Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Punto nascite, avanza l'ottimismo
Lapunzina: «Ha vinto il buonsenso»

Il vicesindaco di Castellana Sicula è certo sul buon esito delle trattative per la riapertura del reparto di maternità dell'ospedale di Petralia Sottana. «Le istituzioni hanno lavorato in sinergia - dice - adesso è solo una questione di burocrazia». Più cauto il collega petralese, che conferma comunque le garanzie fornite dalla Regione per gli adeguamenti necessari alla deroga ministeriale

Gabriele Ruggieri

Foto di: archivio

Foto di: archivio

Dopo giorni di lotta nelle piazze e nei palazzi, culminati con il lungo corteo di auto partite dalle Madonie alla volta della Prefettura di Palermo, torna a splendere il sole sul punto nascite di Petralia Sottana. Cresce infatti l'ottimismo delle voci, sempre più insistenti, che parlano di un'imminente riapertura del reparto maternità dell'ospedale madonita. A darne conferma è Vincenzo Lapunzina, vicesindaco di Castellana Sicula, in prima linea, come gli altri suoi colleghi, durante le manifestazioni. «Ho ricevuto conferme da più parti - spiega - La Regione siciliana è pronta a ottemperare a quanto richiesto dalla ministra sul piano della sicurezza e la ministra è pronta a concedere le deroghe. Adesso la questione diventerà prettamente burocratica, ma siamo fiduciosi».

Più cauto, da par suo, appare il primo cittadino di Petralia Sottana, Santo Inguaggiato, che preferisce attendere l'ufficialità da parte delle istituzioni. Pur confermando di avere ricevuto dal presidente Rosario Crocetta le rassicurazioni sulla disponibilità della Regione a compiere quanto necessario per potere ricevere la nuova deroga. 

«Credo che abbia prevalso il buonsenso - continua Lapunzina - La situazione non è più drammatica, le istituzioni hanno dimostrato che la strada seguita è stata quella giusta. Noi non abbiamo mai chiesto deroghe sulla sicurezza, e l'apparentamento dell'ospedale di Petralia con quello di Termini Imerese, diretti persino dallo stesso primario, potrà facilitare il lavoro dell'Asp in merito al personale mancante. Non saranno necessari grandi investimenti».

Ma il vicesindaco di Castellana non si ferma ai sentori di una possibile riapertura del punto nascite e guarda al futuro dell'intera struttura. «L'assessore alla Sanità Gucciardi - dice - non abbassi la guardia. Vorremmo raggiungere, insieme con l'ospedale termitano, la quota di 700 parti all'anno. La prossima sfida sarà fare in modo che tutte le donne del territorio scelgano di partorire a Petralia, con la speranza che i 25mila metri quadri dell'ospedale possano essere sfruttati al massimo, non solo per la maternità. Magari coinvolgendo i privati per un progetto che possa rendere l'ospedale competitivo. Un centro di eccellenza». 

E grande merito, sempre secondo Lapunzina, va dato all'intervento della neonominata prefetta di Palermo, Antonella De Miro, per il suo intervento tempestivo. «Ci ha disarmati tutti mettendosi a nostra immediata disposizione ma senza illuderci, senza false promesse».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews