Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Fischio d'inizio per i Mondiali di calcio

A san paolo stasera alle 22 brasile contro croazia. Neymar e co. Favoritissimi insieme alla spagna. Poche speranze per l'italia dopo tanta attesa alla fine brasile e croazia daranno il via alla xx edizione dei campionati del mondo di calcio, il massimo evento sportivo mondiale, un evento paragonabile soltanto alle olimpiadi. Quasi inutile sottolineare l'importanza "politica" di una manifestazione del genere. Del resto la fifa, l'organizzazione mondiale del pallone, ci tiene a sottolineare che non si tratta mai dei mondiali del brasile, del sudafrica o della germania, ma del torneo più prestigioso del mondo contemporaneo che viene organizzato in uno di questi paesi. Insomma i "padroni di casa" non sono i brasiliani,  o i tedeschi o i sudafricani, ma solo la fifa. Quindi è un po' inutile scandalizzarsi per la "strumentalizzazione" che alcuni gruppi sociali farebbero di una competizione sportiva. Posto che lo sia stato alle origini - e nutriamo seri dubbi il ruolo di calmiere delle tensioni sociali il pallone lo ha sempre avuto - sicuramente non lo è adesso.

Roberto Salerno

A San Paolo stasera alle 22 Brasile contro Croazia. Neymar e co. favoritissimi insieme alla Spagna. Poche speranze per l'Italia Dopo tanta attesa alla fine Brasile e Croazia daranno il via alla XX edizione dei campionati del mondo di calcio, il massimo evento sportivo mondiale, un evento paragonabile soltanto alle olimpiadi. Quasi inutile sottolineare l'importanza "politica" di una manifestazione del genere. Del resto la FIFA, l'organizzazione mondiale del pallone, ci tiene a sottolineare che non si tratta mai dei mondiali del Brasile, del Sudafrica o della Germania, ma del torneo più prestigioso del mondo contemporaneo che viene organizzato in uno di questi paesi. Insomma i "padroni di casa" non sono i brasiliani,  o i tedeschi o i sudafricani, ma solo la FIFA. Quindi è un po' inutile scandalizzarsi per la "strumentalizzazione" che alcuni gruppi sociali farebbero di una competizione sportiva. Posto che lo sia stato alle origini - e nutriamo seri dubbi il ruolo di calmiere delle tensioni sociali il pallone lo ha sempre avuto - sicuramente non lo è adesso.

[caption id="attachment_97722" align="alignleft" width="150"] Il brasiliano Neymar, su di lui le speranze dell'intero Brasile[/caption]

Rimane che al netto di scioperi, contraddizioni enormi e un po' volgari, come quelle di vivere in mezzo al lusso quando fuori si muore di fame, vorticoso giro d'affari - anche se non dovete credere a stime ridicole sull'aumento del PIL legato ad un pallone che scivola in rete piuttosto che prendere la traversa - biografie indecenti come quella del presidente della Federazione brasiliana, un ex torturatore della dittatura, tanto per gradire, dicevamo che al netto di tutto questo oggi 22 ex ragazzini si metteranno ad inseguire il primo sogno che tutti i maschietti fanno non appena imparano a pensare: vincere i mondiali di calcio.

La strafavorita è il Brasile, che sogna di vendicare la clamorosa disfatta di 64 anni fa, quando al Maracanà di Rio riuscirono a perdere un mondiale già vinto che fece sprofondare nel lutto un intero paese. Per fortuna loro poi arrivò Pelé a mettere le cose a posto ma da allora - e anche da prima - la storia dei verde-oro, della Seleçao, è un continuo partire favoriti e sperare di non incappare nel Paolo Rossi, nel Maradona o nello Zidane di turno. La novità è che per una volta almeno un'altra squadra sembra all'altezza dei brasiliani, la magnifica Spagna di Vicente del Bosque, che presenta un centrocampo da sogno, proprio come una volta i brasiliani, e che vince qualsiasi competizione a cui partecipa ormai da 6 anni.

Dietro di loro solo spazio per qualche outsiders, nella speranza che il calcio africano riesca finalmente ad entrare fra le prime 4 e che il gioco possa regolare scampoli che varrà la pena ricordare. Per quello ci si affida ai soliti noti, da Messi a Cristiano Ronaldo al povero Neymar che ha addosso una pressione che quella di Renzi è una bazzecola.

[caption id="attachment_97730" align="alignright" width="150"] Balotelli riuscirà a portare l'Italia in finale?[/caption]

Se a qualcuno venisse in mente l'Italia, mah, la squadra è molto debole, viene da periodi davvero frustranti ed è appesa alla mattane di Balotelli, che è forte per carità, ma insomma come lui dalle parti di Rio ce ne sono una ventina. E se è vero che il mondiale arriva sempre alla fine di una stagione terribilmente faticosa, che consente un certo livellamento perché i più forti sono anche i più stanchi, sperare nella solita fortuna non è proprio una tattica degna di raffinati strateghi.

Ma che la festa cominci, in fondo per qualche giorno potrebbe anche non fare male.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews