Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Almaviva, in ritardo fondo Inps di integrazione
«Lavoratori in crisi, azienda anticipi somme»

L'appello dei rappresentanti di categoria, che invocano anche l'intervento delle istituzioni e del prefetto, per venire incontro ai lavoratori che da due mesi non percepiscono la quota relativa agli ammortizzatori sociali: «Così un part time che percepisce circa 750 euro, nelle prossime buste paga troverà 300 euro in meno». Il 7 vertice con azienda

Antonio Mercurio

Foto di: Antonio Mercuriio

Foto di: Antonio Mercuriio

Stipendi ridotti per i lavoratori Almaviva Contact di Palermo che a causa di ritardi dell’Inps, nel trasferire la quota relativa agli ammortizzatori sociali, percepiscono anche il 40 per cento in meno del dovuto. A denunciarlo i sindacati che rivelano come a fine anno, mentre era ancora in corso la trattativa per scongiurare i licenziamenti nei siti di Roma e Napoli, il colosso dei call center in Italia ha deciso di applicare (fino al mese di marzo) un nuovo strumento introdotto con il Jobs act: il Fondo di Integrazione Salariale (Fis) che oggi permette all’azienda «di godere di molta più flessibilità rispetto ai contratti di solidarietà precedentemente utilizzati e meno obblighi di anticipo delle quote spettanti ai lavoratori». 

Ciò ha fatto si che i lavoratori possano essere messi in Fis anche per «più della metà di un mese di lavoro», senza l'anticipo delle giornate lavorative sotto ammortizzatori sociali, in attesa che l'Inps provveda al pagamento diretto. «Il tutto succede perché l'Inps sta avendo notevoli ritardi nell'approvazione delle pratiche - spiegano il segretario Slc Cgil Palermo Maurizio Rosso e Rosalba Vella rsu Slc Cgil -  e quindi nel pagamento di quanto dovuto ai lavoratori. Così, però, un part time a 4 ore che solitamente percepisce circa 750 euro al mese, nelle prossime buste paga troverà 300 euro in meno».

A dicembre Almaviva «si è detta indisponibile ad anticipare le quote del Fis ai lavoratori», il tutto mentre la vertenza di Roma e Napoli era in bilico e i sindacati non potevano siglare accordi solo per un territorio, perché ciò «avrebbe spaccato ulteriormente una vertenza già di per sé molto complicata». Il disagio per i dipendenti, tuttavia, potrebbe proseguire anche per i prossimi mesi, affermano ancora le parti sociali: «Qualche settimana fa Almaviva ha comunicato la volontà di prorogare la Fis per altri tre mesi, fino a giugno».

I sindacati, così, hanno chiesto unitariamente di anticipare le quote ai lavoratori, che lavorano da gennaio in queste condizioni. «Oltre tre mila famiglie non possono più vivere al di sotto delle soglie di povertà e dell'assegno sociale - proseguono -. Siamo esasperati e questo non sta producendo quel rilancio tanto decantato da Almaviva per il territorio di Palermo. Almaviva a Palermo detiene più del 60 per cento dei suoi call center in Italia e, se non vi sarà un cambio di rotta, questo produrrà certamente un effetto domino».

Intanto, martedì 7 marzo è previsto un incontro con l'azienda e l’auspicio è che l'appello non cada nel vuoto. «Chiediamo anche all'Inps di sbloccare le pratiche - ribadiscono -, e un ulteriore sollecito anche al prefetto e alle istituzioni perché intervengano. Stupisce, però, che l’azienda si ostini a non voler anticipare il trattamento, un comportamento ingiusto e irragionevole. Anche alla luce del fatto che il mese scorso Almaviva, seppur in un rado diverso, quello della digitalizzazione, ha vinto un bando di gara con del ministero dell'Economia  del valore di 854 milioni di euro. Perché non investono anche nel settore dei call center? Non è tollerabile che si lasci morire così uno degli ultimi baluardi dell'occupazione del territorio. Non lo permetteremo - concludono - e Palermo non può permetterselo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews