'8 marzo che sta vedendo riversarsi per le strade di tutta Italia donne e uomini insieme, in quella che è stata definita dagli organizzatori della piattaforma nonunadimeno «la marea femminista». Il corteo del capoluogo siciliano è partito alle ore 18 da piazza Verdi per arrivare a piazza Pretoria. In strada centinaia di persone, tra la solidarietà alla maestra precaria di Torino Lavina Flavia Cassaro (licenziata in diretta da Renzi a seguito di un corteo antifascista al quale aveva partecipato e in cui aveva lanciato insulti contro i poliziotti) e cori come ma quale stato, quale dio, sul mio corpo decido io. Non manca un riferimento anche alla vicenda del forzanuovista Massimo Ursino, che è stato malmenato lo scorso 20 febbraio da un gruppo di persone: «Mia nonna partigiana me l'ha insegnato, scocciare un fascista non è reato».

Anche a Palermo l'appuntamento sulle strade, da piazza Verdi a piazza Pretoria, per ribadire la volontà di rovesciare i modelli imperanti di maschilismo, messi in risalto anche durante la cosiddetta "giornata delle donne".

Anche a Palermo l'appuntamento sulle strade, da piazza Verdi a piazza Pretoria, per ribadire la volontà di rovesciare i modelli imperanti di maschilismo, messi in risalto anche durante la cosiddetta "giornata delle donne".

Anche a Palermo l'appuntamento sulle strade, da piazza Verdi a piazza Pretoria, per ribadire la volontà di rovesciare i modelli imperanti di maschilismo, messi in risalto anche durante la cosiddetta "giornata delle donne".

Anche a Palermo l'appuntamento sulle strade, da piazza Verdi a piazza Pretoria, per ribadire la volontà di rovesciare i modelli imperanti di maschilismo, messi in risalto anche durante la cosiddetta "giornata delle donne".

Anche a Palermo l'appuntamento sulle strade, da piazza Verdi a piazza Pretoria, per ribadire la volontà di rovesciare i modelli imperanti di maschilismo, messi in risalto anche durante la cosiddetta "giornata delle donne".

Anche a Palermo l'appuntamento sulle strade, da piazza Verdi a piazza Pretoria, per ribadire la volontà di rovesciare i modelli imperanti di maschilismo, messi in risalto anche durante la cosiddetta "giornata delle donne".

Anche a Palermo l'appuntamento sulle strade, da piazza Verdi a piazza Pretoria, per ribadire la volontà di rovesciare i modelli imperanti di maschilismo, messi in risalto anche durante la cosiddetta "giornata delle donne".

Anche a Palermo l'appuntamento sulle strade, da piazza Verdi a piazza Pretoria, per ribadire la volontà di rovesciare i modelli imperanti di maschilismo, messi in risalto anche durante la cosiddetta "giornata delle donne".

A organizzare la manifestazione palermitana l'assemblea contro la violenza sulle donne, nata il 2 febbraio del 2017 a piazza Pretoria. Quello che doveva essere un incontro tra poche persone si è trasformato invece in qualcosa di più. «Più di 200 donne si presentarono a quell'assemblea e da lì abbiamo capito si è sentita la necessità di creare una rete per cambiare lo stato di cose presente - dice la studentessa universitaria Noemi Di Mauro -. Questa organizzazione vuole combattere ogni tipo di violenza, che non è solo quella fisica che è l'atto più estremo e più evidente, perchè c'è anche violenza nei posti di lavoro e nei luoghi di formazione. Penso ad esempio all'università, dove ancora si dividono i corsi di studio per genere».

Tante le realtà aderenti al corteo di oggi: da Greenpeace al Laboratorio Zen Insieme fino al Palermo Pride.«È importante oggi essere qui come comunità LGBT - dice Luigi Carollo -. Intanto perchè anche noi spesso siamo soggetti alle stesse violenze di radice patriarcale e maschilista. Poi perchè è importante assumersi la responsabilità del proprio essere uomini, io parlo da maschio omosessuale, è il modo migliore per raccontare e costruire una differenza contro quel maschile contro il quale si scende in piazza. Ci siamo dunque per solidarietà e per vicinanza necessaria». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×