Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Da Palermo Matteo Renzi esorta la Sicilia al cambiamento
«Alto potenziale, ma poca autostima: ora svolta culturale»

Dal palco del Teatro Massimo il premier ha strigliato i siciliani esortandoli a un cambio di passo perché «hanno opportunità impressionanti». Dal G7 agli sgravi fiscali fino ai tagli all'università: tanti i punti affrontati dal primo ministro che ha anche annunciato di tornare nell'Isola il 16 novembre per una «ricognizione delle infrastrutture»

Antonio Mercurio

Foto di: Antonio Mercurio

Foto di: Antonio Mercurio

Il Paese e, in particolare, la Sicilia possiedono «un potenziale pazzesco», ma soffrono entrambi di «un gigantesco problema di autostima». Parola del presidente del Consiglio Matteo Renzi che oggi da Palermo - in visita da ieri del capoluogo siciliano per inaugurare l'anno accademico dell'Università - ha colto l’occasione per strigliare il popolo siciliano esortandolo al cambiamento perché, ha assicurato, «possiede assets e opportunità impressionanti. Ci sono cose che non funzionano - ha ammesso Renzi -, ma adesso dico basta a chi si lamenta soltanto e alimenta la cultura della rassegnazione: c’è bisogno di un cambio di passo culturale». Secondo il premier, infatti, il mondo chiede bellezza, cultura, ed è proprio questo il ruolo dell'Italia, del Mezzogiorno e della Sicilia: «In un mondo che pensa solo ai numeri, occorre dire che i veri valori sono quelli della cultura e della conoscenza, e non bisogna cedere alla cultura della rassegnazione». 

Nel suo lungo intervento, durato oltre 40 minuti, il premier ha scelto il palco del Teatro Massimo - che per l'ex sindaco di Firenze possiede tutte le caratteristiche per essere considerato «tra i più belli del mondo» - per rilanciare la scelta di Taormina come futura sede del prossimo G7 definendola una «gigantesta operazione sul brand Sicilia». «Tutte le operazioni di successo degli ultimi dieci anni - ha spiegato - si sono accompagnate a una brillante operazione di comunicazione. Senza una buona storia da raccontare, anche il prodotto migliore non sarà venduto. E senza una buona storia da raccontare la Sicilia continuerà ad avere un quinto dei turisti delle Canarie o delle Baleari». Tradendo le iniziali premesse di non cadere nella trappola di numeri e cifre da «discorso elettorale», il premier ha annunciato anche la prossima data in cui farà nuovamente tappa nell’Isola per una «ricognizione delle infrastrutture», perché il rilancio del Sud passa anche e soprattutto dal potenziamento delle sue opere: «Oggi indichiamo i valori, ma ci sono anche le cose che facciamo e quelle da fare. Il 16 novembre saremo di nuovo in Sicilia con il ministro Graziano Delrio per fare una ricognizione puntuale delle infrastrutture viarie e tecnologiche importanti per connettere questa regione». 

Dalla Sicilia al Mezzogiorno il passo è breve ed ecco altri annunci in materia di sgravi e interventi per rilanciare il lavoro: «C'è la legge di Stabilita che contiene elementi importanti - ha sottolineato - e ci saranno ancora gli sgravi per le assunzioni, in una terra che è piegata dalla mancanza di lavoro: quegli incentivi già decisivi per il buon risultato del Jobs Act, torneranno nelle regioni del Sud e solo nelle regioni del Sud. C'è, insomma, un lavoro forte, ma tutti devono fare la propria parte, anche le università». Ma proprio nella giornata dedicata all’università e alla formazione sono sono mancate, tuttavia, tensioni con gli studenti degli atenei. Un gruppo di manifestanti, formato da ragazzi e lavoratori, ha dato vita a una protesta, ed è stato tenuto a distanza dalle forze dell'ordine che hanno impedito che si avvicinasse. Erano in particolare studenti medi, universitari, professori e lavoratori che hanno contestato la «passerella che prova a nascondere le miserie del sistema formativo e del mercato del lavoro».

Ma mentre in strada scoppiavano tafferugli, dentro il Teatro Renzi ha posto proprio l’accento sul taglio dissennato delle risorse agli atenei: «Non dico che non vi fossero le motivazioni, dal baronaggio ai casi di malagestione, che hanno prodotto un clima negativo e che, agli occhi dell’opinione pubblica, ha giustificato un taglio che è stato estremamente dannoso. Anche se la cultura della revisione della spesa va bene, i tagli indiscriminati sono una ferita insanabile. Non sono qui per fare promesse - ha concluso - ma ci impegneremo per trovare soluzioni che possano risolvere il dramma dei giovani ricercatori alle prese con i turn over: prima ancora della stabilità e la certezza, dobbiamo assicurare loro di di avere ogni anno concorsi liberi e aperti». «La presenza di Renzi è per Palermo un motivo di orgoglio - dice Davide Faraone, sottosegretario all'istruzione - in Legge di Bilancio abbiamo inserito misure per il diritto allo studio fondamentali per colmare il divario tra Nord e Sud del Paese anche nell'ambito dell'istruzione e della formazione: abbiamo stabilizzato l'incremento del fondo per il diritto lo studio, previsto nella scorsa legge di Bilancio, abbiamo pensato a una no tax area per studenti meritevoli ma privi di mezzi, stiamo lavorando per eliminare il paradosso dei cosiddetti idonei senza borsa. Sono felice - conclude - che questo nuovo anno di buone notizie per l'università parta qui, oggi a Palermo, con Matteo Renzi. Un segnale importante per il Paese».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews