Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Indigo, come vivere di musica e cultura nel 2018
«Vogliamo esportare all'estero il Palermo sound»

All'interno di Palazzo Lampedusa da due anni e mezzo vive lo spazio di produzione e residenza artistica, che continua a sfornare nuovi progetti e idee. All'insegna delle relazioni e del fermento che si respira in città. «Vorremmo essere il polo attorno a cui accadono le cose, in controtendenza rispetto alla Sicilia»

Andrea Turco

«Vogliamo esportare all'estero un suono riconoscibile, il Palermo sound, e vogliamo essere il polo attorno a cui accadono le cose». Di Indigo, lo spazio di produzione e residenza per artisti nel cuore del centro storico, dalla sua fondazione nel 2015 se ne sono dette tante. Eppure il musicista e produttore Donato di Trapani trova ancora nuove formule per autodefinirsi. 

Un successo che si è tradotto in produzioni di album importanti, da Nicolò Carnesi ad Alessio Bondì, in recensioni sempre lusinghiere alle stanze destinate al b&b, in collaborazioni con la scena musicale ed elettronica torinese o con la Farm di Favara, in generale coi tanti artisti che sono transitati dall'ex dimora dello scrittore Tomasi di Lampedusa che da anni è tornata a nuova vita grazie a un visionario progetto di ristrutturazione da parte di uno studio di architetti.  

Quando quasi tre anni fa cinque persone - Fabio Rizzo, Donato di Trapani, Maddalena Inglese, Francesco Vitaliti e Oriana Guarino - pensarono questo "spazio multifunzionale attrezzato per artisti, musicisti e viaggiatori all’interno di Palazzo Lampedusa, dimora storica nel centro di Palermo e fonte di grande ispirazione creativa", chissà se avrebbero scommesso su un tale fermento. 

«Sapevamo che il nostro progetto avrebbe fatto notizia - dice Donato - ma non ci aspettavamo una tale reazione. Di certo hanno contribuito l'appeal del posto e il fermento culturale che si respira in città, poi è anche vero che noi comunque negli anni avevamo accumulato tutta una serie di contatti». Gli fa eco Fabio Rizzo, fondatore dell'etichetta discografica 800A records che si avvia a compiere dieci anni di storia. «Tutti noi ci siamo formati fuori, perchè nel decennio precedente le strutture non c'erano - aggiunge -. Quando abbiamo fondato Indigo abbiamo ascoltato prima di tutto le nostre esigenze di artisti. Ed è stato una sorta di riscatto dopo anni di scantinato, dopo aver suonato in garage e posti bui è stato bello anche rivedere la luce del sole. Siamo isolati acusticamente dal resto del palazzo, siamo in centro e non in periferia e ciò avvantaggia le relazioni perchè è qui che la città è più viva».

Lo spazio di Indigo continua a sfornare nuove idee, come le Indigo session (live musicali che vengono poi caricati su Youtube) e il Team Video che invece si occupa di creare videoclip professionali per gli artisti. Senza dimenticare il meraviglioso e professionale studio di produzione, con un enorme mixer analogico Trident 70 Series del 1983 che - come ribadiscono con orgoglio i soci di Indigo - è appartenuto alla band storica di Lucio Battisti, i Formula 3, e successivamente al team di produzione del Transeuropa Studio di Torino che su questo banco ha registrato e mixato album di Elisa, Ligabue, Jovanotti, Caparezza e tanti altri. Indigo poi ha vinto in due anni e mezzo quattro bandi del Ministero dei Beni Culturali - unica realtà in Italia - che hanno consentito un'ulteriore spinta verso l'internazionalizzazione dei progetti musicali (come quelli di Bondì e Fabrizio Cammarata).

Un'isola felice, insomma, in una città che quest'anno è capitale della cultura. E ai soci di Indigo Meridionews propone la fatidica domanda che ha già sottoposto ad altre realtà: ma di cultura si vive a Palermo? «Ci vivi solo se hai la testa a tremila» sorride Donato, mentre Fabio osserva che «il 2018 è importante ma vissuto in prospettiva, e non solo guardando all'interno ma intessendo relazioni con l'estero». Maddalena preferisce allargare la riflessione. «Il beneficio di queste iniziative, considerando anche Manifesta - osserva - sta più appunto nelle relazioni che prettamente economico. Di certo c'è un tessuto diverso, e anche il Comune ha avviato un buon dialogo tra pubblico e privato. Palermo rispetto alla Sicilia va in controtendenza». 

I punti deboli comunque rimangono, a partire dalla carenza di spazi chiusi per concerti importanti - l'unico al momento rimane quello ai Candelai. Eppure, come osserva ancora Fabio, «i live hanno dimostrato che è la scena indipendente quella che riempie i concerti, che è dalla scena indi che viene il pubblico; questa è una fase interessante, insomma, specie per chi come noi punta sugli autori».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×