Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Addio a commessa Enel, nuovi esuberi ad Almaviva
Sindacati: «Governo scandaloso, stop annunci»

A rischiare sono altri 500 lavoratori. Dopo il pericolo scongiurato dello stop retroattivo ai contratti di solidarietà la nuova doccia fredda. Il colosso dei call center ha perso la gara che è stata aggiudicata ad altri con un ribasso di oltre il 22 per centro rispetto all'offerta formulata dall'azienda. Il sindaco: «Settore strategico, vertenza nazionale»

Rossana Lo Castro

L’inizio della fine. I lavoratori Almaviva di Palermo non nascondono la preoccupazione. Perché dopo settimane di assemblee, confronti romani e scioperi, dopo il pericolo scongiurato dello stop retroattivo (a partire già dall'1 dicembre) ai contratti di solidarietà, la doccia fredda arriva nel pomeriggio. Addio alla commessa Enel. I lotti della gara sarebbero stati assegnati ad altri con un ribasso di oltre il 22 per cento rispetto all’offerta formulata dal colosso dei call center. Uno scenario che aggrava la già fragile tenuta occupazionale del sito di Palermo, per il quale si profilano altri 500 esuberi, oltre ai 1.100 annunciati da tempo da Almaviva.

Il vincitore della commessa, spiega la direzione aziendale della società, ha applicato un prezzo più basso «rispetto alla nostra migliore offerta basata sulla pura sostenibilità dei costi». Un ribasso «capace anche di vanificare qualsiasi effetto prodotto dalla stessa qualità tecnica delle offerte». Si tratta di gare relative ad attività di customer care e di back office documentale. Da qui, avverte l’azienda, «la necessità di gestire nel breve termine ulteriori 500 esuberi sul sito palermitano».

Un orizzonte nerissimo che rischia di avere un effetto domino a livello nazionale. «È scandaloso – dice adesso la Slc Cgil – che, mentre si sta deliberando il ddl appalti sulle clausole sociali , servizi come Enel o Poste siano oggetto di gare al massimo ribasso e ancora più scandaloso è l’atteggiamento del Governo su questo tema, come sull’articolo 24 bis». Il sindacato punta il dito contro «la politica degli annunci» a scapito di «controlli mai effettuati».

«I lavoratori sono demoralizzati e preoccupati – dice Massimiliano Fiduccia della Slc Cgil -. Adesso occorre più che mai portare la vertenza a un livello nazionale, evitando di lasciarla confinata in un ambito regionale». «Ci attiveremo fin da subito - spiega Davide Foti, coordinatore generale della Scl Cgil Sicilia – per richiedere un intervento nazionale su questa complessa vertenza che solo in Sicilia conta più di 5mila addetti, senza contare gli effetti che si creerebbero sull’intero indotto».

Intanto agli operatori arriva la solidarietà del sindaco Leoluca Orlando, che ha inviato una lettera ai segretari generali confederali. Il primo cittadino sottolinea come il settore dei call center sia diventato negli anni «una parte importante, e in alcuni casi essenziale, del tessuto produttivo-occupazionale, soprattutto giovanile». E, ricordando l’attenzione dell’amministrazione comunale per «arginare una crisi che anche in questo settore ha già richiesto sacrifici rilevanti ai lavoratori», Orlando manifesta la sua preoccupazione per quella che definisce una «tendenza preoccupante, relativa ai passaggi dei call center dal settore industriale a quello del terziario, con conseguenti minori garanzie in termini di ammortizzazione sociale». Da qui l’invito alla creazione di «un fronte comune nazionale delle forze sociali e istituzionali» in grado di incidere sul governo e sulle imprese per «difendere un settore che ha profonde radici nel Mezzogiorno e nella parte più giovane della popolazione».

Appena qualche giorno fa era arrivata anche la presa di posizione dell'assessore regionale alle Attività produttive, Mariella Lo Bello. L’esponente della giunta Crocetta ha annunciato un incontro a gennaio con i sindacati «riportare la vertenza all'attenzione della Regione che è stata considerata assente. Ci sono margini ristretti per una trattativa ma dobbiamo capire se c'è la possibilità di riportare le commesse in questa regione». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews