Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Il Palermo si prepara alla festa

Tra qualche ora, a novara, il palermo abbandonerà un campionato dominato dall'inizio dell'anno e con poche emozioni. La buona notizia è che i tifosi rosanero non hanno dovuto soffrire per troppo tempo. E' passato meno di un anno da quel 12 maggio 2013 che fece ufficialmente precipitare il palermo in serie b. I tifosi meno giovani oscillavano tra il ringraziamento per 10 anni vissuti come mai si sarebbero aspettati e la delusione mista a preoccupazione che tutto quanto fosse finito e che sarebbe ricominciato un lunghissimo purgatorio. Nonostante le tante soddisfazioni troppo nitido era il ricordo dei 30 anni passati a sospirare una promozione che sembrava non dovesse arrivare mai. Merito senz'altro della dirigenza rosanero aver fugato queste preoccupazioni ma se a palermo oggi il clima è meno festante di quello del 29 maggio del 2004 non è soltanto perché l'attesa è stata breve ma anche perché la squadra che torna in a non è neanche lontana parente di quella di toni e zauli di brienza e grosso e soprattutto di eugenio corini. Toni e grosso dopo appena due anni diventeranno addirittura campioni del mondo, e la stessa squadra con pochissimi accorgimenti arriverà trionfalmente in coppa uefa. Per quanto si possa essere ottimisti questo palermo è proprio un'altra cosa. Al posto di corini c'è stato un generosissimo barreto, qualsiasi paragone tra lafferty e toni rasenta la blasfemia, uno come zauli - e non solo tecnicamente, ma col coraggio di andare al meazza alla seconda di campionato e non farsi pestare i piedi da gente come zanetti, cambiasso, stankovic -  è introvabile anche tra molte squadre di a per non parlare di uno come fabio grosso, che tirò il rigore decisivo contro la francia.

Roberto Salerno

Tra qualche ora, a Novara, il Palermo abbandonerà un campionato dominato dall'inizio dell'anno e con poche emozioni. La buona notizia è che i tifosi rosanero non hanno dovuto soffrire per troppo tempo. E' passato meno di un anno da quel 12 maggio 2013 che fece ufficialmente precipitare il Palermo in serie B. I tifosi meno giovani oscillavano tra il ringraziamento per 10 anni vissuti come mai si sarebbero aspettati e la delusione mista a preoccupazione che tutto quanto fosse finito e che sarebbe ricominciato un lunghissimo purgatorio. Nonostante le tante soddisfazioni troppo nitido era il ricordo dei 30 anni passati a sospirare una promozione che sembrava non dovesse arrivare mai. Merito senz'altro della dirigenza rosanero aver fugato queste preoccupazioni ma se a Palermo oggi il clima è meno festante di quello del 29 maggio del 2004 non è soltanto perché l'attesa è stata breve ma anche perché la squadra che torna in A non è neanche lontana parente di quella di Toni e Zauli di Brienza e Grosso e soprattutto di Eugenio Corini. Toni e Grosso dopo appena due anni diventeranno addirittura campioni del mondo, e la stessa squadra con pochissimi accorgimenti arriverà trionfalmente in Coppa Uefa. Per quanto si possa essere ottimisti questo Palermo è proprio un'altra cosa. Al posto di Corini c'è stato un generosissimo Barreto, qualsiasi paragone tra Lafferty e Toni rasenta la blasfemia, uno come Zauli - e non solo tecnicamente, ma col coraggio di andare al Meazza alla seconda di campionato e non farsi pestare i piedi da gente come Zanetti, Cambiasso, Stankovic -  è introvabile anche tra molte squadre di A per non parlare di uno come Fabio Grosso, che tirò il rigore decisivo contro la Francia.

Insomma, passata la festa, sia dimessa o no, bisognerà mettere mano alla squadra in maniera consistente. E lo stesso allenatore sarebbe il caso si desse una regolata, perché un conto è vincere un campionato contro Latina e Lanciano, altro andare allo Juventus Stadium o a giocare contro il Milan.

Ma ci sarà tempo per queste considerazioni. Oggi è giorno di festa, vada il nostro ringraziamento a tutto lo staff tecnico e dirigenziale e alla generosità dell'intera formazione che ha saputo supplire a carenze tecniche con un'innegabile generosità. Il Palermo torna nel posto che gli compete, in alto i cuori.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews