Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Ex Provincia, meno 65 milioni con il prelievo forzoso
«Ci occupiamo di scuole e strade ma ente al collasso»

Protesta davanti alla Prefettura indetta dai sindacati della funzione pubblica di Cgil, Cisl e Uil. Le spese correnti, ad oggi, ammontano a 95 milioni di euro. Un documento fotografa la situazione economica critica dovuta all'accavallamento di normative nazionali e regionali

Manlio Melluso

«Cosa è cambiato con il passaggio da Provincia a Città Metropolitana? Le intestazioni alle porte degli uffici». Questa è la battuta di un funzionario di Palazzo Comitini che, insieme a qualche decina di colleghi, è sceso in piazza, davanti alla Prefettura, per protestare contro il prelievo forzoso che lo Stato ha imposto, con legge Delrio, alle Province, alle Città Metropolitane e ai Consorzi di Comuni. Prelievo forzoso che negli anni è aumentato esponenzialmente, circa un miliardo nel 2014, due nel 2015 e tre nel 2016. Tutto ciò, lamentano i sindacati, non ha fatto altro che indebolire la già poco florida situazione degli enti sovra-comunali. 

All'ex Provincia di Palermo, in particolare, le spese correnti ammontano a 95 milioni di euro. Il prelievo forzoso da parte dello Stato, invece, è quantificabile in 65 milioni di euro. Ma non si tratta soltanto di una questione di soldi: la riduzione degli organici a Palazzo Comitini ha comportato un calo dei dipendenti, dal 2015 al 2017, che da 1300 unità sono passati a 800. La spesa per il personale è di 34 milioni di euro. A tutto ciò si vanno ad aggiungere sanzioni per 25 milioni di euro.

«Gli enti sovra-comunali, che siano Province, Città metropolitane o consorzi di Comuni, sono al collasso - dice Saverio Cipriano, della Funzione Pubblica Cgil e Rsu all'ex Provincie di Palermo - Noi offriamo servizi ai cittadini, ci occupiamo di scuole, strade e altro, si dovrebbe tenere conto di questo. L'accavallamento di leggi nazionali, come la Delrio, e di regionali - continua il sindacalista - ha creato una gran confusione. Da parte nostra chiediamo l'abolizione del prelievo forzoso».

Le sigle sindacali dei lavoratori pubblici di Cgil, Cisl e Uil hanno predisposto un documento che è stato consegnato al Prefetto per sottolineare come, appunto, la confusione legislativa venutasi a creare, con l'accavallamento di normative nazionali e regionali, stia determinando una gravissima situazione economica per il mancato trasferimento delle risorse, in particolare dalla Regione.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews