Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Castello a Mare nel degrado, intervengono i forestali
«Al via opere di bonifica: serviranno almeno due mesi»

Fonti dell'assessorato regionale all'Agricoltura fanno sapere che il 26 aprile è stato emanato un provvedimento amministrativo dal dipartimento regionale Sviluppo Rurale e Territoriale che inserisce il sito archeologico tra i dieci interventi prioritari che saranno effettuati dai forestali in diverse province a supporto dei parchi archeologici

Stefania Brusca

Dal momento in cui è stato chiuso per disinnescare un ordigno bellico, circa tre mesi fa, il sito archeologico del Castello a Mare non è stato più riaperto. Non solo, è stato lasciato in balia del degrado. Rifiuti di ogni tipo e l'erba alta invadono la zona, aumentando così il rischio di incendi. Per fare fronte alla situazione, pare anche a causa della carenza di fondi a disposizione della Soprintendenza di Palermo, responsabile del sito, sul posto stanno per intervenire i forestali.   

In un provvedimento amministrativo del dipartimento regionale dello Sviluppo Rurale e Territoriale del 26 aprile di quest'anno infatti sono stati individuati dieci interventi in altrettanti siti di interesse storico-culturale in diverse province siciliane e su Palermo in particolare la priorità va proprio a quello di Castello a Mare. Lo riferiscono fonti dell'assessorato regionale all'Agricoltura. In particolare sono previsti due interventi: il primo nell'area del sito archeologico stesso e l'altro nelle immediate pertinenze. Anche se nel provvedimento si richiedono tempi brevi per la realizzazione delle opere di bonifica, dall'assessorato fanno sapere che ci vorranno non meno di due mesi per vedere attuati gli interventi da parte dei forestali. Questo tipo di atti di indirizzo congiunti tra i due assessorati, Agricoltura e Beni Culturali, non sono nuovi nell'ambito del governo Crocetta, questo tipo di prassi va avanti da circa un anno e mezzo.     

Un intervento quanto mai urgente nel sito archeologico che insiste nella zona del porto a due passi dalla costa. Dal momento della chiusura a oggi, nell'area, oltre diecimila metri quadrati il personale trova di tutto, dai condom usati dalle coppiette che riescono a introdursi scavalcando un muretto a fazzoletti gettati all'interno dalle prostitute. C'è anche chi, in assenza di segnaletica, porta a spasso il cane. Senza un'adeguata bonifica il sito non può riaprire. I dipendenti avrebbero inoltrato alla Soprintendenza di Palermo diverse richieste d'intervento, spesso inevase, pare, per mancanza di fondi a disposizione. 

Entro maggio dovrebbero quindi partire le opere di bonifica in linea con quanto sancito durante l'incontro avvenuto proprio il 26 aprile tra il presidente della Regione Crocetta e i responsabili degli assessorati regionali competenti. In quella circostanza il governatore si era detto pronto a mandare i forestali a supporto dei parchi archeologici. Il Castello al Mare non è l'unico sito della Provincia di Palermo interessato dal provvedimento. Previsto anche l'arrivo dei forestali anche all'Area Archeologica e Antiquarium Solunto (Santa Flavia). 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews