Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

#SvegliatItalia a Palermo, migliaia in piazza
Rosario e Federico: «Ecco i nostri figli»

In piazza oggi a manifestare per i loro diritti c'erano anche i primi palermitani gay ad essere iscritti al registro delle unioni civili. La coppia è stata in California e grazie alla Gta (gestazione per altri) ha due figli, ma in Italia viene riconosciuto per loro solo un genitore. Guarda la gallery

Alessia Rotolo

Foto di: Alessia Rotolo

Foto di: Alessia Rotolo

La sveglia è suonata alle 18 in punto per dire simbolicamente all'Italia che è l'ora di diventare un paese civile, di svegliarsi appunto, rispetto ai diritti delle persone Lgbtqi. Tantissima gente in piazza Verdi a Palermo per la manifestazione #svegliatitalia, che si è tenuta in altre centro piazze in tutta Italia. 

In piazza oggi a manifestare per i loro diritti ci sono anche Rosario e Federico, i primi palermitani gay ad essere iscritti al registro delle unioni civili. La coppia è stata in California e grazie alla Gta (gestazione per altri) ha due figli, ma in Italia viene riconosciuto per loro solo un genitore. «Siamo in piazza per manifestare per i nostri diritti e quelli dei nostri figli, - spiega Rosario - in Italia viene riconosciuto solo un genitore l'altro è un estraneo. Troviamo che sia un'ingiustizia. Per lo Stato siamo solo due amici, ma quelli sono i nostri figli, li amiamo. Lo Stato deve legiferare - concludono -, il disegno Cirinnà è solo una briciola occorre una continuità affettiva per i nostri figli, vogliamo pari diritti. Di famiglie arcobaleno ce ne sono molte, non si può continuare ad ignorarle. I nostri figli non sono figli di serie B!». 

«Basterebbe rispettare l'articolo 3 della costituzione italiana - dice Giusto Catania assessore alla Mobilità del comune di Palermo - secondo cui in Italia gli uomini e le donne devono avere tutti uguali diritti. Con la 'Carta di Palermo' si riconosce il diritto di cittadinanza per tutti, non solo per i migranti, con questa carta siamo anche dentro il coordinamento del Pride. Chiediamo con forza che il parlamento faccia una legge, ma una legge buona, che metta al primo posto la persona. saremo in piazza fino a quando non saranno garantiti i diritti di tutti e tutte». Rispetto al disegno di legge sulle unioni civili attualmente in discussione al parlamento, il movimento per i diritti Lgbtiq ha le idee molto chiare: «è una legge anticostituzionale e razzista, - dice Massimo Milani, uno dei fondatori di Arcigay a Palermo - si dovrebbero vergognare».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×