Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Pizzo Sella, denunciati undici street artist
«Portiamo arte in una zona degradata»

L'accusa è di danneggiamento aggravato ma loro, impegnati per il riscatto di un luogo assurto a simbolo del degrado e dall'abuso cementizio, si ribellano e cercano un dialogo con l'Amministrazione: «Sarebbe un paradosso se venissimo processati per questo»

Mario Cappello

La storia del promontorio di Pizzo Sella, definito la collina del disonore, potrebbe apparire una storia di abusivismo e degrado. Ma non per chi da anni ha intrapreso un percorso di rigenerazione urbana dell’area protagonista di una lunga e controversa vicenda giudiziaria. Questo fino a giorno 16, quando alcuni street artist impegnati nella riqualificazione degli edifici fantasma del villaggio sono stati fermati e identificati dalla polizia. Per loro l’accusa è di danneggiamento aggravato. Ma le associazioni e i gruppi informali che stanno dietro al progetto artistico insistono nel rivendicare il ruolo degli artisti nello spazio pubblico.

Lunedì alcuni di loro si trovavano all’interno dell’area, tra le centinaia di villette abbandonate in stato di degrado, quando a seguito di una segnalazione sono giunti sul posto gli agenti di polizia. «All’arrivo della volante siamo andati incontro ai poliziotti, per far capire che non avevamo atteggiamenti ostili. Loro si sono limitati a fare il loro lavoro, anche se devo ammettere che avrebbero potuto fare di peggio» spiega a MeridioNews uno degli artisti segnalati. Per le undici persone che al momento si trovavano in prossimità degli edifici, compresi i tre video-operatori sul luogo per documentare l’intervento artistico, è scattata la denuncia per danneggiamento con l’aggravante del bene sottoposto a sequestro. 

Ma gli artisti non ci stanno a passare per vandali e rilanciano. In un comunicato stampa diffuso, tra gli altri, dall’associazione CaravanSerai, che si occupa di rigenerazione urbana, Progeas Family e Fare Ala gli artisti e i solidali tentano di aggiustare il tiro, chiedendo che la vicenda serva da monito per aprire un vero e proprio dibattito sull’arte di strada e sul ruolo degli artisti: «Quanto è legittimo parlare di danneggiamento tout court senza prendere in considerazione il caso specifico? Perché operare in un contesto critico in maniera consapevole è considerato criminoso, mentre sottrarre un’opera alla collettività trasformandola in un prodotto commerciale viene considerato lecito? - si legge nella nota - La storia e la criticità di Pizzo Sella hanno attirato l’attenzione degli artisti che hanno deciso di dare il proprio contributo realizzando nuove opere murarie sugli edifici disabitati e in apparente stato di abbandono. L'intento era quello di portare attraverso l'arte un'attenzione sulle problematiche e contraddizioni che da sempre contraddistinguono lo spazio urbano, inteso come luogo di socialità per eccellenza».

Il riferimento è al lungo iter giudiziario che ha portato inizialmente alla confisca delle quasi duecento ville, costruite abusivamente nel promontorio sopra il lungomare di Mondello durante alla fine degli anni '70, ma che sono state in parte restituite ai proprietari dopo una controversa pronuncia della Cassazione nel 2012 che ha disposto la condanna per il Comune di Palermo al loro risarcimento. «Noi ci siamo limitati ad effettuare interventi artistici in una zona di degrado, sarebbe un paradosso se dovessimo essere processati per questo - spiega un artista che preferisce rimanere anonimo - e siamo in cerca di un dialogo con l’assessore alla Cultura del Comune di Palermo Andrea Cusumano, con l’appoggio delle associazioni che da anni si occupano del recupero e della riqualificazione del promontorio». Gli artisti di Fare Ala, che si occupano di censire le opere di Pizzo Sella e che hanno lanciato l’idea di Pizzo Sella Art Village, una pagina facebook che, attraverso l’ironia, immagina l’area come un museo a cielo aperto documentando gli interventi. Un episodio che rimette in discussione il ruolo sociale ed estetico della street art e che rilancia il dialogo tra la legittimità dell’intervento artistico nelle strade e il ruolo delle istituzioni. Un dibattito a cui probabilmente gli artisti identificati avrebbero preferito prendere parte in un altro modo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews