Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Immatricolazioni in calo e studenti in fuga
In Sicilia un terzo emigra verso il nord

Una mobilità a senso unico, poche borse di studio e un investimento nel settore che fa dell'Italia il fanalino di coda dell'Europa. A scattare la fotografia impietosa è la Fondazione Res. Il rettore di Palermo: «Da noi dato in controtendenza, ma ragazzi vanno dove c'è lavoro»

Rossana Lo Castro

Un malato grave. Anzi gravissimo. Soffre l’università in Italia, vittima di scarsi investimenti, di responsabilità locali e centrali, ma anche di politiche per il diritto allo studio che hanno accentuato il divario tra gli atenei del Nord e del Sud. A stare peggio, neanche a dirlo, sono le regioni del mezzogiorno: immatricolazioni in calo, una mobilità studentesca a senso unico, poche borse di studio e una qualità della ricerca che presenta valori inferiori rispetto alla media. Una fotografia contenuta in una ricerca della Fondazione Res presentata oggi a Villa Zito, a Palermo.

Un’indagine che scatta un’istantanea impietosa: l’Italia è l'unico tra i Paesi avanzati che non investe sull'Università, destinando al fondo di finanziamento ordinario appena 7 miliardi contro i 26 della Germania. Con una contrazione negli ultimi anni pari al 22,5 per cento. Fanalino di coda in Europa e con una ripartizione dei finanziamenti a livello nazionale che finisce per penalizzare gli atenei del Sud con tagli di circa il 12 per cento e con una riduzione di un quinto per le Isole. Perché il meccanismo di finanziamento premia le regioni che spendono di più che non sono quelle del Sud.

Per la prima volta nella sua storia, il sistema universitario italiano è diventato più piccolo: rispetto al 2008, periodo di massima espansione, oggi gli studenti immatricolati si sono ridotti di oltre 66 mila (-20 per cento). Né va meglio se si considera il dato dei docenti (scesi a meno di 52 mila; -17%) e dei corsi di studio (4.628; -18%). Italia in controtendenza, dunque, con un «disinvestimento molto forte» nel comparto che la rende fanalino di coda in Europa. Spetta, infatti, al Belpaese l’ultimo posto tra gli stati membri per numero di giovani laureati, appena il 23,9 per cento, ben lontano dall’obiettivo europeo che prevede il raggiungimento entro il 2020 del 40 per cento di laureati.

«Si va disegnando - si legge nel rapporto - un sistema formativo sempre più differenziato fra sedi più e meno dotate (in termini finanziari, di docenti, di studenti, di relazioni con l'esterno), con le prime fortemente concentrate in alcune aree del Nord del paese. Le nuove regole di governo del sistema stanno accentuando questa biforcazione». Così oltre il 50 per cento del calo degli immatricolati è concentrato nel Mezzogiorno (-37.000 negli ultimi dieci anni); così come maggiore al Sud è la quota di studenti che abbandona gli studi universitari dopo il primo anno (il 17,5 per cento a fronte del 12,6 per cento al Nord).

Meno studenti nelle università del Mezzogiorno e sempre più in fuga. Una mobilità a senso unico: dal sud al nord con un terzo degli immatricolati siciliani che lascia l’Isola per completare il proprio percorso di studi negli atenei del settentrione. «Su Palermo c’è un dato in controtendenza che è quello degli iscritti al primo anno in lieve aumento rispetto al passato» spiega a MeridioNews il rettore di Palermo, Fabrizio Micari. Un'emorragia dovuta, almeno in parte, per il numero uno di Viale delle Scienze, alla carenza di possibilità occupazionali nell'Isola. «I ragazzi vanno dove c’è lavoro - dice -. Così, ad esempio, a Ingegneria la fuga nel passaggio dalla triennale alla magistrale che oscilla tra il 20 e il 30 per cento è legata al fatto che il lavoro è nelle regioni settentrionali. Si privilegiano le lauree che garantiscono una maggiore prospettiva occupazionale e ci si sposta verso il nord perché è lì che si trova più facilmente occupazione». A dimostrarlo per Micari c'è anche la difficoltà oggi di utilizzare il titolo di studio per trovare una migliore collocazione lavorativa, soprattutto restando al sud. 

La soluzione? Passa da uno «sforzo di sistema». Insomma, occorre fare rete, perché «l’università è un pezzo del territorio e da soli possiamo fare molto poco. Al contrario dobbiamo collaborare con le istituzioni per promuovere un percorso di crescita del territorio. Serve l'impegno di tutti». Atenei, istituzioni locali e nazionali, ma anche della Regione. «C’è stata poca attenzione in questi anni al mondo dell'università - denuncia -: lo dimostra il fatto che da noi il diritto allo studio è garantito a un terzo degli immatricolati». Nel 2013-2014 nelle regioni del Sud circa il 40 per cento degli idonei non è riuscito a beneficiare delle borsa per carenza di risorse, una percentuale che nell'Isola sfiora il 60 per cento. 

Certo anche l'Università ha le sue colpe. Soprattutto sul fronte dell'abbandono del percorso universitario. «Il dato sfiora il 15 per cento - spiega Micari -, una percentuale legata in parte alla formazione iniziale dei nostri studenti che sconta qualche carenza, ma anche a una minore attenzione nel sostegno dei ragazzi nella fase iniziale del loro percorso. E su questo lavoreremo per incrementare il tutorato». E poi c'è il dato dei fondi. Di fronte a tagli sempre più consistenti, le università restano spesso uno stipendificio. «Per docenti e personale tecnico l'ateneo spende 200 milioni su un bilancio di 250 milioni. Costi fissi su cui non c'è margine di manovra». Colpa di un'eredità dei decenni passati, quando anche il mondo universitario era considerato «un pezzo del sistema pubblico e i criteri di accesso non sempre erano meritocratici».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews