Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Natale Romano Monachelli condannato a 24 anni
Per la Corte ha ucciso il fratello e la cognata nel '94

Così ha deciso il presidente Biagio Insacco dopo quasi cinque ore di camera di consiglio. Un punto, tuttavia, momentaneo nella vicenda. Dopo il deposito delle motivazioni, la palla passa alla Cassazione. Avvocato Marchese: «Sono contento per la signora Correra, so quanto ha sofferto in questi anni»

Silvia Buffa

Condanna a 24 anni per Natale Romano Monachelli, assente in aula, e 100 mila euro alla parte civile, Maria Correra. È questo l’esito raggiunto, dopo quasi cinque ore di camera di consiglio, da parte della giuria della seconda sezione della corte d’assise d’appello. Una sentenza che mette, almeno momentaneamente, il punto a una vicenda che giuridicamente si trascina dai primi anni duemila. Di certo, ad oggi, rimane solo quel Fiorino Fiat bianco ritrovato sul lungomare di Villagrazia di Carini con dentro i corpi di un uomo e di una donna stravolti dalle fiamme. Sono Filippo Romano Monachelli e sua moglie, Elena Lucchese. Non sono morti lì dentro, però. A spegnere le loro vite sono stati alcuni colpi di pistola sparati un giorno di novembre del 1994Unico imputato per il duplice omicidio è il fratello di lui. L’iter processuale nei suoi confronti si avvia solo nel 2001, quando l’ex convivente, Erika Stjernquist, lo accusa del delitto. È quello il momento in cui viene iscritto nel registro degli indagati, ma la parabola giudiziaria durerà poco, a causa delle ritrattazioni della donna. Ritrattazioni che, di fatto, imprimeranno inevitabilmente un’impronta e una direzione ben precisa all’intera vicenda.

La corte di primo grado lo assolve per un problema di diritto: anche se credibili, perché dettagliate e circostanziate, le dichiarazioni dell’ex compagna svedese sono precedenti alla fase dibattimentale, non entrano perciò all’interno del processo. Così come le dichiarazioni dei testi svedesi. A valere, quindi, è solo la sua ritrattazione. Un «mi sono inventata tutto» che pesa come un macigno sull’intero processo. In secondo grado, però, una sorpresa: i giudici lo condannano a 24 anni. Sentenza annullata poi dalla Cassazione. A distanza di anni, però, è sempre Erika il cuore dell’intera vicenda. Molto più delle vittime e dell’imputato stesso. Un filone, il suo, importante tanto quanto quello mafioso, che si inserisce a gamba tesa all’interno della vicenda. Com’è possibile che lei e i collaboratori di giustizia raccontino la stessa storia? È questo uno dei crucci più martellanti dell’accusa. E a sfilare sono pentiti dal nome importante: il primo è Angelo Fontana nel 2009, che tira fuori l’episodio di via dei Cantieri del 1995 durante il processo per l’omicidio di Giovanni Bonanno, esponente di spicco del mandamento di Resuttana-San Lorenzo.

Alla sbarra racconta che la scomparsa del giovane boss potrebbe essere dovuta al fatto che, anni prima, avesse commissionato a Romano Monachelli l’omicidio di Mimmo Pipitone, figlio di Antonino, reggente della famiglia mafiosa dell'Acquasanta. Per convincerlo gli aveva fatto credere che Pipitone senior fosse responsabile del delitto del padre, Cesare Romano Monachelli, morto nel 1973. Un omicidio per il quale, però, a essere processato e poi condannato era stato Giovanni Pitarresi, capo della famiglia mafiosa di Bolognetta, rilasciato dopo un paio di anni a causa dell’omicidio, a processo in corso, dell’unico testimone che lo accusava di quel delitto. L’omicidio di Mimmo Pipitone viene sventato dai Fontana, ma perché nessuno fa niente nei confronti del presunto mandante? È un tormentone, questo, portato avanti con tenacia dalla difesa, che ha sempre puntato a scardinare l’attendibilità dei pentiti e di questo racconto in particolare. Possibile che la mafia dell’Acquasanta non reagisca?

Insieme ad Angelo, però, c’è anche il nipote Gaetano Fontana, nel ’95 poco più che ventenne. È l’unico collaboratore, lui, ritenuto «genuino e coerente» dalla difesa. «Non significa che siccome è un condannato per mafia tutto quello che esce dalla sua bocca siano solo menzogne», precisa in aula l’avvocato Salvatore Pirrone, legale con l’avvocato Angelo Barone dell’imputato. Ma nell’elenco dei pentiti ci sono anche Vito Galatolo, Maurizio Spataro - in passato autista personale di Giovanni Bonanno - e, il più recente, Giuseppe Tantillo. Un delitto, quello dei due coniugi, sviscerato in ogni suo dettaglio e controdettaglio. Anche tra ieri e oggi, durante l’arringa finale e le repliche del procuratore generale Giuseppe Fici, momenti durante i quali sono riaffiorate le storiche tensioni a cui le due parti ci avevano abituati durante le udienze passate.

Resta nebuloso, invece, il movente, che potrebbe ricollegarsi all’attività di spaccio dei Romano Monachelli nella piazza di Borgo Vecchio. Attività per le quali i due fratelli, Natale e Filippo, finiscono in galera nel 1985 insieme alla madre Giovanna Vitale. Che la vittima, a causa della sua tossicodipendenza, avesse contratto qualche debito di troppo? Intanto, per le motivazioni del giudice Biagio Insacco si dovranno aspettare 90 giorni, dopodiché la palla passerà alla Cassazione. Soddisfazione da parte dell'avvocato di parte civile Lorenzo Marchese, che rappresenta Maria Correra, madre di Elena Lucchese: «Sono contento per la signora, so quanto ha sofferto in questi anni».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews