Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Palermo, in cinque anni 2299 attività in meno
«Situazione grave, va cambiato regolamento»

«Ci sono delle soluzioni - dice Attinasi, presidente di Confesercenti Palermo - e dei cambiamenti che vanno apportati anche nel modo di fare impresa. Nei prossimi mesi ad esempio attiveremo dei corsi di inglese per i nostri associati e uno per il marketing innovativo che sono necessari»

Marta Genova

Foto di: archivio

Foto di: archivio

Dati preoccupanti, sintomo della crisi che dilaga in questa città, della sofferenza economica in cui vivono le imprese e di conseguenza le famiglie palermitane. Un quadro desolante e pesantissimo quello emerso dal report di Confesercenti che vede la Sicilia come la regione che vive la condizione peggiore con oltre 16mila attività in meno negli ultimi cinque anni, una cifra che è la summa del rapporto tra aperture e chiusure di negozi, bar e ristoranti. 

«La crisi - dice Mario Attinasi, presidente di Confesercenti Palermo - ha determinato dei cambiamenti irreversibili soprattutto nel settore del commercio. Un'idea di soluzione io ce l'ho: occorre individuare con urgenza un nuovo modello di sviluppo economico, puntando al settore del turismo. Poi vanno riconsiderati i negozi, piccoli e grandi, attraverso la rinascita dei centri commerciali naturali abbandonati dalla politica siciliana». Per quest'ultimo obiettivo, spiega il presidente, andrebbero potenziati i servizi: trasporti pubblici con un biglietto unico, una card turistica e un nuovo modello di parcheggi in centro.

Attinasi fa anche una analisi finanziaria per meglio chiarire la situazione e questo drammatico saldo negativo per la città. «Abbiamo un peso fiscale assurdo - continua -, le famiglie alla fine del mese non hanno un budget da destinare alla spesa e serve uno sforzo del governo per un abbassamento del peso fiscale. C'è da valutare anche che le piccole e medie imprese - che sono la maggioranza di quelle italiane - non hanno come affrontare le crisi anche dal punto di vista del marketing. Ma ci sono dei metodi di sviluppo». E questi metodi Confesercenti vuole metterli in atto: «Nei prossimi mesi, ad esempio, attiveremo dei corsi di inglese per i nostri associati e un corso gratuito entro la primavera anche per il marketing innovativo». Strumenti che oggi risultano indispensabili.

Ma un altro problema è quello relativo agli affitti, troppo alti soprattutto in certe zone della città. «La nostra proposta comprende due temi: incentivare i grossi marchi con canoni più leggeri e poi modificare il regolamento del consiglio comunale per permettere di aprire attività che sono di oltre 200 metri quadri, cosa che attualmente non è possibile». I grandi marchi possono, ma la questione è tutta legata alle licenze: quelle vecchie vengono rinnovate e per questo troviamo grandi negozi in centro, ma i nuovi non possono. Il Comune infatti non ha adottato un piano che consenta alle medie e grandi strutture - oltre i 200 e i 1.500 metri quadrati - di richiedere l’autorizzazione all'apertura.

«Speriamo entro la primavera di portare un cambiamento - aggiunge Attinasi -  e per questo abbiamo già chiesto un incontro con le Attività produttive e l'urbanistica per rivedere in Consiglio comunale il regolamento. Inoltre - conclude - noi siamo contrari alla liberalizzazione dei mercati e al fatto che si lavori sempre. O cambiano le regole o non possiamo andare avanti. Il nostro è un obiettivo a brevissimo termine».  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews