Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Cresima negata al figlio del boss
L'arcivescovo:«Non nella Chiesa dove riposa don Puglisi»

Il cardinale Paolo Romeo interviene sulle polemiche scaturite dalla sua scelta di dire no al figlio del boss Giuseppe Graviano, ritenuto il mandante dell'assassinio del prete: «Bisogna pure pensare che in Cattedrale riposano le spoglie di padre Puglisi, ucciso da persone che non mi pare abbiamo mai avuto segni chiari anche di dolore di ciò che hanno commesso»

Redazione

«Non è stata soltanto una scelta di prudenza, certamente i figli non possono portare e non portano i pesi dei padri, anzi un figlio che si trova in queste circostanze è maggiormente attenzionato dalla Chiesa perché Dio ha sempre avuto una particolare predilezione verso i più deboli». A parlare è l'arcivescovo di Palermo, il cardinale Paolo Romeo, che interviene sule polemiche scaturite dalla sua scelta di negare al figlio del boss di Brancaccio, Giuseppe Graviano, la celebrazione della cresima in Cattedrale. 

Una scelta motivata con forza: «Bisogna pure pensare che in Cattedrale riposano le spoglie di padre Puglisi, ucciso da persone che non mi pare abbiamo mai avuto segni chiari anche di dolore di ciò che hanno commesso. Non dimentichiamo che don Pino Puglisi è un martire perché ucciso in odio della Fede». Per la cronaca,  il boss di Brancaccio è stato condannato all'ergastolo per avere fatto uccidere padre Pino Puglisi, ora beato, le cui spoglie sono appunto custodite proprio all'interno della Cattedrale. 

Il presule, sottolineano dalla Curia, non ha negato il sacramento della cresima in assoluto al ragazzo, studente liceale del Centro educativo ignaziano, ma «ha solo evitato che lo ricevesse stamani insieme agli altri giovani, nella chiesa Cattedrale dove riposano le spoglie del Beato Padre Pino Puglisi». Il giovane, così riceverà la cresima in forma privata in un'altra chiesa, non in maniera solenne e in pubblico. «C'era, infatti, il pericolo che la presenza del giovane tra i cresimandi di stamani in Cattedrale fosse strumentalizzata». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×