Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Viale del Fante, 300mila euro per un muro perimetrale
Comitati civici: «Presentato un esposto in procura»

Nel tabellone di inizio lavori c'era scritto che la durata doveva essere di circa un anno e l'alta sorveglianza era affidata ai Beni culturali, trattandosi di un bene di interesse storico artistico e culturale. «Noi non siamo architetti - dice a MeridioNews un cittadino, Giovanni Moncada -, ma da profani pensiamo che sia assurdo il modo in cui è stato rifatto e per una cifra assolutamente esagerata» LE FOTO

Marta Genova

Foto di: Giovanni Moncada

Foto di: Giovanni Moncada

Una cifra esorbitante sulla quale non si riesce a fare chiarezza. Si tratta di circa 300 mila euro, 286.811,69 per l'esattezza, che il Comune di Palermo ha stanziato per riparare e ripristinare il muro perimetrale di viale del Fante, quello che recinta il campo rom. Nel tabellone di inizio lavori, che campeggiava lo scorso anno, c'era scritto che la durata doveva essere di circa un anno e l'alta sorveglianza era affidata ai Beni culturali, trattandosi di un bene di interesse storico artistico e culturale.

A lasciare assai perplesso Giovanni Moncada, un cittadino che percorre quotidianamente la strada, era stata proprio la cifra. «Qualcosa non tornava - racconta a MeridioNews - e tramite i consiglieri della VI Circoscrizione, il 25 giugno scorso, è stata presentata da parte del consiglio di circoscrizione, su impulso dell'associazione Comitati civici di Palermo di cui faccio parte, un'interrogazione con risposta scritta al settore Opere pubbliche e manutenzioni del comune di Palermo. Il 10 luglio scorso l'ingegnere Bellomo del settore Opere pubbliche ha inoltrato la nostra richiesta al settore Città storica. Non ci è mai arrivata una risposta in merito. Non ci siamo persi d'animo - continua Moncada - e abbiamo inoltrato il 24 settembre scorso ennesima richiesta di spiegazioni, indirizzata questa volta al sindaco di Palermo Leoluca Orlando e al vicesindaco, nonché assessore alle Opere pubbliche, Emilio Arcuri. In risposta, anche questa volta, solo silenzio».

I cittadini volevano conoscere i dettagli della spesa, apparsa a prima vista troppo onerosa. Nelle varie istanze hanno chiesto anche di sapere se i lavori fossero stati completati, considerato lo stato in cui versa ancora il muro (le foto risalgono a giugno, ma la situazione è ad oggi la stessa). Sono passati 90 giorni dalla presentazione delle richieste e così tre giorni fa hanno presentato un esposto alla Procura di Palermo, chiedendo le spiegazioni non fornite da chi di dovere. «Confidiamo in una sollecita risposta che possa rassicurare i cittadini contribuenti circa il buon uso dei loro soldi - aggiunge Moncada -. Passo per quella strada ogni giorno e ho seguito i lavori. Vedevo che andavano avanti a correnti alternate. Hanno iniziato a mettere delle pietre di tufo, cercando di ripristinare l'antico muro perimetrale dei tempi dei Borboni. Hanno tappato alcuni buchi e poi ripristinato le parti di muro che erano crollate, in totale circa 45 metri, poi si sono stoppati. La fine dei lavori era per maggio 2015 ma i lavori non erano ultimati, c'era del nastro arancione e poi è stato tolto. Noi non siamo né architetti né abbiamo un titolo di studio specifico, ma da profani pensiamo che sia assurdo il modo in cui è stato rifatto quel muro antico, un bene storico, per altro per una cifra assolutamente esagerata. C'era anche un direttore tecnico del restauro, ma di che restauro parliamo? Vogliamo sapere se sussistano anomalie». 

Nell'esposto chiedono in particolare di sapere quali sono i criteri che hanno sovrinteso alla gara d'appalto, il numero dei soggetti partecipanti e il ribasso con cui la ditta vincitrice si sarebbe aggiudicata la gara. Inoltre chiedono chiarimenti su termini e condizioni del capitolato d'appalto, perché, secondo i Comitati civici, il lavoro potrebbe non essere stato completato a regola d'arte e di indicare lo stato attuale dei lavori e nonché quello dei pagamenti erogati alle ditte Ati Omega Build Srl (capogruppo) e Methodos (mandante) e di altre ditte eventualmente interessate.

muro viale del fante

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×