Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Dybala - Pisano - Lafferty: il Palermo vede la A

6 giornate alla fine del campionato e lo scontro al “francioni” tra latina e palermo può già deciderne le sorti. I padroni di casa cercano la vincere per mantenere il secondo posto e frenare appena il cammino solitario degli ospiti, che, al contrario, sperano addirittura di poter festeggiare oggi la matematica promozione nella massima serie.

Alberto Prestileo

6 giornate alla fine del campionato e lo scontro al “Francioni” tra Latina e Palermo può già deciderne le sorti. I padroni di casa cercano la vincere per mantenere il secondo posto e frenare appena il cammino solitario degli ospiti, che, al contrario, sperano addirittura di poter festeggiare oggi la matematica promozione nella massima serie.

Mister Breda schiera i suoi secondo il più classico dei 4-4-2 con Iacobucci in porta; Brosco, Cottafava, Esposito e Ristevski in difesa; Viviani, Bruno, Morrone e Alhassan a centrocampo; Jonathas e l'ex Paolucci in attacco.

Dall'altra parte, Beppe Iachini mette in campo i suoi con il consueto 3-5-2, pur con qualche variazione nella linea dei centrocampisti. Andando con ordine, il “muro” Sorrentino presiede i propri pali; ancora Vitiello, insieme a Terzi ed Andelkovic, forma la linea difensiva; Pisano, preferito a Stevanovic, Bolzoni, Barreto, Vazquez e Lazaar formano il centrocampo; Dybala ed il ritrovato Belotti sono gli attaccanti.

La prima frazione, malgrado siano le prime due della classi di questa serie cadetta, non è esattamente entusiasmante; i neroazzurri provano a fare la partita ma non impegnano in nessuna circostanza Sorrentino, spettatore più o meno non pagante per tutti i primi 45'. D'altro canto, anche Iacobucci non viene quasi mai chiamato in causa, anche se si prende un bello spavento attorno al minuto 39: Vitiello porta effettivamente, infatti, in vantaggio i rosa ma l'arbitro Pairetto annulla per una spinta di Pisano proprio sul portiere avversario. Al riposo, rimane quindi invariato il punteggio: uno 0-0 giustissimo per i valori emersi nel corso del primo tempo.

Il secondo invece è di tutt'altro pregio: il Palermo ha voglia di portare a casa i 3, incoraggiato anche dalla contemporanea sconfitta del Crotone, quarto in classifica. Dopo appena 7' dalla ripresa, Dybala infatti porta sull'1-0 i propri compagni, pregustando così la possibile promozione. Le ali vengono però subito tappate dal pareggio laziale che, dopo neanche 6', arriva dai piedi dell'ex Michele Paoloucci, abile a sfruttare la torre di testa di Jonathas, liberatosi con uno schema da calcio piazzato. Anche questo però, dura poco perché dopo altri 10', i siciliani si riportano definitivamente sopra nel punteggio: direttamente da calcio d'angolo, Pisano stacca di testa ed insacca il 2-1. Da adesso in poi, è solo possesso palla per gli isolani che si limitano a controllare e non far prendere campo ai latini. Trovano però anche il tempo di calare il tris con Kyle Lafferty, subentrato ad Andrea Belotti, e servito perfettamente da Bolzoni, per uno dei più semplici dei gol.

Il punteggio si fissa così sul 3-1, con i rosa che toccano quota 75 e 18 punti di vantaggio sul terzo posto, occupato proprio dagli avversari odierni. Malgrado tale distacco, però, la squadra di Iachini non è ancora in serie A a causa degli scontri diretti non a proprio favore: in una ipotetica finale di classifica con Empoli, Latina e lo stesso Palermo fermi a 75 punti, i palermitani sarebbero fermi a quota 4 punti in virtù della vittoria di oggi e del pareggio ottenuto in toscana. Al contrario, gli empolesi sarebbero a 7 ed i laziali a 6, costringendo la compagine rosanero ai playoffs. A Novara, stando così le cose, basta un pareggio per tornare tra i “grandi”.

LATINA: 1 Iacobucci; 23 Brosco, 4 Cottafava (cap.), 27 Esposito; 13 Ristovski, 18 Morrone, 7 Viviani, 5 Bruno, 19 Alhassan; 33 Jonathas, 11 Paolucci.

A disposizione: 12 Tozzo, 3 Bruscagin, 9 Jefferson, 10 Gerbo, 15 Cisotti, 16 Milani, 28 Ricciardi, 31 Ghezzal, 32 Figliomeni.

Allenatore: Roberto Breda.

PALERMO: 1 Sorrentino; 29 Vitiello, 19 Terzi, 4 Andelkovic; 3 Pisano, 15 Bolzoni, 8 Barreto (cap.), 20 Vazquez, 7 Lazaar; 30 Belotti, 9 Dybala.

A disposizione: 22 Ujkani, 5 Milanovic, 10 Di Gennaro, 11 Hernandez, 14 Stevanovic, 18 Lafferty, 23 Verre, 27 Ngoyi, 28 Daprelà.

Allenatore: Giuseppe Iachini.

ARBITRO: Luca Pairetto (Nichelino).

Assistenti: Marco Avellano (Busto Arsizio) - Giovanni Colella (Padova).

Quarto ufficiale: Daniele Chiffi (Padova).

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×