Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

L'attentato a Togliatti: Pallante un separatista vicino ad Antonio Canepa?

Cosa ha spinto l'uomo che nel 1948 sparo' al leader del pci? veniva da randazzo e aveva studiato con il leader dei separatisti siciliani. C'e un nesso tra l'attentato e la causa indipendentista? l'interrogativo nell'affascinante libro di salvatore grillo morasutti che ricostrusice gli anni del dopoguerra in sicilia: dall'assassinio di canepa, al ruolo del pci, fino a quello di don sturzo e delle potenze alleate

Antonella Sferrazza

COSA HA SPINTO L'UOMO CHE NEL 1948 SPARO' AL LEADER DEL PCI? VENIVA DA RANDAZZO E AVEVA STUDIATO CON IL LEADER DEI SEPARATISTI SICILIANI. C'E UN NESSO TRA L'ATTENTATO E LA CAUSA INDIPENDENTISTA? L'INTERROGATIVO NELL'AFFASCINANTE LIBRO DI SALVATORE GRILLO MORASUTTI CHE RICOSTRUSICE GLI ANNI DEL DOPOGUERRA IN SICILIA: DALL'ASSASSINIO DI CANEPA, AL RUOLO DEL PCI, FINO A QUELLO DI DON STURZO E DELLE POTENZE ALLEATE

Chi è veramente l'uomo che  il 14 luglio 1948 sparò quattro colpi di calibro 38 a Palmiro Togliatti, segretario del Partito comunista italiano? Era davvero, ai tempi dell'attentato, un esponente di estrema destra- cosa peraltro da lui sempre negata- così come venne dipinto dai media?

Il mistero di Antonio Pallante, ancora oggi, rimane insoluto.  Ma, una nuova ipotesi comincia a prendere corpo. Una ipotesi che affonda le sue radici a Randazzo, città dalla quale partì per Roma con l'idea di uccidere Togliatti.

Città che, insieme con tutta la provincia di Catania, in quegli anni era la culla del separatismo siciliano  e in cui, nel 1945, venne ucciso il Professor Antonio Canepa, leader dell'Evis, l'Esercito dei Volontari per l'Indipendenza Siciliana.

Di Canepa, Pallante era stato  alunno alla Facoltà di Giurisprudenza di Catania. E  lui stesso in una intervista del 1972  trasmessa da Rai Storia (sotto il link al video) conferma che negli anni in cui era studente, in Sicilia il dibattito politico era animanto dal fuoco separatista.

C'è dunque un nesso tra la sua decisione di attentare alla vita di Togliatti e la causa indipendentista siciliana?

L'interrogativo, declinato in tutti i suoi dettagli, è contenuto in un nuovo affascinante libro sugli anni che seguirono la Seconda Guerra Mondiale. Si intitola 'Il delitto Sicilia- Operazione Vulcano' di Salvatore Grillo Morasutti, edito da Bonfirraro (18.90euro - distribuito anche dalle librerie Mondadori), che verrà ufficialmente presentato Sabato 12 Luglio a Caltagirone.

Il testo, scritto sotto forma di romanzo storico - che lo rende di facile lettura anche ai neofiti - ripercorre le tappe principali della politica internazionale che all'indomani del conflitto ridisegnò stati e confini.

A questo disegno, ovviamente,  non sfuggì la Sicilia, unica regione in cui gi alleati imposero un governo provvisorio (Amgot) che dovette fronteggiare le istanze separatiste (nel 1945 il Movimento separatista aveva 500mila iscritti, gli altri partiti poche migliaia).

Nel libro di Grillo Morasutti, che pubblica documenti ufficiali dell'Intelligence inglese e americana, si evince chiaramente come le Grandi potenze straniere, all'inizio, avessero avuto un attegiamento del tutto  conciliante nei confronti di una Sicilia indipendente. Poi tutto cambia. Una Sicilia libera, infatti, avrebbe richiesto una contropartita troppo grande  in favore dei russi (ad esempio, l'annessione di quella che oggi chiamiamo Padania all'Iugoslavia di Tito).

Da qui sarebbe nata, secondo quanto leggiamo in questa interessante ricostruzione storica, l'Operazione Vulcano, ovvero la decisione di uccidere Antonio Canepa, che mai avrebbe accettato quella sorta di compromesso (rivelatosi alquanto fasullo) che poi ha portato all'Autonomia siciliana e alla sepoltura  dell'idea separatista.

L'influenza negativa della Russia rispetto alle istanze separatiste  e il ruolo di Togliatti nel 'sacrificio' della Sicilia, secondo la tesi del libro, potrebbero avere contribuito a spingere Pallante fino a Roma per uccidere il segretario del Pci.

L'autore del libro ricorda, tra l'altro, che Canepa aveva aderito al Partito Comunista fino al 1944, quando a Firenze aveva fondato il Partito dei lavoratori in polemica con le scelte fatte dai vertici sulla Sicilia. Siamo ad Ottobre. Otto mesi dopo, Canepa verrà ucciso dai Carabinieri  nell'ambito dell'Operazione Vulcano, decisa dagli Alleati e dal Governo italiano.  Al tempo dell'uccisione del leader dell'EVIS, Togliatti era il Vice Presidente del Consiglio. Difficile che non sapesse cosa si stava decidendo per l'Italia e per la Sicilia.

E' possibile dunque che Pallante avesse voluto vendicare Canepa?

Certo è che il trattamento da lui subito dopo l'attentato a Togliatti è molto singolare. Lo Stato, stranamente, si mostrò molto clemente con lui. Fu condannato, per un reato così  grave, a soli sette anni, dei quali solo due effettivamente scontati. Una volta scarcerato, fu assunto alla Forestale: un impiego pubblico.

Un premio per cosa? Il silenzio sulle reali motivazioni che lo avevano spinto ad attentare alla vita di Togliatti? Un altro contributo a quella propaganda ufficiale che ha voluto fare dimenticare ai siciliani parte della loro storia?

Nel libro, non mancano ( e non poteva essere diversamente) interrogativi anche sul ruolo di Don Sturzo, non solo sulla causa separatista (solo nel 1947 si dichiarò contrario, mentre uomini a lui molto vicini erano di sicura fede indipendentista) ma anche sullo sbarco degli alleati, organizzato mentre il prete calatino era esule negli Usa. Difficile, anche in questo caso, escludere un suo coinvolgimento.

Nel testo di Grillo Morasutti-  320 pagine da leggere tutto ad un fiato per la ricchezza di documenti storici citati e per  lo stile romanzesco che rende il tutto scorrevole- si sfogliano le pagine della storia dell'Isola, del suo incanto, delle sue speranze e dei suoi drammi. Ma, soprattutto, si apprendono fatti che gettano non poche ombre sulla già oscure prime ore della vita dell'Italia Repubblicana.

L'intervista a Pallante di Rai Storia.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email