Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Una donna a capo del mandamento di Porta Nuova
La moglie del boss gestiva la cassa della famiglia

Al vertice, come hanno accertato i carabinieri del Comando provinciale che hanno eseguito 38 fermi, era arrivata dopo l’arresto del marito. Seguendo le sue direttive aveva preso in mano le redini del comando, occupandosi del traffico di droga, delle estorsioni e del mantenimento delle famiglie dei detenuti. Guarda il video

Rossana Lo Castro

Mafia in rosa. A capo del mandamento di Porta Nuova c’era una donna, era lei a gestire la cassa della famiglia. Al vertice Teresa Marino, 38 anni, moglie di Tommaso Lo Presti, arrestato nell'ambito dell'operazione Iago dell'aprile 2014, era arrivata dopo l’arresto del marito, così una volta finito in carcere era toccato a lei prendere in mano le redini del comando. Gli ordini arrivavano dal carcere e le direttive andavano rigidamente applicate. Da gestire c’erano gli affari di Cosa nostra, il traffico di stupefacenti, innanzitutto, ma anche le estorsioni, 27 quelle documentate tra consumate e tentate. Il nuovo business, però, era il mercato del pesce da monopolizzare tagliando fuori i concorrenti

E poi c’erano le famiglie dei detenuti da aiutare. Come prevedono le regole di mutuo soccorso mafiose. Un sostegno economico che con le casse sempre più in rosso era difficile da assicurare. «Questa mattina ho visto il conto… cioè mi sono rimasti quindicimila euro» diceva preoccupata. La crisi economica la amareggiava: «… appena le porta… io glieli faccio avere… dille così». La moglie del boss si immedesimava nella condizione delle donne di mafia. «Per ora siamo messi male» si lamentava. Colpa della raffica di arresti, che costringeva ad attivare il welfare mafioso ad ampio raggio. Così un affiliato, ben sapendo quanto la vicenda le stesse a cuore, si era offerto di versare i soldi di tasca propria. «Glieli stavo dando io» diceva intercettato dalle cimici degli investigatori. E per far fronte alle esigenze di mutuo soccorso aveva avviato anche una spending review tagliando i compensi degli uomini d'onore.

Alle prime ore dell’alba i carabinieri del Comando provinciale di Palermo hanno eseguito a Palermo, Roma, Milano e Napoli 38 fermi, emessi dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo, nei confronti di altrettanti tra capi e gregari dei mandamenti di Porta nuova e Bagheria. Per tutti l’accusa a vario titolo è di associazione mafiosa, estorsione, detenzione e traffico di sostanze stupefacenti, illecita concorrenza con minaccia o violenza, illecita detenzione di armi e munizioni e turbativa d’asta.

L’operazione, denominata Panta Rei, ha fatto luce sugli assetti dei mandamenti di Porta Nuova e Bagheria, ma soprattutto ha documentato il ruolo di primo piano ai vertici di Cosa nostra di una donna: la moglie di un boss. «Era lei – spiegano adesso gli investigatori -, seguendo le direttive impartite dal marito detenuto, a gestire le attività della famiglia condizionando costantemente le attività illecite degli altri affiliati e capi famiglia». 

Questi i 37 fermati nell'operazione antimafia Panta rei: Franco Bertolino, 54 anni; Alessandro Bronte, 30 anni; Paolo Calcagno, 49 anni (ritenuto reggente del mandamento di Porta Nuova); Pietro Catalano, 33 anni; Tommaso Catalano, 54 anni; Girolamo Ciresi, 67 anni; Giuseppe Costa, 33 anni; Carmelo D'Amico, 46 anni; Salvatore David, 41 anni; Francesco Paolo Desio, 58 anni. E ancora Giuseppe Di Cara, 43 anni (ritenuto reggente della famiglia di Porta Nuova); Giuseppe Di Giovanni, 35 anni; Pasquale Di Salvo, 53 anni; Salvatore Drago Ferrante, 51 anni; Rosario Fricano, 31 anni; Alfredo Geraci, 36 anni; Giuseppe Antonio Giallombardo, 39 anni; Nunzio La Torre, 29 anni; Domenico Lo Iacono, 40 anni; Francesco Paolo Lo Iacono 35 anni. Raggiunti dal provvedimento di fermo anche Tommaso Lo Verso, 37 anni; Teresa Marino, 38 anni; Rocco Marsalone, 65 anni; Andrea Militello, 41 anni; Pietro Minardi, 48 anni; Salvatore Mulè, 46 anni (reggente della famiglia di Palermo Centro); Giampiero Pitarresi, 40 anni (reggente del mandamento di Villabate), Giuseppe Ruggeri, 39 anni, Antonino Salerno, 34 anni. E ancora: Salvatore Scardina, 65 anni; Ciro Spasiano, 36 anni; Domenico Tantillo, 43 anni (reggente della famiglia di Borgo Vecchio); Giuseppe Tantillo, 36 anni; Nicolò Testa, 53 anni (reggente della famiglia di Bagheria); Gaetano Tinnirello, 69 anni; Massimiliano Restivo, 42 anni; Antonino Giuseppe Maria Virruso, 60 anni. Una persona è ricercata.


AGGIORNAMENTO

È stato arrestato Ludovico Scurato, 28 anni, l'ultimo destinatario dei 38 fermi eseguiti nelle prime ore della mattina a Palermo, Roma, Milano e Napoli dai carabinieri del Comando provinciale di Palermo nell’ambito dell’operazione antimafia Panta Rei. Il giovane è stato condotto al carcere Pagliarelli. I provvedimenti restrittivi sono stati emessi dalla Direzione distrettuale antimafia nei confronti di capi e gregari dei mandamenti di Palermo Porta Nuova e Bagheria.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews