Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

A Carini il Giubileo del mondo del lavoro
«Chiesa e istituzioni unite contro la crisi»

L'evento si è tenuto nella zona industriale, luogo simbolo per le tante imprese che stentano o che hanno deciso di chiudere, costrette dalle ristrettezze economiche. Marcello Trapani (Ciac): «Siamo sommersi dalla burocrazia e ciò non ci consente di lavorare con serenità»

Marco Tranchina

La zona industriale come simbolo ideale del Giubileo del mondo del lavoro. E proprio in una zona industriale, quella di Carini, presso il centro direzionale, è andata in scena la manifestazione, un momento liturgico di incontro e riflessione e per porre l’attenzione verso un serio problema che attanaglia il territorio: la crisi e la disoccupazione. Infatti, negli ultimi anni numerose industrie presenti da anni nella zona sono state costrette alla chiusura.

L’iniziativa è stata organizzata dall’ufficio pastorale per i Problemi sociali e il Lavoro con il supporto del Movimento cristiano lavoratori, di Confindustria e Confcommercio Palermo e del Ciac (Coordinamento Imprenditori dell’area di Carini). «La Chiesa quest’oggi vuole essere accanto alle industrie e ai lavoratori per dar loro coraggio» dice monsignor Michele Pennisi, arcivescovo dell’arcidiocesi di Monreale, il quale è apparso orgoglioso della manifestazione organizzata. Anche Alessandro Albanese, presidente di Confindustria Palermo, ha presenziato all’iniziativa ribadendo la sua opinione sul Giubileo del mondo del lavoro: «Questa giornata è carica di significato: sindacati, imprenditori e Chiesa si riuniscono per un momento di preghiera per tutti i lavoratori, per il nostro territorio e per il suo sviluppo sano».

A guidare le fasi della manifestazione è stato don Angelo, parroco della chiesa alla Stazione di Carini, accompagnato da un frate dell’Ordine dei Francescani. Il corteo ha attraversato la Porta santa, dove Monsignor Pennisi ha pregato per qualche minuto, per poi dirigersi in un angolo del complesso direzionale in cui l’arcivescovo ha celebrato la Messa. Prima del suo inizio, don Angelo ha invitato il sindaco di Carini Giovì Monteleone a un saluto, il quale, in quanto rappresentate delle istituzioni, ha assicurato il proprio impegno laico al fine di poter risollevare le sorti di una zona industriale in cui regna il degrado, sottolineando, però, che «ognuno deve fare la propria parte affinché questo avvenga» riferendosi alle istituzione di livello superiore. Anche Marcello Trapani, infine, presidente di Ciac, è intervenuto raccontando i motivi della nascita della propria organizzazione: «Siamo circa venti imprenditori a far parte del Ciac. L’abbiamo creato perché la zona industriale appariva fortemente degradata e serviva un coordinamento fra noi imprenditori. Oltre al degrado, siamo sommersi dalla burocrazia e ciò non ci consente di lavorare con serenità. È per questo che chiediamo un aiuto alle istituzioni, un aiuto che sia il più tempestivo possibile». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews