Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

La fortezza volante nel mare di Palermo
Un mistero irrisolto da oltre 70 anni

Considerato dai più «impossibile da abbattere», il modello B17 è il velivolo da bombardamento di cui gli Stati Uniti d'America si servirono durante la II Guerra Mondiale. Ieri la presentazione ufficiale del ritrovamento del relitto all'Arsenale della Marina Regia

Eugenia Nicolosi

Foto di: Eugenia Nicolosi

Foto di: Eugenia Nicolosi

La fine della «fortezza volante», un mistero che i fondali di Palermo custodiscono da oltre 70 anni, ma che presto potrebbe essere svelato. All'Arsenale della Marina Regia di Palermo è stato presentato ufficialmente il ritrovamento dell'aereo da bombardamento modello B17 utilizzato dagli Stati Uniti d'America durante la II Guerra Mondiale, individuato il 29 settembre a 75 metri di profondità sotto il mare del capoluogo siciliano.

L'associazione Ombre dal Fondo, infatti, ha documentato e portato alla luce il materiale necessario all'identificazione del velivolo con l'ausilio dei vigili del fuoco e della guardia costiera. La sala al primo piano dell'Arsenale è gremita di addetti ai lavori e curiosi. La sensazionale scoperta del relitto del B17 della II Guerra Mondiale ha scosso positivamente istituzioni e studiosi che, distanza di quasi 100 anni, ipotizzano sulle cause dell'ammaraggio di un velivolo considerato impossibile da abbattere, e per questo chiamato «fortezza volante». 

Divenuto una sorta di barriera corallina artificiale, il relitto dell'aereo scomparso riporta a galla la memoria dell'evento più tragico dello scorso secolo. Il 1943 ha visto scomparire nel nulla questo gigante dei cieli nel corso di un bombardamento su Palermo. Erano circa le 14 del 18 aprile, quando dall'Africa partirono decine di B17 con l'intenzione di sganciare 150 tonnellate metriche di bombe sull'aeroporto di Boccadifalco, sul porto e sulla stazione centrale. I documentaristi affermano che il tratto ferroviario è stato devastato così profondamente che, ancora oggi, non è stato ristabilito il traffico degli anni '40. Secondo i bollettini ufficiali, quell'attacco ha causato «appena» 33 morti e 99 feriti, questo perché a Palermo si sapeva quando era il momento di scappare, si sapeva quando gli americani avrebbero lanciato le loro bombe. Il 131esimo aereo del 97esimo gruppo di velivoli alleati però, ad un certo momento, scompare nel nulla. Divergono le versioni dei testimoni, c'è chi afferma di averlo visto tentare di rientrare in Africa e chi dice di averlo visto dirigersi verso un obiettivo diverso da quello assegnato ai 9 componenti dell'equipaggio. 


Per lo storico Alessandro Bellomo, coinvolto nelle ricerche, una delle possibili cause della caduta del velivolo sarebbe stata un errore umano. «Era in uso la procedura di indossare le maschere di ossigeno puro durante le fasi di attacco - spiega - l'indossare male tali maschere o un'ossigenazione non ben regolata poteva causare svenimenti e perdita di orientamento. Possibilmente i piloti hanno tentato un ammaraggio per far scendere il resto dell'equipaggio e salvarlo». Ciò spiegherebbe la misteriosa caduta del gigante dei cieli, progettato per resistere alle scariche complete delle mitragliatrici di due aerei da guerra. «Il relitto non presenta segni di mitragliatrici né di bombardamenti, del resto è considerato impossibile da abbattere» conclude. 

Il tratto di mare che è stato teatro del ritrovamento sarà presto sottoposto a vincolo, in modo da evitare danni che la pesca a traino o ancore potrebbero causare al relitto. L'Arsenale, invece, sarà presto trasformato in un Museo del Mare dove si spera di poter allestire un'ala dedicata anche a questo ritrovamento. «Ancora impossibile parlare di un recupero», conclude Sebastano Tusa. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×