Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

A Miami vince Djokovic, lo stato del tennis mondiale alla vigilia della Coppa Davis

Con la vittoria di djokovic su uno spento nadal a miami, si è chiusa la prima parte della stagione tennistica. Diciamo subito che non c'è da stare troppo allegri per lo stato di salute del nostro sport. Se il numero 1 al mondo riesce a vincere appena un paio di piccoli tornei non c'è da stare allegri. Lo spagnolo pare in effetti entrato in una brutta spirale, dopo la vittoria dello us open. Non ha più battuto djokovic, anche se ha strapazzato un paio di volte il vecchio federer, è stato sconfitto da dolgolopov e wawrinka, contro non aveva mai perso e - al di là di questi numeri poco lusinghieri per uno come lui - ha dato l'impressione di non essere l'inscalfibile guerriero di un paio di anni fa. Certo, dopo l'infortunio, in verità alquanto misterioso, che lo ha tenuto lontano dai campi per 7 mesi ha vinto due slam e fatto il solito filotto sulla terra rossa, ma appunto dando molto spesso l'impressione di essere sul punto di cadere. Se non è successo è perché la concorrenza non sembra sentire ancora l'odore del sangue. Djokovic si è lanciato in un'improbabile sodalizio con becker, cosa che gli è costata immediatamente il titolo australiano e qualche malumore che adesso sarà stato fugato dalla doppietta indian wells-miami; ma è dietro che si respira aria mesta. Il sorprendente vincitore di melbourne, wawrinka, sembra già tornato l'ottimo numero due svizzero e niente di più; dimitrov non si decide a decollare; dolgo è matto e berdych prima rivitalizza federer e poi si becca il disturbo gastrointestinale giusto quando deve raccogliere i frutti di una lunga rincorsa.

Roberto Salerno

Con la vittoria di Djokovic su uno spento Nadal a Miami, si è chiusa la prima parte della stagione tennistica. Diciamo subito che non c'è da stare troppo allegri per lo stato di salute del nostro sport. Se il numero 1 al mondo riesce a vincere appena un paio di piccoli tornei non c'è da stare allegri. Lo spagnolo pare in effetti entrato in una brutta spirale, dopo la vittoria dello US Open. Non ha più battuto Djokovic, anche se ha strapazzato un paio di volte il vecchio Federer, è stato sconfitto da Dolgolopov e Wawrinka, contro non aveva mai perso e - al di là di questi numeri poco lusinghieri per uno come lui - ha dato l'impressione di non essere l'inscalfibile guerriero di un paio di anni fa. Certo, dopo l'infortunio, in verità alquanto misterioso, che lo ha tenuto lontano dai campi per 7 mesi ha vinto due slam e fatto il solito filotto sulla terra rossa, ma appunto dando molto spesso l'impressione di essere sul punto di cadere. Se non è successo è perché la concorrenza non sembra sentire ancora l'odore del sangue. Djokovic si è lanciato in un'improbabile sodalizio con Becker, cosa che gli è costata immediatamente il titolo australiano e qualche malumore che adesso sarà stato fugato dalla doppietta Indian Wells-Miami; ma è dietro che si respira aria mesta. Il sorprendente vincitore di Melbourne, Wawrinka, sembra già tornato l'ottimo numero due svizzero e niente di più; Dimitrov non si decide a decollare; Dolgo è matto e Berdych prima rivitalizza Federer e poi si becca il disturbo gastrointestinale giusto quando deve raccogliere i frutti di una lunga rincorsa.
Insomma, il trasferimento sulla terra rossa potrebbe riservarci qualche sorpresa, ma non si capisce da dove possa arrivare. In mezzo a questa non proprio aurea mediocrità una buona notizia per i colori italiani arriva da un altro mattocchio che sembra aver messo un po' la testa a posto, il ligure Fabio Fognini. Il tennista azzurro è arrivato sino al numero 13 della classifica mondiale e non avendo grossi risultati da difendere se tiene a bada il Mr. Hyde che è in lui potrebbe diventare il terzo italiano ad approdare in top ten. Il che, considerato lo stato del tennis italiano, è un mezzo miracolo. A proposito: da venerdì prossimo si giocano a Napoli i quarti di finale di Coppa Davis contro la Gran Bretagna di Andy Murray. Praticamente impossibile strappare i due punti al vincitore di Wimbledon ma il secondo singolarista è un volenteroso semi-dilettante. Come dicono tutti, sarà il doppio a decidere il match. Chissà, magari la Federazione potrà avere un altro buon risultato per pubblicizzare una gestione tutta da discutere.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews