Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Almaviva, lavoratori in piazza e vertice in prefettura
Sindacati: «Lenta agonia, Crocetta batta un colpo»

Il colosso dei call center ha annunciato oltre duemila esuberi nel capoluogo siciliano. Da tempo Cgil, Cisl e Uil hanno avviato la mobilitazione. Oggi la prima delle tre giornate di sciopero. E un primo risultato: l'impegno dell'amministrazione comunale e della prefettura a portare la vertenza a un tavolo nazionale

Rossana Lo Castro

In piazza per l’ennesima volta. Per riportare la vertenza all’attenzione del governo nazionale e per suonare la sveglia all’esecutivo Crocetta. È una corsa contro il tempo quella dei lavoratori Almaviva. Da gennaio i dipendenti, da anni fiaccati dal ricorso continuo agli ammortizzatori sociali, potrebbero restare senza lavoro. Il colosso dei call center, che tra Palermo e Catania conta 6mila addetti, ha annunciato gli esuberi. Oltre duemila persone solo per il capoluogo siciliano per le quali l’orizzonte è sempre più nero. Colpa di commesse sempre più scarse e un margine operativo ben al di sotto di quello necessario per la sopravvivenza del sito.

Migliaia oggi si sono dati appuntamento davanti la prefettura in via Cavour. Da tempo Cgil, Cisl e Uil hanno avviato la mobilitazione. Prima le assemblee con i lavoratori nelle due sedi palermitane in via Marcellini e in via Cordova. Oggi la prima delle tre giornate di sciopero proclamate. «Il timore è che l’azienda rinunci a crescere, spegnendosi poco a poco. I lavoratori sono preoccupati» dice a Eliana Puma della Fistel Cisl. Parti sociali e operatori temono che gli esuberi di Palermo inneschino un effetto domino. Una nuova Termini Imerese siciliana per un settore che invece potrebbe rappresentare un’occasione di sviluppo. Per la città e per la Sicilia. Il comparto, infatti, nell’Isola occupa complessivamente 20mila persone.

«Quello dei call center è il settore del futuro – dice Maurizio Rosso, segretario della Slc Cgil -. A patto di mettere in campo una politica industriale che contempli l’applicazione della normativa già esistente come il 24 bis e le clausole sui cambi di appalto, oltre ai percorsi di riqualificazione del personale». Perdere questa opportunità per il leader sindacale sarebbe «una follia». «Almaviva – spiega Puma – è un’azienda privata che non può essere aiutata con l’elargizione di risorse pubbliche, ma a disposizione ci sono i fondi per la formazione che potrebbero essere impiegati per la riqualificazione del personale. Una boccata d’ossigeno per i lavoratori».

Insieme a loro in piazza c’era anche il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore alle Attività produttive, Giovanna Marano. «L’obiettivo primario è la salvaguardia dei livelli occupazionali – hanno ribadito – insieme alla ricerca di una prospettiva che consolidi il settore, di cui Palermo ha un orgoglioso primato». «Il sindaco si è impegnato a portare a un tavolo nazionale la nostra vertenza – dice Puma – e il vicario del prefetto ci ha assicurato che in serata invierà una nota alla presidenza del Consiglio e al sottosegretario De Vincenti. La grande assente resta la Regione siciliana. Crocetta e il suo governo continuano a non battere un colpo». «Al contrario di altre regioni come il Veneto, la Puglia e Reggio Calabria, dove la classe politica si è data da fare per risolvere le vertenze Electrolux, Teleperformance Italia e InfoContact, da noi tutto tace, condannando il sito a una lenta agonia» denuncia Massimiliano Fiduccia della Slc Cgil.

«Il settore - conclude Giuseppe Tumminia della Uilcom - non può essere affidato all'esclusivo arbitrio delle aziende committenti». Perché gli effetti sono «quelli che stiamo rappresentando nella vertenza Almaviva: la perdita di migliaia di porti di lavoro, ognuno deve fare il suo ruolo. Bisogna invertire la rotta e puntare sulle potenzialità di sviluppo del settore».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews