Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Dissesto Comune Carini, protesta dei 105 precari
«Non siamo tutelati» ma sindaco respinge accuse

I lavoratori dicono di non sentirsi protetti dai vertici istituzionali dell'Ente da quando è in dissesto finanziario e puntano il dito contro la Regione che avrebbe dovuto farsi carico della loro condizione. Ciò è avvenuto solo in parte, perché quest’ultima ha consentito ai lavoratori di riprendere il loro posto per un mese e mezzo

Marco Tranchina

Rimonta la protesta dei 105 precari del comune di Carini che da due mesi hanno perso il proprio posto di lavoro conseguentemente al dissesto finanziario decretato a maggio di quest’anno. Stamattina hanno affollato l’entrata del municipio e alcuni di loro si sono incatenati alle porte del palazzo comunale con addosso sacchi dell’immondizia che riportavano la frase: «Questo sacco ha più dignità del nostro lavoro». Da quando il Comune è in dissesto finanziario la Regione, secondo la legge di Stabilità, avrebbe dovuto farsi carico dei dipendenti precari. Ciò è avvenuto solo in parte, perché quest’ultima ha consentito ai lavoratori di riprendere il loro posto solo per un mese e mezzo, nel periodo fra maggio e giugno. 

«Siamo consapevoli – afferma una dipendente precaria – che la colpa principale non è dell’amministrazione ed è della Regione, ma in questi mesi non ci siamo sentiti tutelati dalla giunta comunale e speriamo che, con questo gesto, si muova qualcosa». E in effetti, il sindaco Giuseppe Monteleone stamane ha accolto una delegazione dei manifestanti respingendo, però, ogni accusa: «Non dormo la notte a pensare che centocinque famiglie hanno difficoltà economiche, ma non posso tollerare che si dica che non stiamo facendo nulla per loro: siamo in continuo contatto con la Regione, mi reco io personalmente al Palazzo D’Orleans per parlare con chi di competenza. Il comune ha bisogno di loro, anche perché alcuni sono perfino capi ripartizione ma noi, in quanto amministratori comunali, per legge non possiamo fare altro perché a causa del dissesto finanziario, non possiamo assumere personale».

A rincarare la dose, ci pensa Luca Senapa, capogruppo al consiglio comunale di Azione Popolare,: “Sono seriamente indignato, irritato e indispettito dal comportamento dell'Assessorato Regionale Autonomie Locali e da tutta la politica regionale, nessuno escluso, nei confronti dei 105 lavoratori precari del Comune di Carini”. Senapa, che già a inizio agosto lamentava inattività da parte degli addetti ai lavori, denuncia inoltre la quasi totale assenza di interessamento da parte della giunta regionale degli ultimi mesi estivi: «Da due mesi, solamente promesse disattese e chiacchiere da bar. Abbiamo aspettato i 500 milioni di euro provenienti dallo Stato ma nulla è cambiato, del decreto nemmeno l'ombra e hanno pure il coraggio di rimandare di settimana in settimana inventando sempre una scusa». Senapa, nel raccontare la disastrosa situazione degli uffici comunali, afferma che «ormai anche effettuare il rilascio di una semplice carta d’identità è diventato un problema. Senza i precari gli uffici sono semi vuoti, gli impiegati sono soltanto 127 a fronte di 40 mila abitanti e la macchina comunale non può funzionare bene. Trovo tutto questo agghiacciante e mortificante per i cittadini e per i dipendenti». “Chiedo un intervento serio – conclude Senapa – da parte del Prefetto e del Presidente della Regione perché la situazione è arrivata davvero al limite e sia i lavoratori che i cittadini non possono più tollerare tutto ciò».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews