Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Carini, 105 precari Comune a rischio
Senapa: «Regione deve intervenire»

Da mesi attendono di poter lavorare ma, a causa di un cavillo burocratico, non possono rientrare in servizio. Gli uffici regionali non hanno ancora effettuato la ripartizione delle somme fra gli enti in dissesto

Marco Tranchina

A Carini 105 precari del Comune attendono da mesi di poter rientrare in servizio, ma per un ritardo burocratico - le risorse necessarie ci sono, ma la Regione non ha ancora effettuato la ripartizione delle somme tra gli enti in dissesto - non possono tornare a lavorare. Da molte settimane, infatti, i comuni siciliani in dissesto finanziario attendono la propria parte del Fondo straordinario statale istituito apposta per i comuni falliti, la cui somma totale è di 500 milioni di euro. Il riparto di questo fondo sarebbe servito a tutelare i dipendenti precari dei comuni in dissesto ma, come racconta Luca Senapa, consigliere comunale di maggioranza di Carini (uno dei grossi centri del palermitano ad aver subito il fallimento finanziario), questa somma non è ancora arrivata nella casse comunali.

«Ci era stato assicurato - racconta Senapa - che al più presto le somme sarebbero state decretate per poterci consentire di affrontare la Commissione Ministeriale a Roma che si svolgeva proprio oggi 2 agosto, senza la quale i lavoratori non avrebbero potuto avere l’autorizzazione a rientrare nei propri posti di lavoro». Senapa si riferisce anche all’articolo 27 comma 6 della legge regionale 5/2014 che sancisce l’utilizzo delle economie derivanti dal Fondo straordinario per la copertura degli oneri per il personale con contratto a tempo indeterminato nei comuni in dissesto finanziario.

A Carini i precari sono un numero elevato, centocinque per l’esattezza, e la maggior parte di loro prestava servizio al comune da più di vent’anni. Questo grande cifra di forza lavoro che viene a mancare manda spesso in tilt gli uffici comunali: «Il comune - continua - dovrebbe godere di ben duecentotrentadue dipendenti, ma se a questi si sottraggono i centocinque precari, gli uffici subiscono il collasso e i capi ripartizione non sanno più a chi chiedere aiuto». Nessun componente del comune di Carini, né degli altri comuni falliti, potrà quindi prendere parte alla commissione ministeriale che si terrà oggi. Senapa spera che da ora in poi «qualcuno si prenda la responsabilità di parlare con Roma per risolvere il problema al più presto in attesa di una soluzione definitiva per tutti i precari della Sicilia. So bene, però, che la questione sarà rimandata a settembre, dopo le ferie».

Il consigliere carinese, che più volte non le ha mandate a dire alla Regione Sicilia e ai componenti della giunta, in particolare nei riguardi del presidente Rosario Crocetta, conferma ancora una volta la propria delusione: «Oggi, come consigliere comunale di questo paese, mi trovo fortemente deluso e sconfortato dal comportamento delle istituzioni siciliane tutte. La mia battaglia non si ferma qui - conclude - continuerò a sostenere ad oltranza la dignità lavorativa di queste persone con tutti i mezzi possibili e immaginabili».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews