Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Carini, Piazza Duomo diventa Canile municipale
Il sindaco: «Spesi 270 mila euro per i randagi»

Qualcuno ha affisso un cartello sotto al nome della piazza. L'esasperazione di un commerciante: «Aumentano ogni giorno, ne ho contati anche 22, la gente ha paura». Il primo cittadino, Monteleone: «Più cani sterilizziamo e microchip applichiamo, più cani compaiono sul territorio»

Marco Tranchina

Foto di: Giovanni Calderone

Foto di: Giovanni Calderone

La piazza Duomo di Carini, negli ultimi giorni, è diventata la casa di diversi cani randagi che hanno suscitato la curiosità e la preoccupazione soprattutto di coloro che quotidianamente vivono il centro del paese. Tante le reazioni dei cittadini sui social network con numerose foto di gruppi di cani randagi che popolano la piazza sia nelle ore diurne che durante la notte. In molti accusano l’amministrazione comunale di inefficienza sul problema, altri colpevolizzano coloro che abbandono i cani per strada e quelli che acquistano i cuccioli piuttosto che adottare dei randagi. Ieri mattina, qualcuno ha affisso sotto l’indicazione pubblica Piazza Duomo un foglio di carta con su scritto Canile municipale.

Il proprietario di un esercizio commerciale della piazza Duomo parla di un aumento costante e giornaliero di randagi: «Sono stanco di stare tutto il giorno a togliere le feci e il sangue davanti alla porta del mio locale e ogni giorno spuntano cani nuovi. Adesso siamo arrivati a 22». Numerosi anche litigi fra gli animali di cui continua a raccontare il commerciante: «La cosa è grave, è un bel branco e la gente si spaventa a camminare in piazza perché molto spesso litigano fra di loro e abbaiano anche contro le persone, in particolare con i ciclisti e con i bambini. Quindi – continua il negoziante – bisogna prendere un provvedimento serio perché non è più possibile andare avanti così. È dall'inizio dell'estate che ci lamentiamo ma nessuno prende sul serio la situazione».

La risposta dell’amministrazione comunale non si è fatta attendere e il primo cittadino Giovì Monteleone ha dichiarato: «Ci siamo occupati della cattura, dellla sterilizzazione, della microchippatura e della cura dei cani in tempi non sospetti, ma nonostante questo non basta. E, caso strano, più cani sterilizziamo e microchip applichiamo, più cani compaiono sul territorio e nei luoghi più sensibili: piazza, scuole. Tra l'altro, bisogna sapere che i cani, una volta curati, sterilizzati e microchippati, vanno reimmessi, per legge, sul territorio». Il sindaco fa inoltre riferimento a cifre non indifferenti, affermando che «270 mila euro sono stati spesi dal Comune dal 2014 al 2016 per la cattura dei cani e le conseguenti attività». Secondo Monteleone, dovrebbe essere l’Asp a occuparsi di microchippatura e sterilizzazione dei cani, ma «l’azienda non ha i locali per l’ambulatorio veterinario, così noi del Comune ci stiamo preoccupando di procurarlo, recuperando un vecchio immobile comunale e adattarlo» ha concluso il sindaco.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews