Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Umberto Eco raccontato da Gianfranco Marrone
«La sua lotta più grande? Contro la stupidità»

Il saggista, professore di Semiotica all'università di Palermo, racconta il suo collega e amico scomparso questa notte all'età di 84 anni. «Ai miei studenti cercherò di raccontare il suo più grande insegnamento: la capacità di non intendere lo studio separato dalla vita»

Alessia Rotolo

Gianfranco Marrone

Gianfranco Marrone, saggista e professore ordinario di Semiotica all'Università di Palermo racconta il suo collega e amico Umberto Eco, scomparso questa notte all'età di 84 anni. Dal primo incontro nel capoluogo siciliano all'eredità che lascia, non solo agli accademici, ma a tutto il Paese. 

Cosa mancherà all'Italia da oggi?

Con la scomparsa di Umberto Eco ci mancherà soprattutto la sua lucidità, che non è soltanto la capacità di capire e guardare più avanti di altri, ma soprattutto la forza di saper mescolare le carte. Umberto era tante cose, era un semiologo, un professore universitario, un giornalista, uno scrittore, un uomo di editoria; e lui riusciva a far giocare felicemente tra loro tutte queste professionalità come le sponde di un biliardo. Fare filosofia e scrivere romanzi, per esempio, erano attività complementari, così come essere un critico letterario o scrivere di politica sui giornali. Questa era una maniera per abbattere le barriere delle istituzioni del sapere, non per il banale gusto di farlo ma per farle crescere ognuna grazie all'altra. Ad esempio, tutti i suoi romanzi sono molto divertenti e avvincenti, spesso sono dei polizieschi, ma hanno anche una grande profondità filosofica; parallelamente suoi testi di semiotica sono anche divertenti. Notoriamente Umberto era un grande raccontatore di barzellette, riusciva a parlare di Kant e insieme a raccontare delle barzellette; non a caso è stato il curatore del Trattato delle barzellette di Achille Campanile.

Qual è il ricordo più caro che ha legato ad Umberto Eco?

La prima e l'ultima volta che ci siamo incontrati, sono due momenti a me molto cari. La prima volta fu alla fine del 1980, quando venne a Palermo per inaugurare un convegno di semiotica e io ero uno studente al secondo anno: ricordo che disse una cosa che mi rimase profondamente impressa, riuscì a spiegare come il segno è stato rimosso dal dibattito occidentale così come è successo nella società per la donna o i neri, gli altri insomma. Quello stesso giorno nel pomeriggio Eco andò da Flaccovio a presentare il suo nuovo libro Il nome della rosa. Quel giorno fu la prima volta che lo vidi e lo sentii parlare, ed era molto strano vedere un professore universitario che scriveva anche romanzi, a quei tempi era una cosa inusuale. L'ultima volta che l'ho visto è stato in settembre scorso a Camogli, al Festival della Comunicazione, dove mi aveva invitato; stava già molto male, ma si alzò dalla stanza delle colazioni e venne zoppicando ad ascoltare il mio intervento. A quasi quarant'anni di distanza, i ruoli si erano invertiti e per me fu molto importante vederlo là in prima fila ad ascoltarmi. Lui fu un maestro di vita non solo un maestro di pensiero.

Con la sua scomparsa la semiotica cosa ha perso?

Ha perso il suo più grande maestro e rappresentane e ci lascia un'eredità difficile e complicata che raccoglieremo come una sfida. Mancherà molto il suo modo di guardare il mondo in modo critico e al contempo divertente. Senza di lui sarà dura. Mi ha sconvolto apprendere della sua morte, sapevo che stava male ma nonostante questo è un colpo durissimo.

Quando ai suoi alunni spiegherà chi era Umberto Eco cosa dirà?

Cercherò di raccontare il suo più grande insegnamento e cioè la capacità di non intendere lo studio separato dalla vita. Lui ci ha insegnato che lo studio non è solo un diritto ma anche un piacere. La sua più grande lotta non era contro l'ignoranza ma contro la stupidità.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email