Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Caso Mered, la difesa punta su una testimonianza
È di un eritreo comprato dal vero trafficante in Libia

Michele Calantropo ha chiesto di depositare un nuovo documento con le parole di un detenuto eritreo rinchiuso a Rebibbia. L'uomo ha riconosciuto in una foto il boss Medhanie: questo lo avrebbe riscattato durante il viaggio verso l'Europa, costringendolo poi a lavorare per l’organizzazione criminale

Silvia Buffa

Foto di: Silvia Buffa

Foto di: Silvia Buffa

«Abbiamo chiesto di depositare dei nuovi atti che sono alla Procura di Roma, i pm ovviamente si sono opposti», lo spiega Michele Calantropo, legale dell’uomo detenuto al Pagliarelli e accusato di essere Medhanie Yedhego Mered, uno dei più pericolosi boss della tratta di esseri umani, ma che dichiara invece di essere l’eritreo Medhanie Tesfamarian Berhe, vittima di un clamoroso scambio di persona. Tutto rinviato a gennaio quindi, il collegio dovrà decidere nel frattempo se ammettere le nuove prove raccolte dalla difesa.

Tra i documenti che dovranno essere esaminati c’è il verbale d’interrogatorio reso da un eritreo detenuto nel carcere di Rebibbia a Roma, che ha ricostruito dettagliatamente il viaggio affrontato per giungere in Italia. Viaggio che, secondo il racconto e da quanto verificato anche dagli inquirenti, si interrompe quasi subito. L’uomo viene infatti sequestrato da un gruppo di miliziani, che lo rinchiude insieme a una trentina di altri malcapitati all'interno di un rudimentale carcere a Grumbli, in Libia. Per sfuggire alle torture dei sequestratori, i familiari di ogni migrante devono sborsare un riscatto di 1.200 dollari, ma chi non ha alle spalle nessun parente disposto a farlo, è costretto a contattare un trafficante referente, per chiedergli di fare da garante: serviva, insomma, qualcuno disposto a pagare per liberarlo. Per passare, in realtà, da una prigionia a un’altra, divenendo sostanzialmente una merce nelle mani del boss di turno, che lo costringe a collaborare all'organizzazione criminale per pagarsi la tratta via mare.

Il trafficante che si prende in carico l’eritreo è proprio Medhanie, secondo la ricostruzione riportata: «Io sono stato fortunato che Jamal Musa e Medhanie hanno comprato la mia vita, di tanta gente non si è saputo più nulla», si legge nelle carte dell’interrogatorio avvenuto a Roma il 15 maggio dell’anno scorso. Gli inquirenti hanno mostrato al detenuto delle fotografie, in due di queste ha riconosciuto Jamal Musa, «l’uomo che venne a pagare la nostra scarcerazione a Grumbli, è lui che ci ha consegnato a Medhanie». Nella seconda immagine riconosce quest’ultimo, descrivendolo come «un re in Libia», uno molto rispettato e «forse l’unico che si può permettere di andare in giro con un crocifisso al collo. Aveva sempre al seguito due telefoni - si legge nel verbale - uno per lavoro e uno personale». Le foto riportate nel resoconto dell’interrogatorio mostrano in maniera evidente le differenze fra il boss riconosciuto dal detenuto eritreo come Medhanie e l’uomo attualmente rinchiuso al Pagliarelli di Palermo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews