Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Giovanni Migliore: "Con i contratti di solidarietà esploderà l'emergenza sociale"

Senza nuovi bandi la formazione professionale siciliana va verso la chisura

Giuseppe Messina

SENZA NUOVI BANDI LA FORMAZIONE PROFESSIONALE SICILIANA VA VERSO LA CHISURA

Il Governo regionale non scioglie i nodi della formazione professionale siciliana. Senza programmazione per gli anni a venire, con l’incertezza sulla reale disponibilità finanziaria a copertura della seconda annualità del Piano Giovani, con i rendiconti sui corsi già chiusi che restano inspiegabilmente nei cassetti a marcire e con il vincolo del Patto di stabilità che incombe come una scure, non si mette bene per gli oltre 8000 operatori del sistema formativo regionale.

Dopo aver promesso l’ennesimo impegno sottoscritto il 5 agosto scorso con associazioni degli enti formativi e sindacati per introdurre misure a sostegno del reddito di un migliaio di esuberi causati dal taglio del finanziamento sulla seconda annualità del citato Piano Giovani, il Governo ha ‘costretto’ gli enti formativi a correre ai ripari con il contratto di solidarietà difensiva per evitare il fallimento ed il licenziamento del personale.

Sul dibattito innescato dal nostro articolo in ordine all’utilizzo del contratto di solidarietà difensiva interviene la Cisl siciliana con il responsabile del settore Formazione professionale di Cisl Scuola, Giovanni Migliore.

“A qualche giorno di distanza dall'ipotetica soluzione prospettata dalla Regione sulla vertenza della Formazione professionale - dice Migliore - gli enti convocano le parti sociali per affrontare la crisi e le eccedenze di personale prodotte dalla diminuzione del parametro del contributo regionale per corso, da 129 euro a 117 euro. Non avendo a disposizione altri strumenti per il sostegno al reddito e considerato che la mobilità orizzontale di migliaia di lavoratori non sono soluzioni percorribili, abbiamo dovuto ripiegare sui contratti di solidarietà, ad oggi abbiamo avviato la trattativa per circa 1500 operatori”.

“Ancora una volta il governo e la sua amministrazione mettono in crisi il settore - commenta l’esponente sindacale della Cisl -. E' indubbio che se la Regione siciliana non programma, nel breve, le attività della prossima annualità con appositi bandi che diano continuità alle attività da iniziare, sarà la fine del settore e nessun contratto di solidarietà potrà dare risposte”.

“La Formazione professionale siciliana è ormai in emergenza sociale - aggiunge Migliore - se pensiamo che ai lavoratori che usufruiranno dei contratti di solidarietà andranno ad aggiungersi i licenziati, i cassaintegrati e i sospesi senza alcun sostegno al reddito”.

“Non sono più sostenibili i ritardi dei pagamenti delle retribuzioni, la mancata strutturazione dei servizi per il lavoro, il mancato avvio dell’obbligo di istruzione e della nuova formazione di base - rilancia il responsabile regionale della formazione professionale della Cisl Scuola -. Il presidente Crocetta e la sua maggioranza si adoperino a completare la squadra di governo per recuperare i due anni di ritardi e di disastri che ricadono sull’utenza e sui lavoratori del settore”.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews