Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Quell'immensa "isola di plastica" che galleggia nell'oceano Pacifico

Di fatto e' un'immensa discarica dal diametro di 2 mila e 500 chilometri di 30 metri di profondita'. Se ne sarebbe formata una anche nell'atlantico. E una da 500 tonnellate anche nel mediterraneo. . .

C.Alessandro Mauceri

DI FATTO E' UN'IMMENSA DISCARICA DAL DIAMETRO DI 2 MILA E 500 CHILOMETRI DI 30 METRI DI PROFONDITA'. SE NE SAREBBE FORMATA UNA ANCHE NELL'ATLANTICO. E UNA DA 500 TONNELLATE ANCHE NEL MEDITERRANEO...

In un documento pubblicato nel 1988 (ma gli studi erano cominciati molti anni prima) dalla National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), si parlava di una “grande chiazza di immondizia del Pacifico”. Le indagini avevano scoperto elevate concentrazioni di detriti, per la stragrande maggioranza plastica, accumulati nelle regioni dominate dalle correnti marine. Ovviamente nessuno fece niente. Poco dopo si scoprì che una chiazza simile è presente anche nell'Oceano Atlantico.

Nel 2009 venne fuori che l’ "isola" del Pacifico pesava oltre 3,5 milioni di tonnellate. Poco tempo dopo si scoprì che le dimensioni sono ancora più mostruose del peso: il Pacific Trash Vortex - questo il nome che è stato assegnato al vortice di spazzatura dell'Oceano Pacifico - aveva un diametro di circa 2500 chilometri ed era profondo più di 30 metri.

"E' come se fosse un'immensa isola nel mezzo dell'Oceano Pacifico composta da spazzatura anziché rocce”, ha detto Chris Parry, del California Coastal Commission di San Francisco. Secondo Charles Moore “questa massa galleggiante potrebbe raddoppiare le sue dimensioni entro il prossimo decennio”.

C’è stato chi ha pensato che potesse trattarsi di una bufala dato che un oggetto così grande non poteva non essere visto dai satelliti. Poco dopo venne fuori che l’isola di plastica si trova al di sotto della superficie marina, fra i pochi centimetri e i 10 metri di profondità e quindi i satelliti non potevano rilevarla.

Altri studi, altre ricerche, altre conferenze. Ma nessun intervento concreto per ridurre le dimensioni del problema (e dell’isola).

Oggi nel mondo vengono prodotti circa 100 miliardi di chilogrammi all'anno di plastica, dei quali buona parte va ad inquinare la Terra. Circa il 10% finisce in mare. Una parte di questa plastica (il 70%) finisce sul fondo degli oceani danneggiando la vita dei fondali. Il resto continua a galleggiare. E la sua quantità aumenta anno dopo anno. Tanto che alcuni ricercatori hanno deciso di cambiare il suo nome e di chiamarla Great Pacific Garbage Patch.

Ma quale che sia il nome che le viene attribuito, l’isola di rifiuti di plastica è certamente tra i peggiori disastri ambientali della storia, e continua a crescere inarrestata. Si tratta senza ombra di smentita della più grande discarica del Pianeta.

Un mare di spazzatura in mezzo al mare dove è possibile ritrovare oggetti che risalgono agli anni ’50: palloni da calcio e da football, mattoncini per le costruzioni dei bambini, scarpe, borse e ovviamente milioni di sacchetti usa e getta. Rifiuti che provengono da navi o piattaforme petrolifere (in teoria esisterebbero dei controlli per verificare che queste navi scarichino a terra i loro rifiuti e non li gettino in mare) o dalla terraferma (anche in questo caso le leggi esistono ma non vengono applicate).

Che la plastica fosse un problema per l’ambiente lo si sa da sempre: in molti casi plastica proveniente da oggetti disintegratisi in pezzi piccolissimi sono finiti anche nella catena alimentare, scambiati per plancton e mangiati dalla fauna marina. E nessuno fa niente per arrestare questo disastro.

La sola cosa che si fa è cercare di capire le sue caratteristiche e le cause (come se i dati già rilevati non fossero abbastanza allarmanti). Il 5 giugno, come ogni anno ormai, è stata festeggiata la giornata mondiale dell’ambiente. Centinaia di incontri, meeting in giro per il mondo, conferenze e campagne piene di belle parole e report ricchi di buoni propositi.

All’Assemblea generale sull'ambiente a Nairobi, in Kenya, due rapporti dell'Onu hanno confermato la gravità del problema. "La plastica ha un ruolo fondamentale nella vita moderna, ma gli impatti ambientali, legati al modo in cui la usiamo, non possono essere ignorati", ha rilevato Achim Steiner, il sottosegretario generale dell'Onu e direttore esecutivo dell'Unep spiegando che "bisogna prendere misure appropriate per evitare che i rifiuti di plastica finiscano nell'ambiente”.

Poi, calata la notte, pare che si sia dimenticato tutto e si sia ricominciato a sporcare e ad inquinare, e milioni di tonnellate di plastica continuano ad essere riversate in mare, ma con la coscienza di chi governa e gestisce le organizzazioni internazionali pulita.

Anche quella delle imprese. Secondo quanto riportato in uno studio dell’UE “Ogni anno solo in Europa l’industria delle materie plastiche contribuisce in maniera significativa al benessere attraverso l’innovazione, il miglioramento della qualità della vita, una maggiore efficienza delle risorse e la protezione ambientale. Circa 1,45 milioni di persone lavorano attualmente in oltre 59000 aziende che generano un fatturato annuo di circa 300 miliardi di Euro” (dati 2011/12).

A dire il vero un “passo avanti” per la soluzione del problema è stato fatto. Per dimostrare di essere fattiva nell’intervenire per risolvere il problema, l’11 aprile scorso a Parigi, l'Unesco ha conferito lo status di “nazione” al Garbage Patch State.

Non si sa cosa intendano alcuni ricercatori quando parlano di “miglioramento della qualità della vita”. L’unica cosa certa è che, proprio al centro del Mediterraneo, pare si stia formando una nuova isola di plastica di 500 tonnellate…

 

 

 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews