Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Le donne di Benin City insieme contro la tratta
Dalla strada al cucito nel centro di suor Anna

Vendute dalle famiglie per poche centinaia di euro e ignare del loro futuro, che le avrebbe portate a prostituirsi a Palermo. Sono in 15 a essersi ribellate e aver fondato un'associazione per dare un lavoro a chi vuole cambiare vita. Un progetto sposato da suor Anna Alonzo: «Abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti»

Antonio Mercurio

Foto di: Antonio Mercurio

Foto di: Antonio Mercurio

Ribellarsi alla schiavitù della tratta costruendo un percorso che le renda economicamente autonome e libere. È l'obiettivo di 15 donne nigeriane che, sfidando i propri aguzzini, hanno trovato la forza per liberarsi dal giogo della violenza. Abbandonata la strada, hanno fondato un'associazione di volontariato, le Donne di Benin City Palermo che al momento conta 15 socie. Ma devono tutto a Vero, una ragazza nigeriana che, dopo essere sfuggita alla strada, decisa a cambiare vita, si è sposata con un siciliano e ora vuole realizzare un sogno: creare un lavoro per sé e per le altre ragazze che desiderano fuggire dal calvario dello sfruttamento della prostituzione.

Tutte, infatti, condividono lo stesso tremendo passato: dalla città di Benin City, capitale dello Stato di Edo nella Nigeria meridionale, sono state vendute dalla famiglie per poche centinaia di euro, ignare del loro futuro. Ribellarsi, tuttavia, è solo il primo passo. Molte di loro, infatti, sono disoccupate con figli nati proprio a Palermo. «Senza un lavoro e un futuro come possono averlo i nostri figli? - sbotta Vero -. Alcune di noi chiedono l'elemosina per strada, ma vogliamo essere autonome». Molte delle donne prima obbligate a prostituirsi ora fanno un po' di tutto: realizzano lavori di sartoria con materiali di riuso ma anche catering, cucina etnica nigeriana e africana, danze e canti tradizionali e acconciature tipiche.

Ma le Donne di Benin City continuano ad avere bisogno di sostegno. La prima a credere in loro è stata Anna Alonzo, suora missionaria che da anni si occupa a Palermo di minori, senzatetto e donne sottratte alla tratta e che ha fondato nel rione Guadagna il centro Arcobaleno 3P. Più volte bersaglio di intimidazioni per il suo impegno - recentemente è stata anche picchiata e minacciata con un coltello - suor Anna ha sposato da subito il progetto, accogliendo nella struttura l'associazione. «Per ora devono imparare un mestiere, donarsi un futuro e fare informazione, per mostrare a chi ancora è in strada che esiste una via d'uscita», spiega. Tra i primi ad aiutare concretamente è stata anche Confartigianato che ha concesso gratuitamente un gazebo dal 6 all'8 gennaio a piazza Verdi per permettere all'associazione di farsi conoscere.

«Chi viene comprata a Benin City viene trattata alla stregua di una cosa - prosegue suor Anna - La Favorita è piena di minorenni che, senza alcuna tutela, vivono in prigione. Ma nessuno fa nulla». Le donne nigeriane prive di documenti di riconoscimento, infatti, sono spesso identificate ed espulse. Quando invece dovrebbero essere trattate come donne vittime del traffico di esseri umani secondo la legge sull'immigrazione. «Anche per questo motivo il gruppo nato a Palermo intende richiamare l’attenzione della politica». Anche perché ribellarsi equivale a morire e chi riesce non può contare sull'appoggio della famiglia, che spesso è al corrente del futuro a cui condanna le proprie figlie. «Quando torno nel mio Paese - racconta Vero - la gente mi domanda se ho paura, ma perché dovrei averne? Se mi lasciassi frenare dal timore di qualche vendetta, chi fermerebbe questo traffico? Non voglio - conclude - che nessun'altra provi ciò che ho subito sulla mia pelle».

Suor Anna ha promesso di trasformare una parte del centro in un laboratorio di cucito professionale e sempre Confartigianato ha assicurato microcrediti agevolati per l'acquisto di macchine. Ma non basta. Servono anche i fondi per l'acquisto dei materiali. La fondatrice del centro Arcobaleno, ad ogni modo, è fiduciosa. «Lavoro per strada con le prostitute e i senza fissa dimora e il mio numero ce l'hanno tutti - dice con tono di scusa, silenziando il telefono che squilla in continuazione - perché dà sicurezza alle persone che sono completamente disperate. Molti mi prendono per pazza ma io lavoro con le persone, quelle più povere. Sono scelte di vita - conclude - ed è l'unico modo per farlo veramente: del resto non mi interessa».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×