Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Bellolampo, caos rifiuti per i comuni del palermitano
L'odissea del pattume: nove ore per giungere in discarica

Saranno circa sei le tonnellate di immondizia che ogni giorno saranno dirottate verso le discariche di Siculiana, nell'agrigentino, e Catania. Colpa dello stop al conferimento nell'impianto di Palermo, almeno fino al prossimo 15 ottobre. I sindaci di Termini Imerese e Cefalù: «Piombati nell'inferno»

Rossana Lo Castro

Pattume palermitano "in trasferta". Circa seicento tonnellate al giorno, che da ieri sono dirottate nelle discariche di Siculiana (Agrigento) e Catania. Colpa dello stop al conferimento a Bellolampo deciso dalla Rap a causa del mancato completamento dei lavori di capping, ovvero di copertura delle vasche, necessari per poter accumulare i rifiuti nella sesta vasca. L’azienda di piazzetta Cairoli ha assicurato che entro la metà di ottobre il conferimento tornerà regolare, perché i ritardi sono stati provocati da «sopravvenuti problemi di carattere amministrativo». Una decisione necessaria, spiegano gli uffici, per non interrompere la raccolta nel capoluogo.

Resta, intanto, il disagio per i 57 comuni della Provincia che fino al 30 settembre potevano scaricare i loro rifiuti nella discarica palermitana. Perché a rendere più problematico il "viaggio" dell’immondizia è il cedimento del viadotto Himera sull'A19, che ha diviso in due la Sicilia e allungato i tempi di percorrenza per raggiungere l'altra sponda dell’Isola. «Per andare e tornare ai mezzi serviranno almeno 9 ore – spiega a MeridioNews il sindaco di Termini Imerese, Salvatore Burrafato -. Una durata che inciderà inevitabilmente sul servizio reso ai cittadini». Raccolta a singhiozzo e un danno economico, «ancora non quantificabile» dice il primo cittadino, sottolineando che già lo scorso anno il trasferimento dei rifiuti nelle discariche si Mazzarrà Sant’Andrea, nel messinese, e a Catania, era costato alle casse del Comune circa 600mila euro. «La notizia della chiusura di Bellolampo ci ributta nell’inferno – aggiunge -, anche da un profilo strettamente logistico» ammette.

Ma Palermo non è in grado al momento di accogliere le 1500 tonnellate giornaliere. Un volume che sovraccarica l’impianto di Bellolampo. La Regione prova a correre ai ripari e velocizza l’iter per la consegna alla Rap dell’impianto di trattamento meccanizzato biologico. «Così diminuirà il volume dei rifiuti conferiti – assicura l’assessore regionale Vania Contrafatto - e ci si adeguerà finalmente alla normativa Ue. Ci auguriamo che i lavori di capping, di competenza della Rap, terminino nel più breve tempo possibile, diminuendo al minimo i disagi provocati ai comuni del palermitano».

Ma il sindaco Burrafato punta il dito proprio contro la Regione, incapace di immaginare «un’impiantistica degna di questo nome». Per lui «con la raccolta differenziata che stenta a decollare» è necessario aprire «una discussione sugli impianti perché non è più possibile questo pellegrinaggio per il conferimento dei rifiuti». Un "pellegrinaggio" che per il primo cittadino di Cefalù, Rosario Lapunzina, comporterà «un enorme aggravio di spese, circa il 30-35 per cento in più». A incidere sono soprattutto i costi per il carburante e per le ore di lavoro in più degli autisti, costretti a un viaggio di circa 8-9 ore tra andata e ritorno. «La notizia della chiusura della discarica di Bellolampo è stata una doccia fredda dopo un breve boccata d’ossigeno». 

Perché in realtà per buona parte dell’estate il grosso centro del palermitano, meta di un turismo nazionale e internazionale, aveva già trasferito la propria immondizia a Catania. «Dallo scorso 16 settembre avevamo iniziato a conferire a Bellolampo. Adesso è arrivato il nuovo stop, che per un Comune in dissesto finanziario come il nostro – conclude – crea non poche difficoltà e ci fa piombare nell’emergenza. L’auspicio è che la chiusura possa durare davvero solo 15 giorni, come annunciato».

A non essere stupiti, invece, sono i sindacati. «Non può sorprendere nessuno il fatto che la discarica sia in sofferenza a causa dell’eccessiva volumetria di rifiuti che giungono nella sesta vasca con l’apertura del conferimento ai comuni della provincia» dicono Dionisio Giordano, segretario regionale Fit Cisl Ambiente, e Daniela De Luca, segretario Cisl Palermo Trapani. Per i due leader sindacali neppure l’avvio del Tmb (trattamento meccanizzato biologico) potrà risolvere l’emergenza, perché se «non avrà il via anche il secondo step di raccolta differenziata porta a porta, che dovrebbe ridurre le volumetrie, l’impianto andrà sempre in sofferenza». Un secondo step che era atteso per il mese di febbraio, ma di cui ad oggi «non vi è data certa». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews