Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Villa Zito, in mostra 33 tele da Ribera a Giordano
«Una pittura diretta, non mediata ma immediata»

Dopo Sua Altezza Palermo e Maiolica, è la volta di da Ribera a Luca Giordano: una rassegna dedicata ai pittori che nel primo Seicento hanno operato nell'Italia centro-meridionale ispirandosi a Caravaggio. La mostra è curata da Maria Cristina Bandera e nasce dalla collaborazione tra due fondazioni

Maria Vera Genchi

Foto di: Maria Vera Genchi

Foto di: Maria Vera Genchi

«Una pittura diretta, non mediata stilisticamente, ma immediata. Che mostra la capacità di scegliere, fra miriadi, il fotogramma più lacerante e drammatico. Un fotogramma però non trovato inconsapevolmente da una macchina da ripresa, ancor di là da venire, ma dalla volontà dell’occhio interiore». Dopo Sua Altezza Palermo e Maiolica, è la volta di Da Ribera a Luca Giordano: una rassegna dedicata ai pittori che nel primo Seicento hanno operato nell'Italia centro meridionale ispirandosi a Caravaggio. In corsivo le parole di Roberto Longhi, esperto collezionista e storico d’arte che per primo riconobbe l’innovativa e rivoluzionaria potenza del linguaggio pittorico caravaggesco, colgono l’essenza delle opere che rimarranno esposte a Villa Zito fino al 10 giugno

La mostra, curata da Maria Cristina Bandera, direttore scientifico della Fondazione di Storia dell’Arte Roberto Longhi di Firenze, nasce dalla collaborazione tra la Fondazione Roberto Longhi e la Fondazione Sicilia con Civita. Un viaggio nella bellezza, una bellezza realista fatta di luci ed ombre, di figure che si muovono su sfondi scurissimi illuminate da luci violente e teatrali. Dipinti di grandi dimensioni che nutrono l’osservatore, coinvolgendolo nella scena. Un connubio di opere provenienti dalla prestigiosa collezione di Roberto Longhi, alle quali si sommano le quattro tele di Preti, Solimena e Giordano appartenenti alla Fondazione Sicilia, impegnata da sempre nella valorizzazione delle proprie collezioni artistiche. 

«La cultura è un ponte di dialogo - afferma Bandera - le mostre raccontano sempre delle storie, questa racconta di artisti affascinati dalla pittura innovativa di Caravaggio. Ringrazio tutte le persone che con grande passione hanno contribuito nella realizzazione». Il sipario si apre con Valentine de Boulogne La negazione di Pietro, interessante declinazione del caravaggismo di Bartolomeo Manfredi. Trentatré i capolavori da ammirare, raffiguranti storie tratte dall’antico e dal nuovo testamento, scene di vita quotidiana, ritratti e nature morte. Cristo morto trasportato al sepolcro del Battistello, Davide e Golia di Lanfranco, San Tommaso, San Bartolomeo, la Vergine addolorata.

«Rivedere quei dipinti nella luce di una rinascita del meridione, che nel passato ha avuto artisti di così lucida intelligenza - commenta l’assessore e critico d’arte Vittorio Sgarbi - conforta per farci ritrovare in essi stimoli ed energie per il futuro». Una terra capace di fondersi con linguaggi, culture ed epoche diverse, è la Sicilia che emerge dalle nove mostre-eventi realizzati dalla Fondazione Sicilia nell’anno di Palermo Capitale della Cultura 2018. Mito e leggenda, contemporaneità e passato di una terra da sempre al centro del dibattito e al cuore del Mediterraneo. «Abbiamo voluto celebrare quest’anno dando alle nostre iniziativa un respiro nazionale - dice il presidente di Fondazione Sicilia, Raffaele Bonsignore -. Un occhio attento alla valorizzazione della Sicilia e del Mediterraneo ma anche alle civiltà lontane».

Un percorso lungo un anno, che intreccia tra i temi quello del viaggio e del ritorno. È il caso di Donna Franca Florio che tornerà a Palermo, attraverso il leggendario quadro di Boldini, il 16 marzo.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews