Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Nancy Porsia a Ballarò, la giornalista che racconta la Libia
«Le milizie adesso gestiscono il business della detenzione»

All'interno del percorso verso la sessione del Tribunale Permanente dei Popoli, a Palermo è arrivata l'esperta di Nord Africa e Medio Oriente. Che ha attaccato i recenti accordi del governo con le istituzioni libiche. «Non sono pronte per affrontare concetti come i diritti umani, ma la colpa è di chi sceglie di averli come interlocutori»

Andrea Turco

«In Libia l'Italia non sta portando avanti una guerra ai trafficanti di esseri umani ma sta combattendo una guerra verso tutti i migranti». Nancy Porsia, la giornalista freelance che da anni racconta ciò che avviene in Nord Africa e in Medio Oriente (vive in Libia dal 2013, dopo aver realizzato un reportage sulla cosiddetta primavera araba nel 2011), non ha timore di prendere posizione. Più volte ha contestato la linea Minniti, vale a dire l'accordo con le istituzioni locali per frenare gli sbarchi e fermare gli approdi direttamente in Africa. E a Ballarò, il quartiere multietnico della città, la sua presa di posizione è ancora più importante. All'interno del percorso verso la sessione del Tribunale Permanente dei Popoli, che si terrà a dicembre a Palermo, il Forum Antirazzista e il circolo Arci Porco Rosso - insieme alla rete dei soggetti che sostengono il Tribunale Permanente dei Popoli - hanno organizzato ieri sera un incontro di approfondimento sulla situazione libica.

«Nelle mie inchieste sono partita dal racconto dei gruppi criminali di Sabrata - racconta l'analista - per arrivare a documentare la corruzione e le infiltrazioni mafiose tra le istituzioni. Le autorità libiche non sono pronte per affrontare concetti come i diritti umani, d'altra parte la Libia ha avuto prima 40 anni di regime con Gheddafi e poi le milizie; ma la colpa è dell'Unione Europea e del governo italiano che scelgono di averle come interlocutrici. La mafia eritrea e quella nigeriana hanno avuto gioco facile ad approfittare dei vuoti di potere, e hanno industrializzato il business dei migranti». Poi Porsia torna a puntare il dito sull'attuale ministro degli Interni, il cui ruolo verrà affrontato anche nel capoluogo siciliano all'interno della sessione del tribunale dei popoli: «Minniti ha fatto il lavoro sporco con una sfacciataggine incredibile».

La giornalista (che ha realizzato parecchi servizi per testate, radio ed emittenti nazionali come Rai o SkyTG24 e internazionali come The Guardian e Al Jazeera) sulla propria pelle ha appreso come raccontare dei conflitti sparsi per il mondo inevitabilmente si intreccia con l'altra grande questione del nostro tempo, vale a dire il fenomeno delle migrazioni. «Perfino la società civile libica adesso prende i barconi e tenta la fortuna - aggiunge la freelance -. L'altra grande differenza col recente passato è che, dopo gli accordi con l'UE, le milizie si sono gettate sul business della detenzione. E ora possiedono e gestiscono molti di questi centri». All'incontro c'è tempo pure per affrontare un altro nodo essenziale, quello della presenza italiana in Libia attraverso le industrie. Il caso più lampante è il Greenstream, il gasdotto che collega la Libia a Gela posseduto al 75 per cento dal cane a sei zampe. «I pozzi Eni sono tra le poche economie rimaste in piedi in Libia» conclude l'analista. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email