Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Prosegue l'iter per il parco di Villa Turrisi
Il bando per la green way a inizio 2017

L'amministrazione ha deciso di separare l'iter per il percorso ciclabile, più semplice e rapido, da quello per istituire il nuovo polmone verde, perché ci sono diversi ostacoli burocratici da superare. Il percorso del parco urbano sarà sistemato a spese del Comune

Foto di: ASSOCIAZIONE PARCO VILLA TURRISI

Foto di: ASSOCIAZIONE PARCO VILLA TURRISI

Novità per il nascente parco di Villa Turrisi. Gli assessorati al Verde e all’Urbanistica hanno deciso di avviare due percorsi diversi per i progetti della green way e del parco urbano. Questo perché la costruzione della green way ha un iter più semplice: è prevista nel piano della mobilità dolce - che nel frattempo prosegue con il ritorno delle piste ciclabili in via Libertà - ed è finanziata con i fondi del Patto per il Sud. La green way sarà ricavata dai binari dismessi che un tempo facevano parte della linea Palermo-Monreale-Camporeale.

Più complesso il percorso del parco urbano, che sarà sistemato a spese dell’amministrazione. Prima però c’è una serie di ostacoli burocratici da sistemare: di recente il settore Urbanistica ha trasmesso all'ufficio Opere Pubbliche i riferimenti sul perimetro (da una parte, tra le vie Leonardo da Vinci, Casalini, Bonafede, Mammana, Beato Angelico e piazza Russia, e, dall'altra tra le vie da Vinci, Ruggeri, De Grossis, Di Blasi e Politi) e sulle proprietà per gli studi di fattibilità: bisogna distinguere tra i terreni privati e demaniali (canali, beni confiscati e l’ex tracciato ferroviario), preservare l’antico Baglio Torre Mango, demolire gli abusi edilizi e scovare le appropriazioni indebite di suolo pubblico, che i più furbi hanno recintato con catene, cancelli e lucchetti. Senza dimenticare che il futuro parco è attraversato da due canali idrici di gronda: Passo di Rigano, che fa parte del demanio statale, e Borsellino, che invece appartiene al demanio regionale.

Insomma, una montagna di carte da sistemare. Da qui la decisione di separare i due progetti sotto la coordinazione del capo area tecnica della Riqualificazione Urbana, Mario Li Castri. «In questo modo faremo più rapidamente con la green way - spiega l’assessore al Verde Sergio Marino -. Stiamo preparando il bando, speriamo di poterlo pubblicare fra qualche mese. Per il parco ci vorrà tempo. Nel frattempo prosegue il recupero delle altre aree verdi come il Giardino Inglese, dove abbiamo quasi terminato, o di Villa Trabia, dove dobbiamo sistemare il parco giochi». I due canali, in particolare, hanno bisogno di interventi consistenti. Per Passo di Rigano c’è un progetto - approvato soltanto quest’anno a 20 anni dal suo avvio - finanziato con 10,6 milioni di euro della delibera Cipe del 2012, che prevede l’eliminazione degli scarichi fognari tramite la razionalizzazione e il potenziamento della rete mista e la realizzazione di scaricatori di piena sul canale.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews