Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Regione, Gianluca Miccichè si dimette da assessore
«Caso disabili dà immagine distorta della mia persona»

Costa cara all'ormai ex responsabile dell'assessorato al Lavoro e alle Politiche sociali la gestione del caso dei fratelli Pellegrino, disabili, che avevano chiesto aiuto a Le Iene per avere un incontro con lui. Dopo un nuovo video, arriva il passo indietro. Il presidente dell'Anffas: «Non è una vittoria ma un'altra pagina triste»

Stefania Brusca

Gianluca Miccichè non è più l'assessore regionale alla Famiglia. Le dimissioni, poi accolte dal governatore Rosario Crocetta, sono arrivate all'indomani della messa in onda del secondo video della trasmissione Le Iene, in cui l'ormai ex responsabile dell'assessorato cercava di rimediare alla gaffe compiuta nel primo servizio, quando ha lasciato due fratelli tetraplegici in vana attesa di essere ricevuti per ore, chiedendo aiuto proprio ai due palermitani. Per il presidente dell'Anffas Onlus Palermo non si tratta di una vittoria ma di un'ulteriore pagina triste scritta sulla questione dei diritti delle persone con disabilità. 

Miccichè ha motivato la sua decisione sottolineando come «la vicenda dei fratelli Pellegrino, che mi ha profondamente addolorato e turbato, ha assunto una dimensione mediatica che va al di là dei fatti e che consegna un'immagine deformata della mia persona e del mio impegno politico. La situazione che si è determinata non mi consente di continuare con serenita' il mio lavoro, per questa ragione e per tutelare la dignità delle istituzioni ho rassegnato le mie dimissioni da assessore al Lavoro e alle Politiche Sociali al Presidente della Regione». Nel frattempo un gruppo di madri di ragazzi disabili, docenti delle scuole del palermitano e lavoratori delle cooperative che svolgono servizi di assistenza ai disabili negli istituti della provincia stava manifestando davanti a palazzo D'Orleans, in piazza Indipendenza. 

Il passo indietro di Miccichè non rappresenta una vittoria per il presidente dell' associazione Anffas Onlus Palermo Antonio Costanza: «Prendiamo atto delle dimissioni dell'assessore. Noi pensiamo però che si tratti di un problema che riguarda tutti - afferma ancora Costanza - questa è solo un'ulteriore pagina triste, l'ennesima testimonianza del menefreghismo diffuso che c'è dietro le drammatiche situazioni che investono le persone con disabilità». 

L'Anffas Onlus aveva espresso solidarietà ai fratelli Pellegrino all'indomani della messa in onda del servizio sulle reti Mediaset, lamentando la scarsa attenzione della Regione siciliana ai reali bisogni dei disabili. Questo episodio ha messo in luce, secondo il presidente dell'Anffas Palermo, quanto il problema sia di tipo culturale più che dei singoli o della mera programmazione economica: «Quello che è successo è grave. Ma la cosa che ha impressionato di più è stata che nell'arco di tempo in cui queste persone sono rimaste lì, nessuno si è rivolto a loro, né un tecnico, né un funzionario o un singolo usciere». 

Infine Costanza ha ricordato come uno dei diritti che le persone con disabilità reclamano sia anche quello di ricevere delle risposte, anche nel caso in cui queste siano negative. «È chiaro che l'assessore in quella sede non poteva risolvere nulla, però doveva dare delle risposte, poteva prendersi degli impegni».  Adesso le famiglie che aderiscono all'associazione auspicano una maggiore attenzione da parte delle istituzioni regionali: «Noi ci aspettiamo che rivedano il loro modo di programmare gli interventi in funzione dei bisogni veri delle persone disabili».     

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×