Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Cefalù, due prof condannate per diffamazione
Giudicato lesivo dire vastasi a genitori e alunni

Protagoniste di questa spiacevole vicenda sono Giovanna Ventimiglia e Sonia Zito del liceo classico Mandralisca condannate in per diffamazione e al pagamento della sanzione penale di 700 euro. I fatti risalgono al 2012 e, a incastrare le due professoresse, una registrazione realizzata dagli studenti di un'altra classe

Mario Catalano

Due professoresse condannate per aver pronunciato «frasi e commenti diffamatori» contro alcuni alunni e i loro rispettivi genitori danneggiando così «la loro reputazione». Protagoniste di questa spiacevole vicenda sono Giovanna Ventimiglia e Sonia Zito – quest’ultima la vice preside della scuola -, due insegnanti deli liceo Classico Mandralisca di Cefalù, nel Palermitano, condannate in primo grado dal tribunale per diffamazione e al pagamento della sanzione penale di 700 euro.

Il fatto risale a cinque anni fa, quando le due docenti, all’epoca dell’accaduto ancora in servizio, avevano pronunciato delle “parole offensive” durante le ore di lezione all’interno dell’istituto di istruzione superiore, non davanti ai diretti interessati ma in un’altra aula. Per loro sfortuna, però, i loro commenti sono stati registrati e poi salvati in un cd rom dai presenti. Le persone offese, infatti, sono venute a conoscenza dell’episodio grazie all’ascolto della traccia acquisita agli atti del processo, in cui le due donne, parlando con gli studenti di un’altra classe, pare, si riferissero ad alunni e genitori con frasi come «Si vidi proprio ca su vastasi» e «Parianu tanti baccanti ca currianu».

Un fatto increscioso che ha mandato su tutte le furie i diretti interessati spingendoli a presentare una querela per diffamazione, seguita nella citazione a giudizio delle due insegnanti. Durante il dibattimento - che fa riferimento a fatti accaduti nel 2012 - Sonia Zito è stata difesa dall’avvocato Giuseppe Rigatuso, mentre Giovanna Ventimiglia è stata assistita dai legali Massimo Spoto e Carlo Riela. Le sei persone, tra studenti e genitori, che alla fine si sono costituite parti civili, sono state difese da Salvatore Sansone, Vincenzo Alaimo e Sonia Lecca.

Dopo aver vagliato le dichiarazioni e le prove raccolte, i giudici hanno dato ragione ai ragazzi e ai loro rispettivi genitori riconoscendo loro un risarcimento dei danni, da liquidarsi in separata sede - a cui sono state aggiunte le spese di lite – pari a quindici mila euro. La condanna è stata emessa il 3 febbraio scorso dal giudice di Pace di Termini Imerese, Lilia Quartararo che ha preso sessanta giorni per depositare la motivazione della sentenza, ancora non passata in giudicato. 

Si dicono pronti a dare battaglia, comunque, i legali delle due insegnanti che intendono impugnare la sentenza: «Nel momento in cui leggeremo le motivazioni della sentenza - hanno commentato Spoto, Rigatuso e Riela - procederemo immediatamente a fare ricorso in appello».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×