Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Una scuola con vista… sulla discarica
Allo Zen2 una situazione ferma da anni

Alle spalle dell’Istituto comprensivo Giovanni Falcone si trova una piazzola che da tempo è usata da parte di numerosi mezzi pesanti come deposito di rifiuti di ogni sorta. Un comitato civico chiede a gran voce la bonifica dell’area

Massimo Gucciardo

Il nuovo anno non ha ancora portato in dono il regalo sperato dagli abitanti dello Zen 2, ovvero la rimozione di una delle discariche “storiche” del quartiere. Stiamo parlando dell’area alle spalle dell'Istituto comprensivo statale Giovanni Falcone, in via Sandro Pertini (l’ex via P.V. 46), il lungo asse di scorrimento che taglia in due la zona collegando il Velodromo con via dell’Olimpo. Secondo quanto segnalato alla nostra redazione dall’Associazione Comitati Civici di Palermo, ad oggi nello spiazzo esistono e ”prosperano” cumuli di rifiuti di vari tipi, dagli sfabbricidi alle lastre di eternit, passando per la carcassa di un’auto bruciata. Le immagini parlano chiaro, e lo stato in cui versa la zona è testimoniato pure dalle immagini satellitari dei vari siti di mappe.

L’associazione fa presente che i problemi in quello spiazzo persistono almeno dal 2012, e che tutti gli appelli lanciati alle istituzioni competenti sono rimasti inascoltati, e così la spazzatura, le piante infestanti come l’ailanto, e i materiali di risulta sono andati crescendo notevolmente di volume. Una situazione agevolata dal facile accesso dalla pubblica strada, che causa sicuramente un impatto negativo sulla salubrità dell’area, con rischi potenziali per gli studenti del retrostante plesso scolastico. Infatti lo spiazzo è delimitato su un lato dalla cancellata ormai arrugginita della scuola, che separa quest’area di sosta dagli spazi aperti dell’Istituto Falcone, dove ogni giorno i ragazzi praticano educazione fisica.

Nel denunciare il pessimo stato dell’area il comitato, tramite il suo presidente Giovanni Moncada, fa presente che oltre alla imprescindibile opera di pulizia dovrebbero essere messe in atto delle misure deterrenti per evitare il “riformarsi” della discarica. E propone l’apposizione di blocchi di cemento per chiudere i varchi d’accesso alla piazzola, impedendo così ai i mezzi pesanti (che, secondo l’associazione, sono i principali artefici della situazione) il deposito in loco dei rifiuti più disparati, comprese le lastre d’amianto che col tempo si vanno sbriciolando liberando le polveri tossiche. Per questo il comitato civico chiede ancora una volta di pulire e di identificare chi doveva controllare l’area e non l’ha fatto, al fine di evitare che i giovani frequentatori della scuola, i cittadini di domani, possano trarre pessimi insegnamenti da questa situazione, dal menefreghismo per la salute pubblica all’impunità per l’abbandono di rifiuti pericolosi.

L’azienda che si occupa dell’igiene ambientale, la Rap, da noi contattata risponde con una nota nella quale si specifica che si è in attesa a breve del responso chiesto ad un laboratorio di analisi per accertare che tra i rifiuti presenti ci sia effettivamente eternit. Però il contratto di servizio stipulato tra l’azienda (nata sulle ceneri dell’Amia) e il Comune non contempla tra i servizi obbligatori la bonifica di discariche di sfabbricidi ed amianto che - non trattandosi di rifiuti urbani - rientrano tra i servizi a pagamento. La Rap prosegue ricordando che in passato per discariche similari si è proceduto attraverso una apposita autorizzazione dell'Assessorato comunale all’Ambiente. E’ infatti quest’ultimo che autorizza e impegna la spesa occorrente per la bonifica, coinvolgendo le ditte iscritte all’albo di chi può rimuovere questi rifiuti speciali. Non è stato possibile ottenere dall’ufficio comunale preposto informazioni in merito alle eventuali tempistiche d’intervento.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×