Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

La Guadagna, roccaforte mafiosa e centro del traffico di droga
Longo: «Quartiere in fibrillazione. Giovani disposti a tutto»

Un quartiere in fermento, se non un intero mandamento quello di Villagrazia-Santa Maria Di Gesù; va ricordato infatti che pochi giorni fa è rientrato a Palermo, Sandro Capizzi, arrestato nel 2008 assieme al padre Benedetto, storico reggente del mandamento e secondo i carabinieri responsabile di un progetto di riorganizzazione della cupola mafiosa

Marta Genova

«Non si dice quello che non è stato accertato». Secca la risposta che ci dà il capo della Mobile di Palermo Rodolfo Ruperti, quando gli chiediamo se ci siano collegamenti tra i fatti dello scorso 3 ottobre a Falsomiele -  la gambizzazione di Luigi Cona prima e, a distanza di poche ore e di pochi metri, l'omicidio di un 27enne, Mirko Sciacchitano -  e la fibrillazione nel quartiere che oggi ha accusato il duro colpo messo a segno dallo Stato: gli arresti di Salvatore Profeta, capo della famiglia della Guadagna, quartiere limitrofo a Falsomiele, Rosario e Antonio Profeta, figlio e nipote del boss, Giuseppe Galati, detto Pinuzz 'americano, Antonino Palumbo e Francesco Pedalino. Proprio quest'ultimo è il collante tra i personaggi coinvolti nei fatti di cronaca recenti e la famiglia Profeta.  Ad Antonio Profeta e  Pedalino è stato attribuito un episodio estorsivo dello scorso dicembre, loro erano i mandanti della richiesta di pizzo, poi attuata materialmente da Gaetano Cona, zio di Luigi Cona, l'uomo raggiunto dai 4 colpi di pistola alla gamba ad ottobre.

Potrebbe non trattarsi solo di quella che oggi è stata definita una ricostituzione della vecchia mafia, che però vede al suo interno tanti giovani che - come ha spiegato Ruperti - «Hanno voglia di mettersi in mostra». «Abbiamo assistito a scene emblematiche durante gli arresti - ha detto il capo della Mobile - decine e decine di persone si sono riversate per strada, quasi al cospetto di Profeta. Era quasi una processione e c'erano moltissimi giovani che cercavano di farsi notare. Sui fatti di cronaca recenti non possiamo dire nulla, essendoci indagini in corso per altro condotte da un'altra polizia giudiziaria». 

«La Guadagna è una zona in fibrillazione - dice il questore di Palermo Guido Longo -  lo dimostrano la sparatoria con un ferito e un morto di un mese fa, ci sono reati predatori cruenti, assalti a portavalori. Il traffico di droga rimane appannaggio dele famiglie mafiose, ritenuto affare lucroso tutt'oggi. E' una zona che esprime giochi di mafia molto determinanti, giovani che sono pronti a tutto, per scendere nelle gerarchie mafiose. Si vogliono ricostituire le antiche gerarchie di cosa nostra palermitana e ognuno cerca di autoproporsi. Bisogna intervenire con forza».  

Un quartiere in fibrillazione, se non un intero mandamento quello di Villagrazia - Santa Maria Di Gesù; va ricordato infatti che pochi giorni fa è rientrato a Palermo, Sandro Capizzi, arrestato nel 2008 assieme al padre Benedetto, storico reggente del mandamento Villagrazia - Santa Maria e secondo i carabinieri responsabile di un progetto di riorganizzazione della cupola mafiosa. Lo scorso gennaio la  condanna a 10 anni di Capzzi jr è stata annullata con rinvio come disposto dalla Corte di cassazione, con conseguente nuovo processo di appello; nel frattempo, sono scaduti i termini di custodia cautelare

E c'è l'affaire droga che è ancora fonte di guadagno principale in mano alla mafia. E a Santa Maria di Gesù viene gestito nella piazza della Guadagna

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×