Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Rissa al Goa, a Palermo si può morire per un cappello
«Aldo era un ragazzo educato. Il suo hobby? Studiare»

Sarebbe cominciata per un motivo futile la lite che ha portato alla morte di Aldo Naro, 25 anni, all'interno della discoteca vicino lo Zen. Chi lo conosceva, lo descrive come il classico bravo ragazzo. «Era una serata per studenti, un ambiente selezionato», spiega Marcello Barbaro, tra i titolari del locale. Gli amici presenti raccontano: «Erano in dieci contro uno»

Maurizio Zoppi

Un cappello di carnevale scippato dalla testa. Anche questo a Palermo diventa un motivo per cui si può morire picchiati a sangue. È quello che è successo al giovane neo-dottore morto ieri sera al Goa, la discoteca vicino lo Zen di Palermo. Il suo nome è Aldo Naro25 anni, originario di Caltanissetta. Ieri il giovane stava ballando all’interno del privée della discoteca, insieme alla fidanzata e agli amici. Una serata tranquilla, fino al momento dello scontro con un altro ragazzo che gli è costato la vita. «Non credo che volesse ucciderlo. Era una serata per studenti, un ambiente selezionato, ma purtroppo è successo», spiega Marcello Barbaro, tra i titolari del locale. Intanto i Carabinieri hanno sequestrato i cellulari di gran parte dei presenti: dagli organizzatori ai buttafuori, compresi i ragazzi che erano ai tavoli del privée. E ascoltato una ventina di testimonianze, tra amici e persone informate sui fatti. La procura di Palermo ha aperto un'indagine, affidata al sostituto procuratore Carlo Marzella, in cui figurerebbero già i primi indagati.

In queste ore gli investigatori stanno anche osservando i video delle telecamere interne della discoteca per capire meglio la dinamica dell’accaduto e identificare l'aggressore. Ma dalle prime versioni dei testimoni presenti ieri sera al Goa, i fatti si sarebbero svolti in poco tempo. A un certo punto della serata un ragazzo si avvicina a Naro per togliergli il cappello di carnevale che indossava. Prima partono gli spintoni, poi la rissa. Il ragazzo cade e viene colpito alla testa da un calcio. Quando arriva l'ambulanza del 118, sono i barellieri - e non i buttafuori, come ricostruito in un primo momento - a trasportare il giovane fuori dal locale e da lì all'ospedale Villa Sofia. Dove dopo poco tempo Aldo Naro è morto. 

«Non si può parlare di rissa, perché lo scontro è stato solo tra i due ragazzi», precisa Barbaro. Che aggiunge: «Siamo stati noi a chiamare i soccorsi ma, a quanto mi risulta, sarebbero arrivati in ritardo, forse perché pensavano che si trattasse di un ragazzo ubriaco». Ma gli amici di Aldo Naro raccontano un'altra storia: «Questo gruppo è arrivato verso la fine della serata. Si è visto subito che cercavano problemi. Quella del cappello è stata una provocazione - raccontano - Dopo di che è successo di tutto, erano in dieci contro uno. Anche i buttafuori si sono messi in mezzo per farli allontanare». Ed è proprio sulla questione sicurezza che si concentrano i dubbi dei ragazzi: «Secondo noi questi non facevano nemmeno parte del privée. Come hanno fatto a entrare?», si chiedono. «Noi poi abbiamo cercato di rianimare Aldo, gli abbiamo buttato anche dell'acqua in faccia, ma lui non si svegliava», concludono.

Parenti e amici sono sconvolti dall'accaduto. Il giovane neo-dottore, stando alle testimonianze di chi lo conosceva, era un bravo ragazzo. Figlio di un ufficiale dei Carabinieri e di un'insegnante in pensione, «il suo hobby era studiare», riferiscono in lacrime i colleghi universitari. Naro si era appena laureato in Medicina e chirurgia con il massimo dei voti. «Una persona perbene, educata», continuano. Da circa due anni era fidanzato con una coetanea, Simona. Nei weekend, a volte non tornava a Caltanissetta e rimaneva a Palermo per divertirsi con la sua comitiva di amici. Ma ieri quel party di carnevale al Goa gli è costato la vita.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×