Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Amianto, piano comunale fermo da un anno
In provincia in regola solo un paese su quattro

I ritardi della Regione nell'adozione di un piano sul minerale fuorilegge dal 1992 influenzano anche le azioni dell'area metropolitana. Solo 19 degli 82 Comuni del territorio palermitano ha presentato la mappa delle zone e dei beni inquinati. Alcuni non sono neanche consultabili online

Andrea Turco

Trasmesso alla Regione nel marzo 2016 e ancora in attesa di approvazione: è il destino del Piano Comunale Amianto, presentato dal Comune di Palermo all'indomani dell'emanazione della legge regionale n°8 con la quale si apportavano alcune modifiche alla precedente normativa. Quella che nelle intenzioni di chi l'aveva ideata era stata definita «rivoluzionaria» e invece fino a questo momento si è rivelata un flop. La partita sul minerale, fuorilegge dal 1992 ma ancora largamente presente nelle nostre città, è ancora apertissima in tutta l'ex provincia. 

Basti pensare che al 31 dicembre 2016 i Comuni dell'area metropolitana di Palermo che hanno presentato il piano sono 19 su 82, vale a dire poco meno di un quarto. Tra le assenze più illustri sicuramente quelle delle città più popolose oltre il capoluogo: vale a dire Bagheria, Carini e Monreale. I Comuni che invece finora hanno eseguito il compito sono: Alia, Balestrate, Blufi, Campofelice di Roccella, Campofiorito, Castellana Sicula, Collesano, Ganci, Gerano Siculo, Marineo, Misilmeri, Palermo, Petralia Soprana, Piana degli albanesi, Polizzi Generosa, Roccapalumba, Santa Flavia, Sclafani Bagni, Valledolmo. Alcuni di questi piani sono pure consultabili online - come quello di Campofiorito o di Roccapalumba - altri invece no, come ad esempio quello di Palermo. 

E mentre si attende il piano regionale, al momento sotto l'esame della Valutazione Ambientale Strategica alla Regione, non si ha ancora certezza se tutti siano stati compilati secondo i giusti criteri. «Alcuni sono stati redatti in modo conforme, altri meno - ha dichiarato a Meridionews Antonio Patella, della Protezione Civile - e quindi dovranno essere rivisti». 

Sorprende soprattutto la carenza del Comune bagherese, guidato dal sindaco pentastellato Patrizio Cinque, sempre in prima linea sul tema. Come dimostra ad esempio la possibilità di accesso al credito d'imposta per «interventi di bonifica dei beni e delle aree contenenti amianto, previsto dal Collegato ambientale», resa nota lo scorso 22 ottobre. La domanda può comunque essere presentata entro il 31 marzo 2017 presso il sito del Ministero dell'Ambiente. Entro 90 giorni dalla richiesta sarà poi il ministero a comunicare all’impresa il riconoscimento o il diniego dell’agevolazione e, nel primo caso, l’importo del credito spettante. I ritardi della Regione rendono in ogni caso ancora possibile la cosiddetta autodenuncia, cioè la segnalazione autonoma (anche su moduli online accessibili dai siti dei singoli Comuni) della presenza di materiale contaminato: ci sarà tempo entro 120 giorni dall’adozione del Piano di protezione regionale. A meno di un'ennesima proroga. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×