Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Chiuse le indagini sui cronisti de L'Espresso
Si attende richiesta di rinvio a giudizio

Il 10 dicembre scorso  il gip Gioacchino Scaduto aveva deciso di rigettare la richiesta di giudizio immediato firmata dal procuratore capo di Palermo Lo Voi. I giornalisti si sono sempre difesi dalle accuse, anche quando la procura  ha smentito l'esistenza della intercettazione tra Matteo Tutino e il presidente della Regione Crocetta

Marta Genova

Avviso di chiusura indagini per i giornalisti de L'Espresso Piero Messina e Maurizio Zoppi. I due cronisti sono accusati di calunnia e pubblicazione di notizie false ed esagerate a seguito della pubblicazione, lo scorso luglio, di un articolo sull'esistenza di un' intercettazione in cui il primario dell'Unità operativa di chirurgia plastica di Villa Sofia Matteo Tutino avrebbe detto al presidente della Regione Rosario Crocetta: «Lucia Borsellino deve essere fatta fuori come suo padre». La calunnia è stata contestata perché entrambi i giornalisti, hanno fatto il nome dell'ex capitano Nas di Palermo, Mansueto Cosentino, come di colui che avrebbe fornito loro la notizia dell'intercettazione.

I cronisti si sono sempre difesi dalle accuse e anche quando la procura di Palermo ha smentito, e più di una volta, l'esistenza della intercettazione, l'Espresso ha continuato a confermare la veridicità delle notizie contenute nell'articolo pubblicato.  

Il procuratore capo di Palermo Francesco Lo Voi, che coordina l'indagine insieme all'aggiunto Leonardo Agueci,  lo scorso ottobre aveva firmato la richiesta di giudizio immediato nei confronti dei cronisti che si sono sempre difesi dall'accusa di aver diffuso notizie false. Anche quando la procura di Palermo ha smentito, e più di una volta, l'esistenza della intercettazione in cui Matteo Tutino avrebbe detto al presidente della Regione Crocetta, «Lucia Borsellino deve essere fatta fuori come suo padre», l'Espresso ha continuato a confermare la veridicità delle notizie contenute nell'articolo pubblicato.  Il 10 dicembre il gip Gioacchino Scaduto aveva deciso di rigettare la richiesta di giudizio immediato perchè non ritiene che vi sia il «presupposto indefettibile del giudizio immediato che è l'evidenza della prova del reato». Una motivazione strettamente legata a quanto scritto dall'avvocato Bognanni il 23 novembre scorso proprio nella richiesta di rigetto del giudizio immediato, secondo cui a seguito della prima perizia sul materiale analizzato in fase di incidente probatorio, «Il consulente di parte  ha rilevato analiticamente molte criticità, sia formali che sostanziali». Nella richiesta, Bognanni aveva evidenziato anche come tra i due "interlocutori", Tutino e Crocetta, ci fosse un «appurato rapporto di confidenza e dunque si può senza dubbio contemplare l’ipotesi concreta che possano esserci altre telefonate intercettate presenti tra i documenti dell’inchiesta, considerato che quest’ultima, secondo quanto affermato dall’accusa, appare ancora pendente e coperta da segreto istruttorio». Chiuse le indagini però, adesso anche questa "parte mancante" potrà essere oggetti di analisi e con ogni probabilità dunque la difesa dei cronisti ne chiederà la perizia. Chiuse le indagini, adesso si dovrà procedere con la richiesta di rinvio a giudizio, passando per l'udienza preliminare.

Lo scorso dicembre intanto la procura ha richiesto la revoca dei domiciliari per il professor Tutinoarrestato lo scorso giugno nell'ambito di una inchiesta su Villa Sofia avviata nel 2013 (coordinata dal procuratore Agueci e diretta dal sostituto procuratore Battinieri) e pochi giorni dopo coinvolto anche nella bufera scatenata dall'articolo dell'Espresso.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews